Dani Pedrosa sfida l'Indycar di Marco Andretti ad Indy

La "drag race" sulla Brick Yard si è conclusa con un pareggio: parola del giudice ufficiale Nicky Hayden

Un'interessante esibizione ha animato il giovedì del Gp di Indianapolis di MotoGp. Tra i big in conferenza stampa non si è visto Dani Pedrosa, ma c'era un motivo preciso: il pilota spagnolo si è reso protagonista di una sfida molto particolare.

In sella alla sua Honda RC213V ha completato un giro del tracciato dell'Indiana (la versione stradale, non l'ovale) incrociando le traiettorie con una monoposto di Indycar, quella del figlio e nipote d'arte Marco Andretti, che monta un propulsore della Casa giapponese.

I due hanno "scherzato" per buona parte del giro, scambiandosi diverse volte la posizione, ma poi sul rettilineo finale si sono dati battaglia davvero con una sorta di "drag race", che però si è conclusa con un pareggio. O almeno questo è stato il verdetto del giudice ufficiale.

E anche in questo caso si tratta di una personalità di spicco, perché è stato Nicky Hayden a sventolare la bandiera sia per dare il via che per chiudere le ostilità. "Sembrava che Dani potesse ottenere la vittoria, ma è stato un pareggio" ha detto l'ex campione del mondo di MotoGp. Il differente peso dei due mezzi, sembra quindi aver pareggiato il gap di potenza, che è di circa 450 cavalli a favore della monoposto.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento Gran Premio di Indianapolis
Circuito Indianapolis Motor Speedway
Piloti Marco Andretti
Team Repsol Honda Team
Articolo di tipo Ultime notizie