MotoGP, Jerez, Libere 1: Marquez al top, Rossi solo 13esimo

Il campione del mondo svetta, ma i primi sei sono nello spazio di 137 millesimi. Alle sue spalle Vinales e Crutchlow, ma bene Dovizioso quarto. Indietro Rossi.

MotoGP, Jerez, Libere 1: Marquez al top, Rossi solo 13esimo

Dopo diversi mesi di attesa, finalmente si è tornati a fare sul serio. Questa mattina la MotoGP è scesa in pista a Jerez de la Frontera per la prima sessione di prove libere del GP di Spagna, ripartendo un po' da dove ci aveva lasciato alla fine del 2018: con Marc Marquez davanti a tutti.

Il campione del mondo ha piazzato la sua Honda in cima alla lista dei tempi con un crono di 1'37"350, ottenuto dopo aver portato un po' a "scuola" anche il fratello Alex, che a metà turno pareva piuttosto in difficoltà. La scia del #93 gli ha permesso di scalare la classifica, anche se il suo attuale 16esimo tempo a 862 millesimi dalla vetta lo terrebbe fuori dalla Q2.

Alle spalle di Marquez comunque sono ben sei i piloti racchiusi nello spazio di appena 137 millesimi e a capitanare il gruppo degli inseguitori c'è la Yamaha di Maverick Vinales, staccata di 24 millesimi, con il pilota di Roses che ha dato la sensazione di essere il più vicino a Marc anche a livello di passo.

Terzo tempo per la Honda con i colori LCR di Cal Crutchlow, con il pilota britannico che ha piazzato una bella zampata nel finale, portandosi a soli 88 millesimi dall'altra RC213V. Buono però anche il turno delle Ducati, con Andrea Dovizioso e Jack Miller che si sono piazzati in quarta ed in sesta posizione.

Il forlivese, dunque, ha confermato di non avere grossi problemi legati alla clavicola fratturata ed operata qualche settimana fa, ma sembra iniziare a trovare la quadra anche con la nuova gomma posteriore della Michelin. 121 i millesimi pagati da Dovi, 137 invece quelli di "Jackass".

Tra di loro c'è una Suzuki e a sorpresa si tratta di quella di Joan Mir, che è riuscito ad essere più veloce di un Alex Rins che comunque non è troppo distante, visto che occupa la settima posizione a 219 millesimi.

L'altra sorpresa sono le tre moto che completano l'elenco dei piloti che al momento avrebbero accesso diretto alla Q2, perché si tratta di tre KTM e due di queste sono affidate a dei rookie. Il futuro sposo Honda Pol Espargaro ha infatti staccato l'ottavo tempo, tallonato però da Iker Lecuona e Brad Binder.

Al momento il primo degli esclusi sarebbe Johann Zarco, 11esimo per 17 millesimi con la Ducati Avintia. La sorpresa in negativo sono invece le altre tre Yamaha, perché sono tutte piuttosto attardate, con Franco Morbidelli e Valentino Rossi rispettivamente in 12esima e 13esima posizione, staccati di sei e sette decimi.

Il più giustificato forse è Fabio Quartararo, che è solamente in 17esima posizione a 895 millesimi, ma va ricordato che non è potuto scendere in pista nei primi 20 minuti del turno come sanzione per aver effettuato un test con una R1 stradale che montava alcune parti da competizione.

Ci si aspettava forse qualcosina in più anche dall'Aprilia di Aleix Espargaro, 15esimo ad otto decimi, ma dopo aver completato un buon test mercoledì è piuttosto indietro anche Pecco Bagnaia, solo 18esimo con la seconda Ducati del Pramac Racing. Così come è ancora dolorante al collo Danilo Petrucci, autore di una brutta caduta nei test e quindi solo 21esimo con 1"1 di ritardo.

Guarda la MotoGP live su DAZN. Attiva Ora

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Spain Marc Márquez Alenta Honda 21 1'37.350     163.562
2 Spain Maverick Viñales Yamaha 21 1'37.374 0.024 0.024 163.522
3 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 19 1'37.438 0.088 0.064 163.414
4 Italy Andrea Dovizioso Ducati 19 1'37.471 0.121 0.033 163.359
5 Spain Joan Mir Suzuki 16 1'37.481 0.131 0.010 163.342
6 Australia Jack Miller Ducati 17 1'37.487 0.137 0.006 163.332
7 Spain Alex Rins Suzuki 20 1'37.569 0.219 0.082 163.195
8 Spain Pol Espargaro KTM 18 1'37.712 0.362 0.143 162.956
9 Spain Iker Lecuona KTM 17 1'37.714 0.364 0.002 162.953
10 South Africa Brad Binder KTM 18 1'37.923 0.573 0.209 162.605
11 France Johann Zarco Ducati 21 1'37.940 0.590 0.017 162.577
12 Italy Franco Morbidelli Yamaha 21 1'37.982 0.632 0.042 162.507
13 Italy Valentino Rossi Yamaha 20 1'38.118 0.768 0.136 162.282
14 Japan Takaaki Nakagami Honda 19 1'38.129 0.779 0.011 162.263
15 Spain Aleix Espargaro Aprilia 16 1'38.209 0.859 0.080 162.131
16 Spain Alex Marquez Honda 19 1'38.212 0.862 0.003 162.126
17 France Fabio Quartararo Yamaha 13 1'38.245 0.895 0.033 162.072
18 Italy Francesco Bagnaia Ducati 18 1'38.316 0.966 0.071 161.955
19 Spain Tito Rabat Ducati 19 1'38.337 0.987 0.021 161.920
20 Portugal Miguel Oliveira KTM 19 1'38.506 1.156 0.169 161.642
21 Italy Danilo Petrucci Ducati 18 1'38.507 1.157 0.001 161.641
22 United Kingdom Bradley Smith Aprilia 12 1'38.730 1.380 0.223 161.276
condivisioni
commenti
Simulazione MotoGP: è la gomma posteriore sotto stress

Articolo precedente

Simulazione MotoGP: è la gomma posteriore sotto stress

Prossimo Articolo

Ciabatti: "Lorenzo torna in Ducati? E' un'idea nella sua testa"

Ciabatti: "Lorenzo torna in Ducati? E' un'idea nella sua testa"
Carica commenti
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021