MotoGP
25 mar
Prossimo evento tra
57 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
65 giorni
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
16 apr
Prossimo evento tra
79 giorni
G
GP di Spagna
29 apr
Prossimo evento tra
92 giorni
G
GP di Francia
13 mag
Prossimo evento tra
106 giorni
G
GP d'Italia
27 mag
Prossimo evento tra
120 giorni
G
GP della Catalogna
03 giu
Prossimo evento tra
127 giorni
G
GP di Germania
17 giu
Prossimo evento tra
141 giorni
G
GP d'Olanda
24 giu
Prossimo evento tra
148 giorni
G
GP di Finlandia
08 lug
Prossimo evento tra
162 giorni
G
GP d'Austria
12 ago
Prossimo evento tra
197 giorni
G
GP di Gran Bretagna
26 ago
Prossimo evento tra
211 giorni
G
GP di Aragon
09 set
Prossimo evento tra
225 giorni
G
GP di San Marino
16 set
Prossimo evento tra
232 giorni
G
GP del Giappone
30 set
Prossimo evento tra
246 giorni
G
GP della Tailandia
07 ott
Prossimo evento tra
253 giorni
G
GP d'Australia
21 ott
Prossimo evento tra
267 giorni
G
GP di Malesia
28 ott
Prossimo evento tra
274 giorni
G
GP di Valencia
11 nov
Prossimo evento tra
288 giorni

Dovizioso punge Ducati: “Poco leale, con Dall’Igna zero rapporto”

condivisioni
commenti
Dovizioso punge Ducati: “Poco leale, con Dall’Igna zero rapporto”
Di:

Andrea Dovizioso rivela la sua verità alla Gazzetta dello Sport sulla fine della sua avventura in Ducati e si toglie qualche sassolino dalla scarpa, affermando di non aver avuto il sostegno sufficiente da Borgo Panigale, in particolare da Gigi Dall’Igna.

È ormai ufficialmente finita l’era di Andrea Dovizioso in Ducati. A partire da gennaio, il forlivese non è più un pilota di Borgo Panigale, dopo otto stagioni lascia la casa bolognese e, ad oggi, non ha ancora una sistemazione per il 2021. In questi otto anni insieme, il binomio italiano ha vissuto momenti di gloria e altri molto complicati, che hanno poi portato all’addio di Dovizioso al team e, di conseguenza, alla MotoGP.

Al termine della sua avventura in Ducati però, ‘DesmoDovi’ non tace più e in un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport rivela la sua verità sugli attriti degli ultimi due anni. È un Dovizioso pungente quello che si mostra, nonostante apprezzi il grande lavoro della squadra, non perde occasione di lanciare una stoccata alla dirigenza, in particolare a Gigi Dall’Igna, con cui afferma di non aver avuto più comunicazione nel suo ultimo anno a Borgo Panigale.

“Che rapporto c’era con Gigi? Zero – dichiara Dovizioso – Ma gli anni passati era al 30%. Poi da quando è arrivato Jorge Lorenzo nel 2017, nel discutere e andare in contrasto, la mia squadra ed io ci siamo un po’ isolati. Non abbiamo più parlato dello sviluppo della moto, non abbiamo più fatto meeting per svilupparla. Ma in Ducati c’è il potenziale per farlo, perché la competenza e la bravura sono altissime. Di questi otto anni è l’unica cosa che mi fa arrabbiare, perché avremmo potuto fare di più. Gigi ed io dal 2017 non abbiamo più parlato con tranquillità, io davo il feedback, lui lo prendeva e lo gestiva nel migliore dei modi”.

Leggi anche:

Dovizioso dunque lascia intendere che la scelta di Ducati di non continuare con lui è dipesa solo da Dall’Igna: “Sì, queste decisioni arrivano solo da Gigi. Si parla di Ducati, ma è sbagliato, perché tutte le decisioni prese sono sue. Come la scelta di Lorenzo nel 2017. All’inizio del 2016 c’era la possibilità di prendere Marquez, ma Gigi aveva già deciso che voleva Lorenzo”.

La scelta del Direttore Generale di Ducati Corse ha influito pesantemente anche sulla questione rinnovo, che nel 2020 ha tenuto banco per molto tempo. Molte erano le voci circolate durante l’anomala stagione che si è conclusa lo scorso novembre e ora Dovizioso chiarisce per quale motivo Ducati prendesse così tanto tempo per discutere del rinnovo: “Offensivo? Non lo so. Ma non c’è stato un comportamento trasparente, come è invece avvenuto con Petrucci, a cui è stato detto che non c’era più posto prima che iniziasse la stagione. Ma poi Gigi ha dichiarato di aver capito che era finita già dal meeting del 2019 fatto tra il Sachsenring e l’Austria”.

“Quello doveva essere un meeting tecnico – prosegue Dovizioso smentendo le dichiarazioni di Dall’Igna, che invece affermava la volontà di non continuare da entrambe le parti – avevamo idee diverse, c’era attrito e volevamo incontrarci con tutti gli ingegneri. È iniziato come un incontro tecnico ma poi si è concluso come un confronto tra noi due. Gigi si è sentito attaccato, colpito. Credo che in quel momento lui abbia chiuso le porte, ma lo ha fatto in silenzio e quello che dice ne è la conferma. Però poi nel 2020 sono state fatte dichiarazioni sulla mia motivazione. Si diceva che io volessi questo, poi quello...tutte balle. Non c’è mai stata un’offerta, non c’è stata alcuna negoziazione. Eppure io all’epoca non avevo ancora capito che non mi volessero più, ma quello che si diceva era la conferma che per Dall’Igna era finita già dopo la riunione del 2019”.

Nonostante il finale amaro, la storia fra Andrea Dovizioso e Ducati ha avuto anche momenti belli, che al pilota piace ricordare apprezzando poi il grande lavoro della squadra: “Il 2017, il 2018 e un po’ il 2019 sono stati spettacolari. Io ho dato l’anima a Ducati, credevo davvero in questo progetto. A differenza di altri che in me hanno visto sempre un non provarci a sufficienza. Chi ha visto questo in me è davvero limitato, se si pensa che non ho messo impegno è fuori strada e dovrebbe cambiare lavoro. Ho sempre riconosciuto la bravura della maggior parte degli ingegneri del reparto corse, è pazzesco quanto siano svegli, intelligenti, italiani. Lo stesso Gigi è molto bravo a tirare fuori tanto da loro e questo è un lato positivo enorme. Io però ho sempre faticato tanto a convincere e portare lo sviluppo verso la mia direzione”.

Sulla griglia del 2021 sembra non esserci spazio per Andrea Dovizioso, che continua a pungere Ducati affermando che una maggiore trasparenza gli avrebbe permesso di muoversi nel mercato piloti: “Non è stato un comportamento leale, avrei considerato la possibilità di KTM in modo diverso”. Tuttavia, continua a farsi strada l’ipotesi di un passaggio alla Honda se Marc Marquez non dovesse rientrare dall’infortunio per l’inizio della stagione: “Qualcosa succederà, ma non ho idea di cosa e in che giorno. Al momento non abbiamo nulla sul tavolo. Sostituire Marc? Non voglio rispondere, voglio vedere cosa mi propongono, se lo faranno”.

“Ho preso il calendario e ho scritto tutte le gare del campionato regionale e italiano di cross – conclude Dovizioso parlando del futuro imminente – sono 28 e la prima è il 28 febbraio, tra i test della Malesia e quelli del Qatar. Ho anche controllato i calendario, non perdo nessuna gara facendo i test”.

Foto di gruppo della Ducati Campione del Mondo costruttori. Luigi Dall'Igna, Direttore Generale Ducati Corse, Andrea Dovizioso, Ducati Team, Danilo Petrucci, Ducati Team

Foto di gruppo della Ducati Campione del Mondo costruttori. Luigi Dall'Igna, Direttore Generale Ducati Corse, Andrea Dovizioso, Ducati Team, Danilo Petrucci, Ducati Team
1/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

I membri del Ducati Team ringraziano Andrea Dovizioso, Ducati Team

I membri del Ducati Team ringraziano Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
13/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
14/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
15/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
16/18

Foto di: MotoGP

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
17/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
18/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

MotoGP: la Ducati GP21 si scoprirà il 9 febbraio in... rete

Articolo precedente

MotoGP: la Ducati GP21 si scoprirà il 9 febbraio in... rete

Prossimo Articolo

Golfo, 6a Ora: Rossi risale in Top5, McLaren leader col brivido

Golfo, 6a Ora: Rossi risale in Top5, McLaren leader col brivido
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Andrea Dovizioso
Team Ducati Team
Autore Lorenza D'Adderio