MotoGP
06 ago
Evento in corso . . .
G
GP d'Austria
13 ago
Prossimo evento tra
6 giorni
G
GP di Stiria
21 ago
Prossimo evento tra
14 giorni
G
GP di San Marino
10 set
Prossimo evento tra
34 giorni
G
GP dell'Emilia Romagna
18 set
Prossimo evento tra
42 giorni
25 set
Prossimo evento tra
49 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
Canceled
09 ott
Prossimo evento tra
63 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
Prossimo evento tra
70 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
Prossimo evento tra
77 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
Canceled
G
GP d'Europa
06 nov
Prossimo evento tra
91 giorni
G
GP di Valencia
13 nov
Prossimo evento tra
98 giorni
20 nov
Canceled

MotoGP, Jerez, Warm-Up: Marquez si rimette davanti

condivisioni
commenti
MotoGP, Jerez, Warm-Up: Marquez si rimette davanti
Di:
19 lug 2020, 07:57

Il pilota della Honda è stato il più veloce, precedendo un Morbidelli con un ottimo passo. Terzo Vinales con due gomme soft. Più indietro Dovizioso e Rossi.

Marc Marquez è additato da molti come il favorito per il Gran Premio di Spagna di MotoGP e il pilota della Honda ha ribadito la sua intenzione di iniziare alla grande questa strana stagione 2020 durante il Warm-Up di Jerez de la Frontera.

Con una gomma dura all'anteriore ed una soft al posteriore, scelta fatta dalla maggior parte della griglia, il campione del mondo è stato il più veloce con un crono di 1'37"883. Nella sua scia, con le stesse gomme, c'è però un ottimo Franco Morbidelli, che con la Yamaha Petronas forse è addirittura quello che ha mostrato il passo migliore. Peccato che pomeriggio, quando scatterà la gara, la temperatura sarà sicuramente molto più alta.

Terza posizione per Maverick Vinales, che a differenza dei primi due ha girato con due gomme soft, ma è stato l'ultimo capace di infrangere il muro dell'1'38". Quarto tempo per un sorprendente Takaaki Nakagami, anche lui bravo a sfruttare una doppia gomma soft.

Stupisce poi che la migliore delle Ducati sia stata quella di Danilo Petrucci, veloce quanto finora non era riuscito ad essere in questo weekend. Il ternano ha girato con una gomma dura sull'anteriore ed una soft al posteriore. Il compagno Andrea Dovizios, che invece ha utilizzato due soft, non è andato oltre al nono tempo, seppur distanziato di soli 433 millesimi.

Tra le due Rosse si sono infilate anche le due KTM ufficiali di Pol Espargaro e Brad Binder, che si sono confermate competitive con il sesto e l'ottavo tempo rispettivamente. Tra di loro troviamo poi il poleman Fabio Quartararo, che stamani è parso molto guardingo e quasi voglioso di non scoprire troppo le sue carte.

Nella top 10 c'è spazio anche per Valentino Rossi, che ha chiuso con un gap di 455 millesimi da Marquez, precedendo l'unica Suzuki superstite, quella di Joan Mir. Questa mattina, infatti, è arrivato l'annuncio definitivo del fatto che Alex Rins non sarà della partita: lo spagnolo si è fratturato la testa dell'omero nella caduta in Q2 alla curva 11 e quindi è stato dichiarato unfit.

Attardate le due Ducati del Pramac Racing, che prenderanno il via dalla seconda fila, ma questa mattina hanno lavorato con gomme particolarmente usate: Jack Miller è 13esimo e Pecco Bagnaia 18esimo.

Con il regime di rotazione ridotto, continua a fare fatica poi Aleix Espargaro, 14esimo con la sua Aprilia anche se con appena poco più di mezzo secondo di ritardo. In coda al gruppo poi ci sono le due Honda di Alex Marquez e Cal Crutchlow, 19esimo e 20esimo, anche se il britannico è giustificato da una caduta ad alta velocità alla curva 8.

Il portacolori della Honda LCR è parso piuttosto stordito in un primo momento, ma poi si è rialzato ed è andato via dal luogo dell'incidente sulle sue gambe. In ogni caso, per sicurezza, è stato portato al Centro Medico del tracciato andaluso per tutti i controlli di rito.

Guarda il Gran Premio Red Bull di Spagna live su DAZN. Attiva ora

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Spain Marc Márquez Alenta Honda 11 1'37.883     162.671
2 Italy Franco Morbidelli Yamaha 12 1'37.934 0.051 0.051 162.587
3 Spain Maverick Viñales Yamaha 12 1'37.959 0.076 0.025 162.545
4 Japan Takaaki Nakagami Honda 12 1'38.087 0.204 0.128 162.333
5 Italy Danilo Petrucci Ducati 12 1'38.223 0.340 0.136 162.108
6 Spain Pol Espargaro KTM 12 1'38.234 0.351 0.011 162.090
7 France Fabio Quartararo Yamaha 12 1'38.256 0.373 0.022 162.054
8 South Africa Brad Binder KTM 12 1'38.273 0.390 0.017 162.026
9 Italy Andrea Dovizioso Ducati 12 1'38.316 0.433 0.043 161.955
10 Italy Valentino Rossi Yamaha 12 1'38.338 0.455 0.022 161.919
11 Spain Joan Mir Suzuki 12 1'38.384 0.501 0.046 161.843
12 Portugal Miguel Oliveira KTM 12 1'38.429 0.546 0.045 161.769
13 Australia Jack Miller Ducati 12 1'38.437 0.554 0.008 161.756
14 Spain Aleix Espargaro Aprilia 11 1'38.458 0.575 0.021 161.721
15 Spain Iker Lecuona KTM 12 1'38.602 0.719 0.144 161.485
16 United Kingdom Bradley Smith Aprilia 12 1'38.812 0.929 0.210 161.142
17 France Johann Zarco Ducati 12 1'38.854 0.971 0.042 161.073
18 Italy Francesco Bagnaia Ducati 11 1'38.865 0.982 0.011 161.055
19 Spain Alex Marquez Honda 12 1'39.064 1.181 0.199 160.732
20 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 7 1'39.143 1.260 0.079 160.604
21 Spain Tito Rabat Ducati 10 1'39.283 1.400 0.140 160.377
Rins dichiarato unfit, salta la gara di Jerez

Articolo precedente

Rins dichiarato unfit, salta la gara di Jerez

Prossimo Articolo

Crutchlow torna in circuito, dovrebbe correre

Crutchlow torna in circuito, dovrebbe correre
Carica commenti