MotoGP: KTM arriva a Misano con più dati dei rivali

La MotoGP approda a Misano per disputare un doppio appuntamento sulla pista riassaltata e qui KTM, grande rivelazione dell’anno, arriva con moltissime informazioni.

MotoGP: KTM arriva a Misano con più dati dei rivali

Il Misano World Circuit Manco Simoncelli ha iniziato a riassaltare la pista all’inizio del 2020, dopo che i piloti della MotoGP lo avevano chiesto in Safety Commission dopo il Gran Premio di San Marino del 2019, disputato a settembre dello scorso anno.

Per mostrare la nuova superficie del tracciato, l’impianto ha invitato a metà maggio, nelle prime fasi di riapertura dopo il lockdown in Italia, un gruppo di piloti della regione Emilia Romagna per testare la qualità del lavoro. Inizialmente, piloti come Valentino Rossi e Franco Morbidelli avrebbero dovuto prendere parte a questa specie di shakedown, ma alla fine non sono andati.

Leggi anche:

Chi invece si è recato a Misano per girare con la MotoGP in un test privato sono state KTM ed Aprilia, oltre a Sylvain Guintoli e Michele Pirro, collaudatori di Suzuki e Ducati rispettivamente. Non vi hanno preso parte Honda né Yamaha. Lo scorso giugno inoltre, KTM ha affittato l’impianto per completare un test privato, a cui in quel momento aveva diritto essendo un team che usufruiva delle concessioni. Queste sono state perse in parte dopo le recenti vittorie di Brad Binder a Brno e di Miguel Oliveira in Stiria.

Grazie alle concessioni, KTM ha portato tutto il suo arsenale di piloti e moto da gara, focalizzando il lavoro in pista nelle due prime giornate con il sudafricano ed il portoghese, insieme a Pol Espargaro ed il giovane debuttante Iker Lecuona. Nelle quattro sessioni dei due giorni, gli ingegneri KTM hanno potuto lavorare su tutti i dati raccolti dai quattro piloti.

Il test si è concluso con il miglior crono di Oliveira, in 1’32”913, un secondo e due decimi più rapido del suo tempo ottenuto a Misano lo scorso anno. Pol Espargaro è stato il secondo pilota più rapido, in 1’33”1, mentre i due rookie Binder e Lecuona hano girato il 1’33”5.

Avendo però perso parte delle concessioni nel 2020 (nel 2021 le perderà tutte), i piloti KTM che corrono nel mondiale non potranno svolgere un altro test e questa missione resta quasi completamente nelle mani di Dani Pedrosa. Il collaudatore spagnolo si è recato a fine agosto sulla pista romagnola per effettuare un altro test privato, come lo stesso pilota ha reso noto tramite i suoi profili social.

 

Pedrosa, che non era presente ai test di giugno, ha potuto confermare i dati dei suoi colleghi del test da loro svolto, ha provato il nuovo asfalto e ha affinato i dettagli con cui KTM si presenterà al doppio appuntamento di Misano. Dunque non sarebbe sorprendente sapere che la Casa austriaca potrebbe essere la squadra da battere, almeno per quanto riguarda le informazioni raccolte.

Collaborazione con Michelin

Oltre alla messa a punto della RC16, provare diversi telai ed altre componenti ed adattarsi al nuovo asfalto di Misano, i piloti KTM hanno potuto girare con le gomme posteriori di nuova produzione Michelin, che hanno dato tanti problemi ad alcuni team quest’anno. Inoltre saranno asimmetrici in questo doppio appuntamento.

Piero Taramasso, manager di Michelin Motorsport in MotoGP, spiega: “Misano è un tracciato inusuale e non si può mai sapere cosa aspettarsi. Ha offerto molto grip nel 2018, sono stati battuti record ed abbiamo visto giri veloci e costanti, ma lo scorso anno l’asfalto si è comportato come se ci fosse appena un minimo di trazione, perciò è stato giusto riasfaltare. In preparazione di questa stagione avevamo svolto dei test con alcuni team e piloti ed abbiamo i dati per scegliere i compound di quest’anno. Ora dobbiamo vedere come si comporta l’asfalto nel fine settimana di gara”.

Il fornitore di gomme francese ha approfittato del test di giugno a Misano per provare le nuove gomme. Dopo queste prove, è arrivati alla conclusione di portare un’opzione extra di gomma dura anteriore asimmetrica che si aggiunge alle tre simmetriche abituali: morbida, media e dura.

Come squadra che gode di concessioni, anche Aprilia si è recata a Misano per i test di giugno, con Aleix Espargaro e Bradley Smith. Nel caso del team di Noale, i giorni in pista sono stati tre, con un miglior crono di 1’32”932 firmato dallo spagnolo nell’ultima giornata. Degli altri team che non potevano girare con i piloti, hanno preso parte ai test i collaudatori: Michele Pirro con Ducati e Sylvain Guintoli con Suzuki, mentre Honda e Yamaha non hanno, ad oggi, alcuna informazione né riferimento del nuovo asfalto di Misano.

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
1/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
2/22

Foto di: MotoGP

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
3/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
4/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
5/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
6/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
7/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
8/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
9/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
10/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
11/22

Foto di: KTM

Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
12/22

Foto di: KTM

Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
13/22

Foto di: KTM

Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
14/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
15/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing
Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing
16/22

Foto di: MotoGP

Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing
Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing
17/22

Foto di: MotoGP

Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing
Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing
18/22

Foto di: MotoGP

Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing
Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing
19/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing
Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing
20/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing
Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing
21/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Brad Binder, Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
Brad Binder, Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
22/22

Foto di: Lewis Duncan

condivisioni
commenti
Stoner: "Senza Marquez, la MotoGP non ha un leader"

Articolo precedente

Stoner: "Senza Marquez, la MotoGP non ha un leader"

Prossimo Articolo

Crutchlow horror: foto e video dell'operazione sui social

Crutchlow horror: foto e video dell'operazione sui social
Carica commenti
MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati Prime

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati

Bagnaia precede Miller nella doppietta Ducati in quel di Misano. Alle spalle delle rosse di Borgo Panigale, abbiamo la Yamaha di Fabio Quartararo.

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.