MotoGP | Jarvis: "Otto Ducati? Non è normale né buono per Yamaha"

Con la possibilità che il team VR46 lasci la Ducati e corra con la Yamaha nel 2024, Lin Jarvis, il team principal della casa giapponese, ha delineato la sequenza di eventi che porterà la casa giapponese ad avere solo due moto sulla griglia della MotoGP il prossimo anno.

MotoGP | Jarvis: "Otto Ducati? Non è normale né buono per Yamaha"
Carica lettore audio

La scorsa settimana, in occasione dell'assemblea annuale della Federazione Internazionale di Motociclismo (FIM), Jorge Viegas, rieletto presidente dell'organismo, ha confermato ciò che la maggior parte del paddock della MotoGP sospettava da mesi. "Nel 2024, il team di Valentino Rossi lascerà la Ducati e correrà con la Yamaha. Questa è l'idea, anche se per ora non c'è nulla di confermato. Do una notizia: nel 2024 ci saranno sei Ducati e quattro Yamaha", ha detto il portoghese, dopo aver chiarito che la situazione attuale, con due sole M1, quelle del team ufficiale della Casa di Iwata, non è di suo gradimento: "Non la vedo bene.

Che Viegas approvi o meno, il fatto è che la Yamaha la prossima stagione avrà solo i prototipi di Fabio Quartararo e Franco Morbidelli, un enorme contrasto con la Ducati, che avrà uno schieramento quadruplicato: avrà otto Desmosedici, le stesse della scorsa stagione. Questo divario non può che far piacere a Ducati, che ha molti vantaggi in termini di raccolta dati e molte più possibilità di sviluppo rispetto alla concorrenza, visto che Honda porterà solo quattro RC213V, le stesse di KTM e Aprilia, a partire dal 2023.

Questa disparità non piace né alla Yamaha né ai promotori del campionato, che però non intervengono in un mercato considerato libero, e nel quale Aprilia ha offerto condizioni migliori della Yamaha alla RNF, la squadra che l'anno prossimo erediterà la RS-GP con cui Aleix Espargaró e Maverick Viñales hanno corso nel 2022. I piloti scelti da Razlan Razali sono Miguel Oliveira e Raul Fernandez, che si sono già allenati nella giornata di test tenutasi a Valencia martedì dopo l'ultimo Gran Premio.

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Per capire come Yamaha si sia fatta rubare il portafoglio da Aprilia, nessuno meglio di Lin Jarvis, con cui Motorsport.com ha parlato qualche giorno fa. Il dirigente è molto chiaro, sia su come sono andate le cose sia sulla sua intenzione di invertirle al più presto, per tornare alle quattro moto in griglia, che considera il numero giusto.

"Alla fine del 2021, l'allora Sepang Racing Team (SRT) aveva perso Petronas come title sponsor per il 2022. Proprio allora abbiamo dovuto rinnovare il contratto con il team di Razlan, ma lo abbiamo fatto per un solo anno (2022), perché eravamo preoccupati per la sostenibilità finanziaria del progetto", dice Jarvis. "All'epoca, Aprilia era molto aggressiva nelle sue intenzioni di espandere il numero di moto e ha offerto alla RNF un contratto di più di un anno, al quale la Yamaha non ha voluto cedere", aggiunge Jarvis, che non tarda a riconoscere il suo disappunto per l'intera vicenda, soprattutto per l'esito. "È normale che la Ducati abbia otto moto in griglia? No. È un bene per il campionato? No. È un bene per la Yamaha? No", ha detto il britannico, determinato a correggere la situazione, soprattutto ora che Quartararo ha già detto, attivamente e ripetutamente, che questa mancanza di supporto in pista è direttamente dannosa per le sue aspirazioni. "Vorremmo che quattro piloti Yamaha tornassero in pista nel 2024; questo è il nostro desiderio", ha detto Jarvis che, senza fare nomi, afferma di essere già in "trattativa" sull'argomento. "Ora resta da vedere se riusciremo a superare gli ostacoli", dice, riferendosi alle condizioni che Ducati offre a VR46 e se Yamaha accetterà di eguagliarle o migliorarle.

condivisioni
commenti

MotoGP | Razali: “Binder è stato vittima della separazione RNF-Yamaha”

MotoGP | La stagione 2022 conta più cadute degli ultimi 13 anni