Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia

MotoGP | Honda e Yamaha al Mugello per un test cruciale

Yamaha e Honda sfrutteranno le concessioni organizzando un test al Mugello questa settimana, al quale parteciperanno i piloti ufficiali, ma anche Johann Zarco.

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Foto di: Marc Fleury

Nonostante la promettente prestazione di Fabio Quartararo, i marchi giapponesi sono rimasti indietro nel GP di Francia. Le novità che Yamaha e Honda avevano valutato durante i test di Jerez sono state montate solo in parte sulle moto a Le Mans, in assenza di risultati molto concreti per il momento, ma i due costruttori intendono approfittare delle concessioni e girare questo martedì e mercoledì al Mugello.

Per la Yamaha si tratterà di un test importante, visto che, a parte quello di Jerez, Quartararo e Alex Rins non hanno lavorato al di fuori dei Gran Premi dall'inizio della stagione, a causa delle cattive condizioni climatiche trovate nelle sessioni organizzate dal marchio. A Le Mans, Rins ha parlato di un “test importante” per la Casa giapponese, mentre Quartararo ha espresso la speranza di “riconfermare” l'efficacia delle modifiche all'assetto apportate durante il Warm-Up.

Uno degli obiettivi sarà anche quello di rivalutare le importanti modifiche apportate a Jerez su un tracciato molto diverso, in quanto i lunghi rettilinei toscani hanno poco in comune con il tortuoso layout andaluso. “Potremo fare dei confronti su una pista completamente diversa”, ha sottolineato Quartararo, ponendo l'accento sulla nuova aerodinamica, che potrebbe aiutare a correggere i problemi della Yamaha in curva... anche se il francese non è certo che derivino da questa parte della moto.

“È complicato da vedere perché, onestamente, abbiamo provato di tutto. Da Portimao, credo di aver fatto più cambiamenti che in quattro anni: abbiamo provato la moto più bassa, più lunga, più corta, diversi telai, forcelloni... E il problema è sempre lo stesso. Abbiamo più potenza, sì, ma tutti i punti positivi che avevamo prima li abbiamo un po' persi, quindi dobbiamo recuperarli al più presto”.

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing, Johann Zarco, LCR Honda

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing, Johann Zarco, LCR Honda

Foto di: Marc Fleury

“Dobbiamo trovare rapidamente una soluzione perché, come ho detto, abbiamo cambiato così tante cose che è complicato dirlo”, ha aggiunto. “Per quanto riguarda l'aerodinamica, la miglioreremo. Quindi avremo dei test al Mugello martedì e mercoledì, due giorni, quindi penso che potrebbero essere molto positivi”.

Quartararo potrebbe anche provare nuovamente il forcellone visto a Jerez, che era in programma a Le Mans ma non ha superato il weekend: “Alla fine non siamo riusciti a provarlo perché, beh, non tiene... Abbiamo qualche piccolo problema tecnico e non vogliamo correre rischi. Potrò fare qualche giro al Mugello, martedì o mercoledì, per vedere come va, ma non potremo usarlo molto”.

Honda spera di fare chiarezza

Per Honda, l'idea dovrebbe essere quella di esplorare nuove soluzioni. Una moto molto diversa è già stata testata dai titolari a Barcellona, utilizzata in gara dal collaudatore Stefan Bradl a Jerez e valutata dai piloti LCR il giorno successivo durante il test. Nessuno ne è rimasto soddisfatto e quindi dovrebbe essere scartata, ma il marchio ritiene di aver trovato una strada più interessante.

Luca Marini e Joan Mir saranno in pista per un giorno, nella speranza di fare finalmente qualche progresso. “Abbiamo molto lavoro da fare al Mugello, per concentrarci sulla nuova moto”, ha sottolineato Marini. “Sono sicuro che le nuove caratteristiche ci permetteranno di stare più avanti. Non molto, ma un po'”.

L'italiano proverà “un buon compromesso tra molte parti” ed è ottimista sulla capacità della Honda di progredire: “Abbiamo buone aspettative per questo test. Non cambierà tutto da un giorno all'altro, ma per me ci possono essere buoni progressi e, muovendoci in questa direzione, possiamo fare ulteriori progressi per la fine della stagione”.

Johann Zarco, LCR Honda

Johann Zarco

Photo de: Marc Fleury

In Honda, i piloti titolari hanno già potuto partecipare a diversi test dall'inizio della stagione, ma non ancora i rappresentanti del team LCR. La situazione cambierà al Mugello, dove Johann Zarco parteciperà a quello di mercoledì. “Questa settimana farò dei test, e sarà anche il mio primo test al Mugello, quindi sarà interessante”, ha dichiarato il nativo di Cannes durante il fine settimana. “Jerez è stato utile perché ogni novità che non funziona è comunque un'informazione”.

Zarco ha ammesso di essere in difficoltà nell'identificare la fonte principale dei problemi della Honda e questo test potrebbe aiutare a chiarire la situazione: “Non voglio dirlo perché se fosse così facile non avremmo questo problema. C'è una combinazione di cose che fanno sì che la Honda non riesca a venirne fuori”.

In ogni caso, Zarco aspetterà fino all'ultimo momento per sapere quale sarà il suo programma di test: “Il mio lavoro come pilota è quello di concentrarmi, dare il massimo sulla moto ed essere sempre in grado di capire se 'OK, la moto sta chiedendo questo, come posso rispondere?' Il programma mi verrà comunicato forse martedì sera o mercoledì mattina”.

Con Fabien Gaillard

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente MotoGP | Vinales: "E' ancora un anno di crescita per Aprilia"
Prossimo Articolo MotoGP | Lorenzo: "Martin Rosso e Marquez con la GP25 per tenerli entrambi"

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia