MotoGP, Jack Miller pilota ufficiale Ducati dal 2021

La Ducati ha annunciato che Jack Miller si trasferirà nella sua squadra ufficiale a partire dal prossimo anno, con un'opzione di rinnovo fino al 2022, in attesa dell'annuncio del nome del suo compagno di squadra.

MotoGP, Jack Miller pilota ufficiale Ducati dal 2021

Il 25enne australiano arriverà nel 2021 nella squadra ufficiale Ducati dopo aver difeso dal 2018 i colori del Pramac Racing, la struttura satellite della Rossa.

Nonostante abbia solo 25 anni, Miller ha già accumulato una notevole esperienza nella classe regina, avendo fatto il salto diretto dalla Moto3 nel 2015, con la Honda che aveva scommesso su di lui.

Da allora, il pilota di Townsville ha vinto una gara a sorpresa nel 2016, sotto al diluvio del GP d'Olanda ad Assen con la Honda della Marc VDS. E in tutto è salito sei volte sul podio.

La scorsa stagione è stata la più concreta per Jack, ottavo nel Mondiale al termine di un campionato in cui è riuscito a salire sul podio per ben cinque volte, anche se sempre sul gradino più basso.

Dopo avergli preferito Danilo Petrucci per il 2019, la Casa di Borgo Panigale ha deciso di dargli la possibilità di dimostrargli che chi ha preso questa decisione si sbagliava.

Tuttavia, nonostante il calo mostrato da Petrucci nella seconda parte del 2019, non è ancora del tutto certo che Miller farà coppia con Andrea Dovizioso.

La Ducati e il pilota forlivese stanno facendo una sorta di tiro alla fune che si riduce sostanzialmente all'aspetto economico del contratto tra le due parti, che scade quest'anno.

Leggi anche:

Il punto principale di discrepanza, almeno finora, è la percentuale del suo attuale ingaggio a cui Dovi dovrà rinunciare, a seguito della riduzione del calendario e degli eventi promozionali dovuta alla diffusione del COVID-19.

Fino a quando la questione non sarà risolta, il team di Borgo Panigale non prevede di sedersi con lui per discutere un rinnovo che non dovrebbe comunque avvicinarsi ai quasi sei milioni di euro del contratto in essere.

"E' un onore poter continuare la mia carriera in MotoGP con la Ducati e, per questo motivo, ringrazio tutti i vertici aziendali per la fiducia che hanno riposto in me e per avermi dato questa incredibile opportunità" ha detto Miller.

"Sono pronto ad assumermi la responsabilità di essere un pilota ufficiale Ducati nel 2021, mettendoci tutto l'impegno del mondo" ha aggiunto "Jackass".

"Siamo convinti che Jack abbia tutto per poter lottare con continuità per posizioni importanti, in ogni gara, a partire da questa stagione, per poi fare il grande salto il prossimo anno grazie al pieno supporto del Ducati Team" ha aggiunto Claudio Domenicali, amministratore delegato di Ducati.

Come è logico, l'arrivo di Miller suscita una certa aspettativa perché per certi versi evoca quello di Casey Stoner, l'ultimo australiano della squadra e l'unico che finora è riuscito a vincere il titolo per il marchio italiano, nel 2007.

condivisioni
commenti
Report MotoGP: Dovizioso rischia di restare fuori come Vettel?

Articolo precedente

Report MotoGP: Dovizioso rischia di restare fuori come Vettel?

Prossimo Articolo

Petrucci in partenza? "Nulla di concreto" con Aprilia

Petrucci in partenza? "Nulla di concreto" con Aprilia
Carica commenti
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021