Il manager di Jorge: "In nessun caso faremo ricorso"

Un comunicato ha chiarito la richiesta di Lorenzo al Tas: si sente parte in causa essendo in lotta per il Mondiale

Nel pomeriggio di ieri è stata diffusa la breve nota del Tas di Losanna che informava di aver rigettato l'istanza presentata dai legali di Jorge Lorenzo ai fini di partecipare all'arbitrato tra Valentino Rossi e la FIM, relativo alla richiesta del "Dottore" di ridurre i tre punti di penalità che gli sono stati inflitti dopo l'incidente di Sepang con Marc Marquez e che lo dovrebbero far scattare ultimo nell'atto conclusivo della stagione a Valencia.

In serata l'entourage del pilota maiorchino della Yamaha ha quindi deciso di rilasciare un comunicato stampa per chiarire i motivi che hanno portato alla decisione di inserirsi nella vicenda: Jorge e i suoi legali ritenevano fosse importante far capire che anche lui potrebbe essere colpito dal verdetto dell'arbitrato, essendo proprio lui l'antagonista del pesarese nella corsa al titolo.

Tra le altre cose, come spiega il comunicato, a Lorenzo è stata negata la partecipazione al processo, ma la sua relazione però è stata accolta come documento da allegare al fascicolo sul caso, in base al quale l'arbitro dovrà prendere una decisione entro venerdì.

Nella parte conclusiva del comunicato, il manager Albert Valera ha aggiunto poi una cosa importante: "In nessun caso sarà presentato un ricorso, l'intenzione non è mai stata questa né tantomeno quella di chiedere un aumento della sanzione perché rispettiamo la decisione della direzione di gara e della Fim. Jorge è assolutamente concentrato sulla gara di domenica e al di fuori della decisione del Tas".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento Gran Premio di Valencia
Circuito Valencia
Piloti Valentino Rossi , Jorge Lorenzo
Articolo di tipo Commento