Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
MotoGP GP di Gran Bretagna

MotoGP | KTM ha chiesto la revisione di un possibile track limit di Bagnaia

KTM si è recata presso la Direzione Gara di Silverstone per richiedere una revisione di un'azione di Pecco Bagnaia all'ultimo giro, ritenendo che il pilota della Ducati avesse violato i track limits.

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Poco dopo essere stato superato dal vincitore del Gran Premio di Gran Bretagna, Aleix Espargaro, Pecco Bagnaia ha affrontato la curva Stowe all'esterno. Il pilota della Ducati è andato largo e l'inquadratura televisiva ha fatto sì che, almeno ad occhio, sembrasse che il campione in carica avesse superato i limiti della pista.

Il team manager di KTM Francesco Guidotti si è quindi recato in Direzione Gara per chiarire i fatti, ma i commissari gli hanno risposto che il sensore posizionato in quel punto non si è attivato al passaggio della moto del pilota torinese, circostanza che ha disinnescato ogni tentativo di reclamo.

Captura de TV en la que se ve el momento por el que KTM ha reclamado un fuera pista que no activo el sensor de aviso

Schermata televisiva che mostra il momento in cui KTM ha reclamato un'infrazione fuori pista che non ha fatto scattare il sensore di avvertimento.

Foto di: MotoGP

Se confermato, Bagnaia avrebbe dovuto cedere una posizione al suo più diretto inseguitore (Brad Binder), se i commissari avessero ritenuto che la sua azione gli avesse dato un vantaggio sufficiente per evitare il sorpasso da parte del sudafricano.

"I pneumatici non hanno toccato la zona verde - considerata fuori dall'asfalto - perché i sensori non si sono attivati", ha osservato la commissione dei commissari sportivi della FIM nella nuova applicazione sviluppata dall'organo di governo del campionato.

Tuttavia, il dibattito continua a infuriare sul trattamento dei track limits, in quanto il regolamento lascia ai commissari sportivi la possibilità di imporre sanzioni.

In gara, il regolamento prevede che vengano sanzionate o cumulate solo le infrazioni in cui il trasgressore ne trae vantaggio. Se la manovra viene ripetuta fino a tre volte durante la gara, il pilota in questione riceverà un'ammonizione, che si tradurrà immediatamente in una penalità se arriva a cinque.

Il conteggio non ha effetto se la manovra avviene all'ultimo giro. In tal caso, purché il trasgressore ne tragga un qualche vantaggio, i commissari valutano l'opportunità di comminare una penalità, che di solito comporta la perdita di una posizione.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Fotogallery MotoGP | L'Aprilia torna alla vittoria a Silverstone
Prossimo Articolo MotoGP | Bastianini: "Sulla GP23 mi sembra di essere su un chopper"

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia