Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
MotoGP GP di Germania

MotoGP | Doppio Marquez: dopo 27 anni due fratelli tornano sul podio insieme

Marc ed Alex Marquez sono diventati al Sachsenring i primi fratelli a condividere il podio in MotoGP dopo i fratelli Aoki ad Imola nel 1997, 27 anni fa.

Marc Marquez, Gresini Racing, Alex Marquez, Gresini Racing

Marc Marquez ed Alex Marquez hanno realizzato questo fine settimana un sogno che entrambi hanno sicuramente avuto fin da bambini: salire insieme su un podio della MotoGP. I due piloti di Cervera stanno già facendo quest'anno qualcosa che molti sognerebbero con il loro fratello, condividendo un box nella classe regina dopo il tentativo fallito nel 2020 a causa dell'infortunio del #93. Ma questa domenica al Sachsenring entrambi hanno fatto un ulteriore passo avanti.

Marc è arrivato secondo in un weekend molto difficile, nonostante la pista fosse quella su cui ha vinto otto volte: con un dito rotto ed una brutta contusione alla cassa toracica dopo le due cadute di venerdì, e partendo 13° dopo che Stefan Bradl ha rovinato il suo giro in Q1, il pluricampione è risalito di 11 posizioni in una gara che è stata anche disordinata, visto che Franco Morbidelli lo ha toccato poco dopo la metà, quando ha chiuso la sua traiettoria e gli ha fatto saltare il cupolino.

Dall'altra parte del box, Alex, dopo essere caduto anche lui il sabato ed essere arrivato dolorante alla giornata principale del weekend, ha portato a termine la sua migliore gara della stagione, con la GP23 che ha iniziato a fare qualche passo avanti dopo gli aggiornamenti di Jerez. Durante la gara è riuscito quasi a passare Pecco Bagnaia e, quando sembrava che stesse per perdere il podio a favore del fratello, la caduta di Jorge Martin gli ha assicurato il terzo posto, il suo primo piazzamento tra i primi tre della stagione.

In questo modo, i due piloti del Gresini Racing hanno regalato al team faentino una giornata spettacolare al Sachsenring. E subito è sorta una domanda: sono stati i primi fratelli a condividere un podio nella classe regina? La risposta è no, ma entrambi hanno comunque fatto la storia, visto che questo non accadeva da quasi 30 anni, 27 per la precisione.

Doohan y los Aoki en el podio de Imola 1997

Doohan y los Aoki en el podio de Imola 1997

L'ultima coppia di fratelli a salire sul podio della classe regina è stata quella degli Aoki, il duo giapponese Nubautsu e Takuma, in occasione del Gran Premio Città di Imola del 1997, disputato all'Autodromo Enzo e Dino Ferrari, ironia della sorte, nel mese di luglio (tra il 4 e il 6).

In quel caso, i due fratelli (in realtà tre, contando Haruchika, che è stato due volte campione 125cc nel 1995 e 1996) guidavano la stessa moto, una Honda. Nobuatsu arrivò secondo in quella gara, a 8"6 dal vincitore, il Mick Doohan dei tempi d'oro, e Takuma fu terzo a 20 secondi, davanti allo spagnolo Carlos Checa, che seguì in una top five piena di moto HRC (quinto Tadayuki Okada).

Così, i fratelli Marquez hanno battuto domenica il record di 27 anni fa, anche se non sono stati gli unici fratelli ad aver corso nel campionato in quel periodo. Senza andare oltre, i fratelli Espargaró sono stati l'esempio più recente fino all'addio di Pol nel 2023 ed al ritiro di Aleix alla fine dell'anno. In precedenza, ovviamente, hanno condiviso la griglia anche Valentino Rossi e il fratello Luca Marini.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente MotoGP | Alex Marquez: “Cambierei i miei 40 podi per questo con Marc”
Prossimo Articolo MotoGP | Bastianini: "A ogni Gran Premio perdo 5 o 6 punti"

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia