MotoGP, Jerez: pole di Quartararo, super Bagnaia quarto

Il francese centra la settima pole in carriera e polverizza il record di Jerez, ma l'eroe è Pecco, che sfiora la prima fila dietro a Vinales e Marquez. Dovi ottavo e Rossi 11esimo.

MotoGP, Jerez: pole di Quartararo, super Bagnaia quarto

Da Jerez a Jerez. Sono passati più di 365 giorni, ma oggi la pole position di Fabio Quartararo ha tutto un altro sapore rispetto a quella che aveva conquistato nel GP di Spagna del 2019. Se quella dello scorso anno era quanto mai inattesa e lo aveva reso il poleman più giovane della storia, quella di oggi, la settima della sua carriera in MotoGP, è la conferma che il pilota della Yamaha Petronas rappresenta il futuro della classe regina.

Proprio nell'ultimo tentativo della Q2, il francese ha stampato un clamoroso 1'36"705, nuovo primato del tracciato andaluso che probabilmente nessuno pensava potesse essere raggiungibile con una temperatura infernale come quella di oggi.

Ma quella di oggi è una qualifica molto importante per la Yamaha, perché staccata di 139 millesimi da Quartararo c'è la M1 di Vinales. Ma soprattutto perché è la quarta gara consecutiva che al palo ci sarà una moto della Casa di Iwata.

Marc Marquez quindi si è dovuto accontentare solamente di andare a completare la prima fila con la sua Honda, con un ritardo di 157 millesimi. Poco male per il campione del mondo, che comunque festeggia la sua 100esima prima fila nella classe regina ed è accreditato di un gran passo.

La grande sorpresa di questa qualifica arriva dalla seconda fila, perché in quarta posizione troviamo un super Pecco Bagnaia. All'ultimo giro il portacolori del Pramac Racing era addirittura arrivato con un casco rosso al T3, ma poi si è dovuto accontentare di rimanere a 93 millesimi dalla prima fila con la sua Ducati.

Ma in generale è una buonissima giornata per la squadra di Paolo Campinoti, perché in seconda fila c'è anche Jack Miller, quinto nonostante una caduta ad alta velocità nel finale alla curva 11. La nota stonata in casa Ducati è Andrea Dovizioso: il forlivese non è andato oltre all'ottavo tempo, incappando anche in una scivolata alla curva 2 all'ultimo giro, che gli ha impedito di attaccare almeno alla seconda fila.

Davanti al vice-campione del mondo ci sono poi due dei piloti più chiacchierati di questo momento, ovvero Cal Crutchlow e Pol Espargaro, con il britannico che si è preso la soddisfazione di lasciare fuori dalla seconda fila il pilota che gli ha rubato il posto in Honda per il 2021. Va detto però che il settimo tempo di "Polyccio" vale tanto in sella ad una KTM.

A chiudere la terza fila c'è la Suzuki di Alex Rins, ma purtroppo lo spagnolo è stato vittima di una brutta caduta alla curva 11 nel finale (tra l'altro, aveva già patito una chiusura d'anteriore alla curva 2 nella Q1). Si è rialzato dolorante e condotto al Centro Medico, quindi bisognerà vedere se potrà proseguire il suo weekend o meno.

Bisogna arrivare fino alla quarta fila quindi per trovare Valentino Rossi: dopo aver centrato la Q2 diretta stamattina, con il caldo il "Dottore" è tornato a faticare davvero tanto, chiudendo 11esimo ad oltre un secondo di ritardo da Quartararo. Accanto a lui ci saranno la Yamaha Petronas di Franco Morbidelli in decima piazza e Joan Mir in 12esima con la seconda Suzuki.

L'avventura di Brad Binder nella classe regina inizia con un'eliminazione in qualifica. Il pilota della KTM ha chiuso la Q1 con un ritardo di 138 millesimi rispetto al compagno di squadra e aprirà una quinta fila che dividerà con la Ducati di Danilo Petrucci, non ancora al top fisicamente dopo la caduta dei test di mercoledì, e con la Honda LCR di Takaaki Nakagami.

Ci si aspettava forse qualcosina in più del 16esimo posto in griglia per la nuova Aprilia RS-GP di Aleix Espargaro, ma purtroppo la Casa di Noale è stata costretta ad abbassare il regime di rotazione del motore nuovo per questioni di affidabilità e quindi per ora il pilota spagnolo dovrà correre un po' in difesa.

La buona notizia è che Bradley Smith ha chiuso a solo una ventina di millesimi dal suo caposquadra ed è a sua volta in sesta fila, alle spalle anche della KTM Tech 3 di Miguel Oliveira, nonostante una scivolata alla curva 2.

Non è iniziata nel migliore dei modi invece l'esperienza in Ducati di Johann Zarco, caduto alla curva 6 e solamente 20esimo in griglia, alle spalle anche del compagno di box in Avintia, lo spagnolo Tito Rabat.

E' andata decisamente peggio ad Alex Marquez, che per ora non sembra in grado di fare nulla per far pentire la Honda di averlo già escluso dalla squadra ufficiale per il 2021. Il campione del mondo della Moto2, infatti, è solamente 21esimo in griglia, con alle sue spalle il solo Iker Lecuona sulla KTM Tech 3.

Guarda il Gran Premio Red Bull di Spagna live su DAZN. Attiva ora.

Classifica Q2

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 France Fabio Quartararo Yamaha 7 1'36.705     164.653
2 Spain Maverick Viñales Yamaha 7 1'36.844 0.139 0.139 164.417
3 Spain Marc Márquez Alenta Honda 8 1'36.862 0.157 0.018 164.386
4 Italy Francesco Bagnaia Ducati 7 1'36.955 0.250 0.093 164.228
5 Australia Jack Miller Ducati 6 1'37.453 0.748 0.498 163.389
6 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 8 1'37.454 0.749 0.001 163.387
7 Spain Pol Espargaro KTM 6 1'37.493 0.788 0.039 163.322
8 Italy Andrea Dovizioso Ducati 7 1'37.535 0.830 0.042 163.252
9 Spain Alex Rins Suzuki 6 1'37.636 0.931 0.101 163.083
10 Italy Franco Morbidelli Yamaha 8 1'37.674 0.969 0.038 163.019
11 Italy Valentino Rossi Yamaha 8 1'37.741 1.036 0.067 162.908
12 Spain Joan Mir Suzuki 8 1'37.784 1.079 0.043 162.836

Classifica Q1

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Spain Alex Rins Suzuki 6 1'37.063     164.046
2 Spain Pol Espargaro KTM 7 1'37.258 0.195 0.195 163.717
3 South Africa Brad Binder KTM 7 1'37.396 0.333 0.138 163.485
4 Italy Danilo Petrucci Ducati 7 1'37.423 0.360 0.027 163.439
5 Japan Takaaki Nakagami Honda 8 1'37.434 0.371 0.011 163.421
6 Spain Aleix Espargaro Aprilia 7 1'37.940 0.877 0.506 162.577
7 Portugal Miguel Oliveira KTM 7 1'37.964 0.901 0.024 162.537
8 United Kingdom Bradley Smith Aprilia 6 1'37.966 0.903 0.002 162.533
9 Spain Tito Rabat Ducati 8 1'38.029 0.966 0.063 162.429
10 France Johann Zarco Ducati 7 1'38.106 1.043 0.077 162.301
11 Spain Alex Marquez Honda 8 1'38.256 1.193 0.150 162.054
12 Spain Iker Lecuona KTM 6 1'38.512 1.449 0.256 161.633
condivisioni
commenti
MotoGP, Jerez, Libere 4: Marquez di un soffio su Vinales

Articolo precedente

MotoGP, Jerez, Libere 4: Marquez di un soffio su Vinales

Prossimo Articolo

Rossi: "Mi sporgo poco dalla moto? Non sono d'accordo"

Rossi: "Mi sporgo poco dalla moto? Non sono d'accordo"
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021