MotoGP
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
14 mag
-
17 mag
Evento concluso
28 mag
-
31 mag
Evento concluso
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
10 Ore
:
34 Minuti
:
08 Secondi
18 giu
-
21 giu
Canceled
25 giu
-
28 giu
Canceled
09 lug
-
12 lug
Canceled
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
63 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
70 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Canceled
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
98 giorni
G
GP di Aragon
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
113 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
120 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
133 giorni
23 ott
-
25 ott
Canceled
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
147 giorni
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
162 giorni
20 nov
-
22 nov
Prossimo evento tra
169 giorni
G
GP di Valencia
27 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
176 giorni

MotoGP, Jerez, Libere 1: Marquez precede un ritrovato Lorenzo, Rossi solo 18esimo

condivisioni
commenti
MotoGP, Jerez, Libere 1: Marquez precede un ritrovato Lorenzo, Rossi solo 18esimo
Di:
3 mag 2019, 09:03

Le Honda partono forte e monopolizzano le prime due posizioni, seguite dalla Yamaha di Vinales. Quinto tempo per la Ducati di Dovizioso, ma nella top 10 ci sono anche Petrucci e Morbidelli. Indietro Valentino, che però fa debuttare il "cucchiaio".

Dopo la batosta di Austin, in casa Honda sono arrivati a Jerez con una voglia enorme di riscatto e lo si è capito chiaramente fin dalla prima sessione di prove libere del GP di Spagna di classe MotoGP, con Marc Marquez a far segnare il miglior tempo davanti ad un ritrovato Jorge Lorenzo.

Il campione del mondo in carica è stato il solo a scendere sotto al muro dell'1'38", ma il suo 1'37"921 è già una prestazione molto indicativa di quanto possa valere il nuovo asfalto del tracciato andaluso, visto che con gomma dura al posteriore Marc è riuscito a portarsi a soli tre decimi dal primato assoluto della pista.

Il suo compagno di squadra aveva cerchiato in rosso l'appuntamento di Jerez, perché era convinto che su una delle sue piste preferite avrebbe iniziato ad essere veloce anche sulla RC213V (ma era stato secondo anche in un turno di libere in Qatar) e così è stato, perché Lorenzo ha chiuso a soli 124 da Marquez, pur utilizzando però la gomma media al posteriore.

Stessa mescola che è stata montata da Maverick Vinales per portare la sua Yamaha in terza posizione nei minuti conclusivi del turno: lo spagnolo paga 191 millesimi e precede di appena 22 millesimi il giapponese Takaaki Nakagami, che conferma il grande stato di forma della Honda su questo tracciato, anche se va detto che il suo 1'38"134 è arrivato con la gomma soft al posteriore.

Nel finale anche Andrea Dovizioso ha provato a mettersi alla pari di Marquez, montando la gomma dura al posteriore, ed è proprio in questa fase che il pilota della Ducati è riuscito a realizzare l'1'38"150 che gli vale la quinta posizione, davanti ad un sempre velocissimo Fabio Quartararo con la Yamaha Petronas.

A seguire troviamo le altre due Ducati di Jack Miller e Danilo Petrucci, separate tra loro di appena una manciata di millesimi, ma distanti di oltre mezzo secondo dal miglior crono di Marquez. Nella top 10 c'è spazio poi anche per Franco Morbidelli, nono a 557 millesimi. Il portacolori della Yamaha Petronas però è tra i pochi che nel finale hanno usato la gomma soft al posteriore.

Il quadro di quelli che al momento avrebbero accesso diretto alla Q2 si completa poi con la Suzuki di Alex Rins, con il fresco vincitore della gara di Austin che a sua volta ha ottenuto la sua prestazione con la gomma dura al posteriore, proprio come Marquez e Dovizioso, anche se si ritrova ad oltre sei decimi.

Il primo degli "esclusi" è Cal Crutchlow, 11esimo, ma noterete sicuramente che per ora manca all'appello Valentino Rossi: il "Dottore" non ha mai avuto tempi in linea con i migliori ed ha chiuso solamente 18esimo, staccato di 1"4. Nel finale però ha anche portato al debutto lo spoiler sul forcellone della M1.

Stessa soluzione che in questa sessione è comparsa per la prima volta anche sulle Aprilia, che però per il momento arrancano un po': la migliore è quella di Aleix Espargaro, 14esimo nonostante un drittone nella ghiaia alla curva 6, mentre Andrea Iannone è 16esimo.

Se la passano leggermente meglio le KTM, con Johann Zarco autore del 12esimo tempo: il francese spera di confermare qui i progressi trovati con il nuovo telaio della RC16 che ha provato nei test di Le Mans, ma nel finale è stato anche protagonista di una scivolata alla curva 11. 21esimo tempo, infine, per l'altra Ducati di Pecco Bagnaia.

Cla Pilota Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Spain Marc Márquez Alenta 18 1'37.921     162.608
2 Spain Jorge Lorenzo 19 1'38.045 0.124 0.124 162.402
3 Spain Maverick Viñales 17 1'38.112 0.191 0.067 162.292
4 Japan Takaaki Nakagami 21 1'38.134 0.213 0.022 162.255
5 Italy Andrea Dovizioso 19 1'38.150 0.229 0.016 162.229
6 France Fabio Quartararo 21 1'38.209 0.288 0.059 162.131
7 Australia Jack Miller 15 1'38.464 0.543 0.255 161.711
8 Italy Danilo Petrucci 19 1'38.474 0.553 0.010 161.695
9 Italy Franco Morbidelli 19 1'38.478 0.557 0.004 161.688
10 Spain Alex Rins 20 1'38.534 0.613 0.056 161.597
11 United Kingdom Cal Crutchlow 19 1'38.800 0.879 0.266 161.161
12 France Johann Zarco 19 1'38.897 0.976 0.097 161.003
13 Spain Joan Mir 21 1'38.905 0.984 0.008 160.990
14 Spain Aleix Espargaro 20 1'38.942 1.021 0.037 160.930
15 Germany Stefan Bradl 21 1'38.975 1.054 0.033 160.876
16 Italy Andrea Iannone 18 1'39.064 1.143 0.089 160.732
17 Spain Pol Espargaro 19 1'39.141 1.220 0.077 160.607
18 Italy Valentino Rossi 20 1'39.380 1.459 0.239 160.221
19 United Kingdom Bradley Smith 18 1'39.410 1.489 0.030 160.173
20 Spain Tito Rabat 20 1'39.667 1.746 0.257 159.760
21 Italy Francesco Bagnaia 17 1'39.675 1.754 0.008 159.747
22 Czech Republic Karel Abraham 17 1'39.949 2.028 0.274 159.309
23 Portugal Miguel Oliveira 18 1'40.313 2.392 0.364 158.731
24 Malaysia Hafizh Syahrin 18 1'41.093 3.172 0.780 157.506
Prossimo Articolo
Rins: "Che mi vedano candidato al titolo è una pressione positiva"

Articolo precedente

Rins: "Che mi vedano candidato al titolo è una pressione positiva"

Prossimo Articolo

MotoGP, Jerez, Libere 2: Petrucci guida l'1-2 Ducati prima della bandiera rossa

MotoGP, Jerez, Libere 2: Petrucci guida l'1-2 Ducati prima della bandiera rossa
Carica commenti