Caso Iannone: ecco i numeri della ragione. Basteranno?

L'Aprilia Racing difende il suo pilota, ma per ora non sono bastati dei rilievi scientifici per scagionare Andrea dall'accusa di doping che ieri con la sua difesa si è presentato a Mes davanti alla Corte Disciplinare Internazionale della FIM. Ecco i dati che Motorsport.com ha appreso e che dovrebbero aiutare il rider di Vasto.

Caso Iannone: ecco i numeri della ragione. Basteranno?

Quello di Andrea Iannone sta diventando un caso clamoroso. Un pilota professionista della MotoGP sta rischiando la carriera per una questione ideologica e non scientifica, perché diversamente non ci sarebbe nulla da discutere. Visto che i numeri parlano in modo chiaro.

Eppure non c’è la certezza che il rider di Vasto possa salire in sella alla RS-GP 2020 perché potrebbe rischiare una condanna fino a quattro anni. Intanto ha dovuto stracciare il biglietto aereo che lo doveva portare ai test di Sepang.

Il pilota dell’Aprilia è stato sospeso il 17 dicembre (giorno della cena di Natale dell’Aprilia Racing) dall’attività sportiva perché è risultato positivo ad un controllo antidoping avvenuto durante il fine settimana del GP della Malesia dello scorso novembre.

Se un atleta pratica il doping è giusto che venga fermato, ma se diventa vittima di una situazione che ha aspetti tragicomici, è giusto che nasca un movimento d’opinione a difesa di Andrea. Lo diciamo subito: Iannone è un allocco, perché uno che si trova in un limbo giuridico non va a mangiare provocatoriamente in un locale di Milano che si chiama… Doping Club.

Ma al di là delle questioni di opportunità, non è possibile che Andrea non sia stato prosciolto dall’accusa di doping nonostante siano state portare prove inconfutabili a sua discolpa nell’udienza che ieri si è tenuta a Mies, in Svizzera, dove ha sede la Corte Disciplinare della FIM.

Prima di commentare la situazione incredibile è giusto incastonare il caso con alcuni numeri, utili a fare chiarezza. Iannone è risultato positivo al Drostanolone, uno steroide anabolizzante vietatissimo. Scopre di essere sotto inchiesta dai social e non dalla Wada che lo avrebbe dovuto informare.

Chiede le contronalisi e il campione B, dello stesso prelievo, conferma la positività, aggiungendo però dei valori. Di solito il fattore di positività scatta oltre 2, mentre nel primo campione analizzato si riscontra 1.8 e nel secondo solo 0.5.

Nel referto delle controanalisi si legge un valore medio: 1,15. Si accerta anche che la densità dell’urina è molta alta (1024) e nell’analisi non risulta una proporzione fra densità e valore contaminato, per cui anche la bassa tracciabilità fa pensare alla positività, anche se il tostosterone accertato dai professori Cocci e Lotti del Dipartimento Universitario di Firenze era molto basso.

Peccato che nessuno abbia indicato che Iannone non avesse bevuto dopo la gara e che a Sepang ci si disidrata dopo 40 minuti su una MotoGP! Sarebbe bastato che Andrea avesse bevuto un litro d’acqua prima del prelievo e niente sarebbe stato…

A quel punto lo scenario offriva due possibilità: Andrea aveva fatto e terminato un ciclo di anabolizzanti, oppure è stato vittima di una contaminazione alimentare, visto che è un carnivoro e nella “tripla” della MotoGP ha vissuto ben cinque settimane in Asia, toccando aree geografiche come la Cina e l’Australia dove si hanno dati di carne trattata.

Chi assume anabolizzanti aumenta la sua massa muscolare, mentre Iannone si era presentato a gennaio all’Aprila Racing dieci chili più pesante del compagno di squadra Aleix Espargaro, per cui la squadra di Noale lo aveva invitato a dimagrire: il pilota italiano ha cambiato regime alimentare e la preparazione atletica, perdendo ben 6,5 chili prima dell’estate.

È evidente che un pilota che ha faticato per calare il suo valore ponderale per essere più prestazionale in pista non dovrebbe sottoporsi a un ciclo di anabolizzanti per apparire più muscoloso nelle immagini di Instagram, dove ha posato in mutande per una campagna di Intimissimi.

Eh sì, perché l’accusa della FIM durante le quattro ore di udienza al CDI non ha portato argomentazioni legate alla MotoGP, ma solo delle foto di Instagram. Se il caso non fosse serio, sarebbe da barzelletta. La sensazione è che chi doveva sostenere la colpa di Iannone non si era preparato sulla mozione difensiva dell’avvocato De Rensis che poteva contare sul referto delle analisi del capello richieste dal professore Alberto Salomone, un luminare nel campo del doping, che aveva disposto questo esame il 9 gennaio presso il Centro Regionale Antidoping Bertinaria di Torino.

L’esame del capello permette di risalire nel tempo per certificare con scientifica precisione se un soggetto si è sottoposto a doping: il 24 gennaio Salomone ha ricevuto la conferma che Iannone era pulito nel periodo da settembre a gennaio. Forte di questi dati la difesa ha mandato il 31 gennaio tutta la documentazione al CDI, per cui chi doveva prendere atto dei nuovi responsi non ha avuto il tempo per leggere le carte.

I quattro giudici, per fortuna, hanno avuto un comportamento molto razionale chiedendo 12 giorni di rinvio: hanno dato 5 giorni all’accusa per studiare la relazione medica e altri 5 giorni per dare tempo alla difesa di Iannone di fare eventuali controdeduzioni.

Iannone ha il morale sotto i tacchi, anche se può godere del pieno supporto Aprilia: “Ci sentiamo vittime – ha detto Massimo Rivola, CEO di Aprilia Racing – perché nei test non posso usare il mio pilota e magari in Qatar non potrò schierare Andrea. Vorrei che si arrivi a una decisione veloce e che si tengano in giusta considerazione i dati scientifici che sono stati portati a discolpa di Iannone, visto che abbiamo una moto nuova che promette molto bene”.

Cosa rischia Andrea? Quattro anni di squalifica per dolo, da due anni a una reprimenda per colpa. La sensazione è che la FIM voglia comunque dare una penalità per evitare che la Wada possa fare appello. E allora tre mesi di squalifica, che non sono mai stati inflitti, sarebbero un compromesso che potrebbe soddisfare tutti. Ma andrà a finire così? Con un innocente condannato? Iannone è disposto a ripetere l'analisi del capello davanti a un perito super-partes, perché i rilievi scientifici vengano accettati anche dall'accusa...

Massimo Rivola, CEO Aprilia Racing

Massimo Rivola, CEO Aprilia Racing
1/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
2/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
3/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
4/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aprilia RS-GP 2020

Aprilia RS-GP 2020
5/19

Foto di: Aprilia Racing

Aprilia RS-GP 2020

Aprilia RS-GP 2020
6/19

Foto di: Aprilia Racing

Aprilia RS-GP 2020

Aprilia RS-GP 2020
7/19

Foto di: Aprilia Racing

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
8/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
9/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini, corre in pit lane

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini, corre in pit lane
10/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
11/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il casco di Andrea Iannone, Aprilia Racing Team

Il casco di Andrea Iannone, Aprilia Racing Team
12/19

Foto di: Andrea Iannone

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
13/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
14/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
15/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
16/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
17/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
18/19

Foto di: Photo Ciabatti

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
19/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Iannone: niente test a Sepang, altri 10 giorni per la sentenza

Articolo precedente

Iannone: niente test a Sepang, altri 10 giorni per la sentenza

Prossimo Articolo

Video: presentazione Team Suzuki Ecstar MotoGP 2020

Video: presentazione Team Suzuki Ecstar MotoGP 2020
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Andrea Iannone
Team Aprilia Racing Team
Autore Franco Nugnes
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021