MotoGP: ecco l'ultima Yamaha ufficiale di Valentino Rossi

A Sepang è stata presentato il team Yamaha ufficiale e la M1 2020 che sarà affidata a Valentino Rossi e a Maverick Vinales. Livrea immutata, ma grande effetto per la presenza di Lorenzo.

MotoGP: ecco l'ultima Yamaha ufficiale di Valentino Rossi

2020, l'anno della riscossa. Yamaha ha presentato questa mattina il team ufficiale che quest'anno dovrà dare la caccia ai titoli messi in palio dalla MotoGP e le M1 che saranno affidate a Valentino Rossi e Maverick Vinales, per l'ultima volta in coppia prima della separazione che avverrà nel 2021. Lo ha fatto con una cerimonia minimalista. Due M1 ufficiali, la 12 e la 46, che si guardavano e i due piloti che sono saliti in sella, raggiunti poi dai vertici della squadra. Presentazione ridotta all'osso, per obiettivi inversamente proporzionali dopo anni complicati, passati a inseguire Honda e a contemplare - non senza invidia - il sorpasso prestazionale di Ducati.

La presentazione Yamaha, andata in scena in uno dei box della pit lane del tracciato di Sepang, in Malesia, è stata importante e forse più sentita del solito, non solo perché si ha la sensazione che Yamaha possa tornare a lottare stabilmente per la vittoria come ha dimostrato nella seconda parte del 2019 con Vinales, ma anche perché è stata l'ultima con Valentino Rossi da pilota del team ufficiale di Iwata. Ricordiamo infatti che dalla prossima stagione Yamaha schiererà Fabio Quartararo al fianco del confermato Vinales.

 

Per Valentino, dunque, il 2020 sarà sicuramente un anno in cui farà di tutto per invertire la rotta presa nelle ultime due stagioni. La vittoria manca da Assen 2017, da oltre 2 anni e mezzo. Troppo per un campione come lui. La M1 ha mostrato segni di evidente crescita nel corso della seconda parte del 2019, ma ad usufruirne sono stati proprio Vinales e Quartararo.

Per questo motivo Valentino cercherà in tutti i modi di salutare Yamaha Factory con una serie di grandi prestazioni, magari innestando ben più di un rimpianto all'interno di quello che tra pochi mesi sarà il suo ex team. Dal canto suo, Vinales sembra tornato il pilota fiducioso che avevamo visto all'inizio del 2017, ovvero nelle prime gare con il team di Iwata quando inanellò una serie di risultati che avevano lasciato tutti a bocca aperta. Marc Marquez compreso.

Leggi anche:

A cambiare in questa stagione sarà la M1, evoluzione di quella che ha corso e fatto bene nella seconda parte della 2019, mentre la livrea è rimasta pressoché la medesima di quella usata sino a pochi mesi fa. C'è anche un volto nuovo in quello del team, quello di David Munoz, che ha preso il posto di Silvano Galbusera nella parte del box dedicata a Valentino. Confermato invece Esteban Garcia, capo meccanico di Maverick Vinales.

La terza e ultima novità del team Yamaha si è materializzata tra Rossi e Vinales. Stiamo parlando di un volto, di un pilota ben conosciuto a Iwata, pur avendo passato 3 stagioni lontano dalla Casa giapponese. Stiamo parlando di Jorge Lorenzo, tornato a vestire in blu dopo la parentesi agro-dolce in Ducati e quella fallimentare in Honda accanto a Marc Marquez. Il maiorchino è tornato per occupare il posto di tester.

Maverick Vinales, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
1/3

Foto di: Lewis Duncan

Maverick Vinales, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
2/3

Foto di: Lewis Duncan

Maverick Vinales, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
3/3

Foto di: Lewis Duncan

condivisioni
commenti
Fotogallery: nuovi colori per la Suzuki in MotoGP nel 2020

Articolo precedente

Fotogallery: nuovi colori per la Suzuki in MotoGP nel 2020

Prossimo Articolo

Yamaha Petronas rilancia la sfida con Quartararo e Morbidelli

Yamaha Petronas rilancia la sfida con Quartararo e Morbidelli
Carica commenti
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021