MotoGP, Jerez, Libere 2: Ducati vola con Bagnaia, Rossi 21°

Il pilota italiano ha fatto una gran differenza, con il solo Quartararo che è riuscito a ridurre a poco meno di due decimi il distacco. Si conferma veloce l'Aprilia, terza con Espargaro, e Morbidelli è quarto con la gomma media. Per ora è indietro Marquez, solo 16esimo, ma se la passa peggio Rossi che è 21esimo a 1"4.

MotoGP, Jerez, Libere 2: Ducati vola con Bagnaia, Rossi 21°

Dopo aver fatto primo e secondo a Portimao, i primi due della classifica iridata si sono mostrati in grande spolvero anche a Jerez de la Frontera. Pecco Bagnaia e Fabio Quartararo si sono presentati a posizioni invertite al termine della prima giornata di prove del Gran Premio di Spagna di MotoGP.

Il ducatista ha fatto veramente un giro strepitoso, perché con il suo 1'37"209 è arrivato davvero vicino alla pole dello scorso anno. Ma indubbiamente Pecco ha fatto una gran differenza se si guarda i distacchi che è riuscito a rifilare alle altre Desmosedici GP: Johann Zarco è nono a 679 millesimi, mentre Jack Miller è addirittura 12esimo a 756 millesimi, quindi al momento sarebbe addirittura costretto a passare dalla Q1.

Come detto, alle spalle di Bagnaia si è proposto il leader del Mondiale Quartararo, che con la sua Yamaha ha provato fino all'ultimo giro a saltare davanti al piemontese, ma alla fine si è dovuto inchinare per 178 millesimi.

Dal terzo in giù sono tutti più distanziati, perché si parla di oltre quattro decimi di gap, anche se Aleix Espargaro e Franco Morbidelli sono quelli che hanno dato la sensazione di essere attrezzati meglio a livello di passo. L'Aprilia quindi si conferma competitiva anche in Andalusia, ma a stupire è stato soprattutto il pilota della Yamaha Petronas, perché il suo 1'37"704 è arrivato con la gomma media al posteriore, mentre tutti gli altri nelle prime posizioni hanno montato la soft.

A completare la top 5 c'è l'altra Yamaha di Maverick Vinales, che paga poco più di mezzo secondo, mentre sesta c'è la migliore delle Honda, che è quella di Takaaki Nakagami. Il giapponese è il solo ad essere riuscito a centrare la top 10 in sella ad una RC213V, mentre Pol Espargaro e Marc Marquez sono solamente in 14esima e 16esima posizione, anche se l'otto volte iridato non ha fatto un time attack vero e proprio e non è ancora completamente fluido nella guida.

Dopo il miglior tempo della FP1, Brad Binder si è dovuto accontentare del decimo posto. Restando nel box KTM, è riuscito a fare meglio di lui Miguel Oliveira, autore del settimo tempo a circa sei decimi. Detto del nono tempo di Zarco, l'ultimo ad essersi inserito nella top 10 è Alex Rins, ottavo con la Suzuki. Più in difficoltà invece il campione del mondo in carica Joan Mir, che non è riuscito a fare meglio del 13esimo tempo. Ormai per lui rischiare la Q1 sta diventando quasi un'abitudine.

Dei big, quello che continua a fare più fatica di tutti però è senza ombra di dubbio Valentino Rossi, perché il "Dottore" si ritrova in 21esima posizione, con alle sue spalle solamente Iker Lecuona ed il rientrante Tito Rabat, vittima di una caduta all'ultima curva, fortunatamente senza conseguenze. A preoccupare è il distacco del #46, ben 1"4.

Per quanto riguarda gli altri italiani, Luca Marini ha inserito la sua Ducati della VR46 Avintia in 15esima posizione, mentre poco più indietro c'è il terzetto composto da Danilo Petrucci, Enea Bastianini e Lorenzo Savadori, che occupano le posizioni tra la 17esima e la 19esima.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Italy Francesco Bagnaia Ducati 18 1'37.209     163.799
2 France Fabio Quartararo Yamaha 19 1'37.387 0.178 0.178 163.500
3 Spain Aleix Espargaro Aprilia 17 1'37.646 0.437 0.259 163.066
4 Italy Franco Morbidelli Yamaha 20 1'37.704 0.495 0.058 162.969
5 Spain Maverick Viñales Yamaha 20 1'37.726 0.517 0.022 162.933
6 Japan Takaaki Nakagami Honda 19 1'37.775 0.566 0.049 162.851
7 Portugal Miguel Oliveira KTM 20 1'37.816 0.607 0.041 162.783
8 Spain Alex Rins Suzuki 19 1'37.847 0.638 0.031 162.731
9 France Johann Zarco Ducati 17 1'37.888 0.679 0.041 162.663
10 South Africa Brad Binder KTM 19 1'37.896 0.687 0.008 162.650
11 Germany Stefan Bradl Honda 20 1'37.939 0.730 0.043 162.578
12 Australia Jack Miller Ducati 18 1'37.965 0.756 0.026 162.535
13 Spain Joan Mir Suzuki 19 1'38.040 0.831 0.075 162.411
14 Spain Pol Espargaro Honda 20 1'38.115 0.906 0.075 162.287
15 Italy Luca Marini Ducati 17 1'38.274 1.065 0.159 162.024
16 Spain Marc Márquez Alenta Honda 18 1'38.295 1.086 0.021 161.989
17 Italy Danilo Petrucci KTM 19 1'38.462 1.253 0.167 161.715
18 Italy Enea Bastianini Ducati 19 1'38.516 1.307 0.054 161.626
19 Italy Lorenzo Savadori Aprilia 16 1'38.594 1.385 0.078 161.498
20 Spain Alex Marquez Honda 20 1'38.618 1.409 0.024 161.459
21 Italy Valentino Rossi Yamaha 20 1'38.698 1.489 0.080 161.328
22 Spain Iker Lecuona KTM 18 1'38.713 1.504 0.015 161.303
23 Spain Tito Rabat Ducati 19 1'39.023 1.814 0.310 160.799
condivisioni
commenti
MotoGP, Jerez, Libere 1: Binder beffa Aleix Espargaro

Articolo precedente

MotoGP, Jerez, Libere 1: Binder beffa Aleix Espargaro

Prossimo Articolo

Marquez: “Ci ho messo qualche giro a fare la Curva 3 normalmente”

Marquez: “Ci ho messo qualche giro a fare la Curva 3 normalmente”
Carica commenti
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021
Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez" Prime

Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez"

La maturazione del pilota della Yamaha è evidente e con un pizzico di fortuna in più forse staremmo già parlando di un dominio incontrastato. Proprio come Marquez, Fabio sta dimostrando di saper andare anche oltre il valore del mezzo. E ora è davvero un peccato che lui e Marc non si possano battere alle pari...

MotoGP
1 giu 2021