Dovizioso: "Ho voluto capire la media, non sono preoccupato"

Il romagnolo della Ducati ha chiuso la prima giornata di prove libere del GP dell'Emilia Romagna solo 18esimo, staccato di un secondo dalla KTM di Binder. Eppure Andrea non sembra affatto preoccupato perché ha rinunciato al time attack per dedicarsi a scoprire la gomma media: "Sappiamo che ci sono sei decimi da Morbidelli, ma qualcosa ci posso mettere io perché mi sento in grado di spingere di più Anche se la nostra gomma sarà la morbida".

Dovizioso: "Ho voluto capire la media, non sono preoccupato"

A giudicare dalla diciottesima posizione dopo la seconda sessione di prove libere, Andrea Dovizioso avrebbe ben poco di che essere soddisfatto con la Ducati, ma il pilota forlivese ha pagato un secondo dalla prestazione di Brad Binder con la KTM perché non ha cercato il time attack, preferendo lavorare in funzione della gara più che per il giro da qualifica.

“Desmodovi”, quindi, per ora si trova fuori dalla top 10 ma il pilota romagnolo non sembra troppo preoccupato, nella consapevolezza di aver fatto uno step avanti importante dopo il test di martedì scorso con la Rossa.

Sei riuscito a completare il piano che avevi in programma?
“Sì, abbiamo svolto tutto il programma di lavoro: il pomeriggio lo abbiamo dedicato tutto alle gomme medie perché quello era l’unico momento per trarre delle buone informazioni visto che che qui lamedia alla mattina si distrugge ”.

“Non si sa perché ma la mescola con le temperature della mattina non funziona, mentre al pomeriggio fa ancora fatica ad andare in temperatura. Il punto è il solito: in un turno si riescono a fare solo due uscite che corrispondono a metà della durata di una gara. Tre uscite fanno la differenza: abbiamo deciso di fare queste, per cui è normale che non si sia lavorato per fare il tempo”.

“Non mi stupisce se siamo indietro come posizione, ma era troppo importante capire il comportamento della media e come lavora, perché la morbida la conosciamo bene: era giusto vedere come sfruttare l’opzione”.

Oggi la è KTM in vetta, mentre la scorsa settimana era in difficoltà. Ti aspetti una gara ancora più combattuta domenica?
“Sì, purtroppo sì. Le KTM la scorsa settimana erano le uniche indietro, ma evidentemente hanno capito cosa fare, perché come passo sono stati veloci e non solo nel giro secco. E, quindi, essere nelle prime due file sarà più importante di gara 1 perché i piloti che si giocheranno la decima posizione saranno in diversi”.

Le libere 3, quindi, saranno affrontate con lo stesso spirito di una qualifica…
“Si, anche se domani dovremo vedere quali condizioni troveremo nella mattinata. Normalmente la pista è veloce, per cui con un 31”7 o 31”8 si farà fatica a stare nella top 10”.

Rimani della stessa idea di martedì, dopo la conclusione dei test, che dovresti avere maggiori chance per giocarti il podio?
“E’ ancora tutto aperto e non siamo messi male per dire che non ce la possiamo fare, ma qui la storia è complicata perché tutti hanno fatto uno step in avanti e, quindi, i dettagli faranno la differenza”.

“Riuscire a partire nelle prime due file vuol dire indirizzare la gara, ma sarà più difficile di una settimana fa. Bisognerà fare tutto perfetto per mettersi nella posizione giusta. Ora guido un po’ meglio per cui ho più di margine nel forzare, cosa che non accadeva la scorsa settimana perché facevo molta fatica. Diciamo che abbiamo le nostre possibilità”.

Che sensazioni hai avuto dalla gomma media?
“Alla fine non è andata male, fra il giro più veloce del turno e il mio ultimo giro ci sono stati tre decimi e, quindi, non è male. Il problema è che Morbidelli nella stessa situazione ha girato più forte di sei decimi”.

“Non credo che fra le moto ci sia una differenza di sei decimi, ma c’è una gap da colmare: qualcosina è nelle nostre mani e si può fare, ma credo e spero che la media si adatti di più ad altre moto. Noi credo che dovremo considerare la morbida anche se il lavoro sul passo lo abbiamo fatto con la media. Vedremo domani cosa verrà fuori”.

condivisioni
commenti
Viñales esasperato: "In 3 anni non è cambiato nulla!"
Articolo precedente

Viñales esasperato: "In 3 anni non è cambiato nulla!"

Prossimo Articolo

Rossi: "Sono 0"5 più veloce, ma non sono nella top 10"

Rossi: "Sono 0"5 più veloce, ma non sono nella top 10"
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia Prime

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia

Annata quasi perfetta per Ducati, che conquista ogni corona iridata in MotoGP tranne quella del mondiale piloti. Moto da 9 che, nelle mani di Pecco Bagnaia, si candida come seria pretendente alla corona di Fabio Quartararo per il 2022.

MotoGP
2 dic 2021
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021