MotoGP, Jack Miller pilota ufficiale Ducati dal 2021

La Ducati ha annunciato che Jack Miller si trasferirà nella sua squadra ufficiale a partire dal prossimo anno, con un'opzione di rinnovo fino al 2022, in attesa dell'annuncio del nome del suo compagno di squadra.

MotoGP, Jack Miller pilota ufficiale Ducati dal 2021

Il 25enne australiano arriverà nel 2021 nella squadra ufficiale Ducati dopo aver difeso dal 2018 i colori del Pramac Racing, la struttura satellite della Rossa.

Nonostante abbia solo 25 anni, Miller ha già accumulato una notevole esperienza nella classe regina, avendo fatto il salto diretto dalla Moto3 nel 2015, con la Honda che aveva scommesso su di lui.

Da allora, il pilota di Townsville ha vinto una gara a sorpresa nel 2016, sotto al diluvio del GP d'Olanda ad Assen con la Honda della Marc VDS. E in tutto è salito sei volte sul podio.

La scorsa stagione è stata la più concreta per Jack, ottavo nel Mondiale al termine di un campionato in cui è riuscito a salire sul podio per ben cinque volte, anche se sempre sul gradino più basso.

Dopo avergli preferito Danilo Petrucci per il 2019, la Casa di Borgo Panigale ha deciso di dargli la possibilità di dimostrargli che chi ha preso questa decisione si sbagliava.

Tuttavia, nonostante il calo mostrato da Petrucci nella seconda parte del 2019, non è ancora del tutto certo che Miller farà coppia con Andrea Dovizioso.

La Ducati e il pilota forlivese stanno facendo una sorta di tiro alla fune che si riduce sostanzialmente all'aspetto economico del contratto tra le due parti, che scade quest'anno.

Leggi anche:

Il punto principale di discrepanza, almeno finora, è la percentuale del suo attuale ingaggio a cui Dovi dovrà rinunciare, a seguito della riduzione del calendario e degli eventi promozionali dovuta alla diffusione del COVID-19.

Fino a quando la questione non sarà risolta, il team di Borgo Panigale non prevede di sedersi con lui per discutere un rinnovo che non dovrebbe comunque avvicinarsi ai quasi sei milioni di euro del contratto in essere.

"E' un onore poter continuare la mia carriera in MotoGP con la Ducati e, per questo motivo, ringrazio tutti i vertici aziendali per la fiducia che hanno riposto in me e per avermi dato questa incredibile opportunità" ha detto Miller.

"Sono pronto ad assumermi la responsabilità di essere un pilota ufficiale Ducati nel 2021, mettendoci tutto l'impegno del mondo" ha aggiunto "Jackass".

"Siamo convinti che Jack abbia tutto per poter lottare con continuità per posizioni importanti, in ogni gara, a partire da questa stagione, per poi fare il grande salto il prossimo anno grazie al pieno supporto del Ducati Team" ha aggiunto Claudio Domenicali, amministratore delegato di Ducati.

Come è logico, l'arrivo di Miller suscita una certa aspettativa perché per certi versi evoca quello di Casey Stoner, l'ultimo australiano della squadra e l'unico che finora è riuscito a vincere il titolo per il marchio italiano, nel 2007.

condivisioni
commenti
Report MotoGP: Dovizioso rischia di restare fuori come Vettel?

Articolo precedente

Report MotoGP: Dovizioso rischia di restare fuori come Vettel?

Prossimo Articolo

Petrucci in partenza? "Nulla di concreto" con Aprilia

Petrucci in partenza? "Nulla di concreto" con Aprilia
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021