Ducati: inedita pinza dei freni Brembo con il "calorifero"

La squadra di Borgo Panigale ha affidato al collaudatore Pirro nei test di Misano una Desmosedici GP20 dotata di alcune evoluzioni aerodinamiche, ma sulla ruota anteriore la grande novità è data dal nuovo impianto frenante.

Ducati: inedita pinza dei freni Brembo con il "calorifero"

Se lo sviluppo dei freni in Formula 1 è stato praticamente congelato dalle regole approvate dagli ultimi due Consigli Mondiali della FIA, non si può dire altrettanto per la MotoGP, dove la ricerca è più spinta che mai.

Sulla Desmosedici GP20 affidata al collaudatore Michele Pirro, la Ducati ha fatto debuttare nei test di Misano un’inedita pinza anteriore della Brembo che costituisce il nuovo stato dell’arte in materia di impianto frenante.

Molti osservatori sono rimasti colpiti dall’ultimo sviluppo aerodinamico della Rossa che ha esteso le carenature della ruota anteriore anche agli steli, mostrando un profilo che copre la forcella nel tentativo di ripulire i flussi che sono perturbati dalla rotazione del cerchio, rendendo più efficiente l’aria che viene convogliata nell’impianto di raffreddamento, favorendone l’estrazione dalle feritoie e consentendo uno scambio termico migliore.

Nella parte inferiore della ruota non manca l’altro convogliatore di flusso in carbonio che è sinergico al vistoso cucchiaio sotto al forcellone e al semi gruppo lenticolare della ruota posteriore.

Non può passare in secondo piano, però, la nuovissima pinza anteriore in alluminio della Brembo. Si tratta di una realizzazione che si vede in pista per la prima volta e che ha almeno tre obiettivi: ridurre il peso grazie a una forma che ha permesso di asportare del materiale dal disegno classico, senza minimamente intaccare la rigidezza dell’impianto.

Ma la chicca è data dall’incremento delle prestazioni: il raffreddamento della pinza, infatti, è stato sensibilmente migliorato grazie all’adozione dei “caloriferi” che sono quelle piccole lamelle che sporgono dalla faccia anteriore.

Hanno la stessa funzione di un radiatore dal momento che è maggiore la superficie investita dal flusso utile al raffreddamento, con un incremento della prestazione quando la pinza è sotto stress e un miglioramento dell’affidabilità del sistema.

La MotoGP, in questo caso, beneficia dell’esperienza che la Brembo ha maturato in F1, dove i caloriferi avevano già trovato la prima applicazione l’anno scorso e adesso arriva una interessante ricaduta tecnologica che può giovare molto alle moto della classe regina del MotoMondiale.

condivisioni
commenti
Aprilia, Rivola: “Sul motore abbiamo le idee abbastanza chiare”

Articolo precedente

Aprilia, Rivola: “Sul motore abbiamo le idee abbastanza chiare”

Prossimo Articolo

WRC e MotoGP assieme per WITHU Experiences - Riders meet Rally

WRC e MotoGP assieme per WITHU Experiences - Riders meet Rally
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021