Dovizioso: "Ho voluto capire la media, non sono preoccupato"

Il romagnolo della Ducati ha chiuso la prima giornata di prove libere del GP dell'Emilia Romagna solo 18esimo, staccato di un secondo dalla KTM di Binder. Eppure Andrea non sembra affatto preoccupato perché ha rinunciato al time attack per dedicarsi a scoprire la gomma media: "Sappiamo che ci sono sei decimi da Morbidelli, ma qualcosa ci posso mettere io perché mi sento in grado di spingere di più Anche se la nostra gomma sarà la morbida".

Dovizioso: "Ho voluto capire la media, non sono preoccupato"

A giudicare dalla diciottesima posizione dopo la seconda sessione di prove libere, Andrea Dovizioso avrebbe ben poco di che essere soddisfatto con la Ducati, ma il pilota forlivese ha pagato un secondo dalla prestazione di Brad Binder con la KTM perché non ha cercato il time attack, preferendo lavorare in funzione della gara più che per il giro da qualifica.

“Desmodovi”, quindi, per ora si trova fuori dalla top 10 ma il pilota romagnolo non sembra troppo preoccupato, nella consapevolezza di aver fatto uno step avanti importante dopo il test di martedì scorso con la Rossa.

Sei riuscito a completare il piano che avevi in programma?
“Sì, abbiamo svolto tutto il programma di lavoro: il pomeriggio lo abbiamo dedicato tutto alle gomme medie perché quello era l’unico momento per trarre delle buone informazioni visto che che qui lamedia alla mattina si distrugge ”.

“Non si sa perché ma la mescola con le temperature della mattina non funziona, mentre al pomeriggio fa ancora fatica ad andare in temperatura. Il punto è il solito: in un turno si riescono a fare solo due uscite che corrispondono a metà della durata di una gara. Tre uscite fanno la differenza: abbiamo deciso di fare queste, per cui è normale che non si sia lavorato per fare il tempo”.

“Non mi stupisce se siamo indietro come posizione, ma era troppo importante capire il comportamento della media e come lavora, perché la morbida la conosciamo bene: era giusto vedere come sfruttare l’opzione”.

Oggi la è KTM in vetta, mentre la scorsa settimana era in difficoltà. Ti aspetti una gara ancora più combattuta domenica?
“Sì, purtroppo sì. Le KTM la scorsa settimana erano le uniche indietro, ma evidentemente hanno capito cosa fare, perché come passo sono stati veloci e non solo nel giro secco. E, quindi, essere nelle prime due file sarà più importante di gara 1 perché i piloti che si giocheranno la decima posizione saranno in diversi”.

Le libere 3, quindi, saranno affrontate con lo stesso spirito di una qualifica…
“Si, anche se domani dovremo vedere quali condizioni troveremo nella mattinata. Normalmente la pista è veloce, per cui con un 31”7 o 31”8 si farà fatica a stare nella top 10”.

Rimani della stessa idea di martedì, dopo la conclusione dei test, che dovresti avere maggiori chance per giocarti il podio?
“E’ ancora tutto aperto e non siamo messi male per dire che non ce la possiamo fare, ma qui la storia è complicata perché tutti hanno fatto uno step in avanti e, quindi, i dettagli faranno la differenza”.

“Riuscire a partire nelle prime due file vuol dire indirizzare la gara, ma sarà più difficile di una settimana fa. Bisognerà fare tutto perfetto per mettersi nella posizione giusta. Ora guido un po’ meglio per cui ho più di margine nel forzare, cosa che non accadeva la scorsa settimana perché facevo molta fatica. Diciamo che abbiamo le nostre possibilità”.

Che sensazioni hai avuto dalla gomma media?
“Alla fine non è andata male, fra il giro più veloce del turno e il mio ultimo giro ci sono stati tre decimi e, quindi, non è male. Il problema è che Morbidelli nella stessa situazione ha girato più forte di sei decimi”.

“Non credo che fra le moto ci sia una differenza di sei decimi, ma c’è una gap da colmare: qualcosina è nelle nostre mani e si può fare, ma credo e spero che la media si adatti di più ad altre moto. Noi credo che dovremo considerare la morbida anche se il lavoro sul passo lo abbiamo fatto con la media. Vedremo domani cosa verrà fuori”.

condivisioni
commenti
Viñales esasperato: "In 3 anni non è cambiato nulla!"

Articolo precedente

Viñales esasperato: "In 3 anni non è cambiato nulla!"

Prossimo Articolo

Rossi: "Sono 0"5 più veloce, ma non sono nella top 10"

Rossi: "Sono 0"5 più veloce, ma non sono nella top 10"
Carica commenti
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia" Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia"

Il Gran Premio di San Marino di MotoGP ha regalato tanti promossi e tanti bocciati. Da un perfetto Bagniaia, un sorprendente Bastianini, fino ad arrivare alla delusione Dovizioso, ecco le pagelle stilate e commentate da Franco Nugnes e Matteo Nugnes.

MotoGP
20 set 2021