Il Forward Racing rinuncia alla trasferta di Indianapolis

Complice il fermo di Giovanni Cuzari ci sono problemi con gli sponsor: l'obiettivo è tornare a Brno

All’indomani del fermo giudiziario e dell’indagine aperta nei confronti di Giovanni Cuzari, amministratore e proprietario di Forward Racing, il team, per mezzo dei suoi più stretti collaboratori, è tornato immediatamente al lavoro per arginare le possibili conseguenze di questa situazione e per proseguire l’attività agonistica e terminare la stagione in corso, seguendo anche il desiderio di Giovanni.

Purtroppo la reazione degli sponsor, principale fonte di ricavo di un Team indipendente, è stata immediata e inevitabilmente risoluta e alcuni di loro hanno recesso i contratti in essere e interrotto i pagamenti, creando un’oggettiva ulteriore difficoltà finanziaria che rischia di compromettere definitivamente la vita del Team.

L’attività di questi giorni è stata quindi rivolta a ricostruire i rapporti con gli sponsor, ottenendo già alcuni consensi agli indispensabili aiuti economici per affrontare le spese delle prossime gare. Sono stati attivati nuovi processi di incasso e pagamento, ricostruita la gestione amministrativa e concordate con la Procura di Lugano le modalità operative immediate.

La concreta possibilità di ripartire e la speranza di tutelare gli interessi dei nostri piloti, tecnici, collaboratori e fornitori, ci ha portato quindi a concordare con IRTA - International Racing Teams Association - la possibilità di non schierare i nostri piloti al via del Red Bull Indianapolis Grand Prix del 9 agosto per poter raccogliere tutte le risorse ed organizzare al meglio le prossime trasferte.

Questa dolorosa decisione si è resa necessaria per provare a garantire la partecipazione al Campionato del Mondo sino al termine della stagione. Il lavoro del Team continuerà con l’obiettivo di tornare in pista a Brno per il bwin Grand Prix České republiky in programma il 16 di agosto.

"Sono stati giorni veramente difficili per Forward Racing e le sue sorti, solo nelle ultime ore si è intravista la concreta possibilità di riuscire a superare questa situazione. Mi auguro di avere al più presto Giovanni, che fino a prova del contrario è corretto ritenere innocente, libero e disponibile a trovare soluzioni che assicurino definitive certezze. In questo momento buio, diversi “partner” e “amici” hanno comprensibilmente preso le distanze dal team e voglio quindi pubblicamente ringraziare chi invece ci sta aiutando: Dorna e IRTA che ci hanno dato sin dall’inizio pieno supporto, tutti i membri della squadra, che senza ancora assicurazioni su un futuro certo, hanno dato il loro incondizionato appoggio per la prosecuzione degli impegni e quegli sponsor e nuove Società che si sono fatte avanti, nonostante le oggettive preoccupazioni, per darci fiducia e stanno interpretando il senso della sponsorizzazione nel significato più vero e alto, la ragione originaria, un aiuto economico per permettere allo sportivo di realizzare il proprio talento" ha detto il team manager Marco Curioni.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Stefan Bradl , Loris Baz
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag motogp