Indianapolis, Q1: le Ducati di Petrucci e Dovi in Q2

condivisioni
commenti
Indianapolis, Q1: le Ducati di Petrucci e Dovi in Q2
Di: Matteo Nugnes
08 ago 2015, 20:25

Stupisce Danilo che con la vecchia GP14.1 è riuscito ad essere più veloce della GP15 ufficiale

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Danilo Petrucci, Ioda Racing Project

La Q1 del Gp d'Indianapolis di MotoGp ha sorriso alla Ducati: sono stati infatti Danilo Petrucci ed Andrea Dovizioso a staccare il pass per la Q2, con il portacolori del Pramac Racing che a sorpresa è riuscito a fare meglio della GP15 ufficiale con una vecchia GP14.1.

Sfruttando la gomma soft al posteriore, il pilota di Terni è statp davvero spettacolare con il suo 1'32"886. Paga 205 millesimi invece "Desmodovi", che ha manifestato ancora evidenti problemi di chattering che gli hanno impedito di scendere sotto al muro dell'1'33".

Escluso per appena 79 millesimi Scott Redding, che nel finale ha provato ad insidiare Dovizioso, seguito poco più indietro dalla Ducati Avintia di Hector Barbera, che quindi sarà il poleman tra le "Open". E' andata decisamente peggio al suo compagno di squadra Mike Di Meglio, caduto all'ultima curva nei primi minuti del turno.

Stupisce l'ottimo esordio di Stefan Bradl sull'Aprilia RS-GP, non tanto perché scatterà 17esimo ma perché il tedesco scatterà proprio davanti al compagno Alvaro Bautista, anche se lo ha preceduto per pochi millesimi. In coda al gruppo il rientrante Toni Elias.

Prossimo articolo MotoGP
Suzuki: ecco a cosa servono i pulsanti sul manubrio

Articolo precedente

Suzuki: ecco a cosa servono i pulsanti sul manubrio

Prossimo Articolo

Wild card per Nakasuga a Motegi sulla Yamaha

Wild card per Nakasuga a Motegi sulla Yamaha
Carica commenti