MotoGP: cancellato il GP d'Australia, si torna a Portimao

La MotoGP ha annunciato delle modifiche al calendario che ormai erano nell'aria da qualche tempo: salta l'Australia e la Malesia viene anticipata di una settimana per andare in "back to back" con la Thailandia. Come penultima gara poi si tornerà a Portimao per il Gran Premio d'Algarve.

MotoGP: cancellato il GP d'Australia, si torna a Portimao

Carmelo Ezpeleta ce lo aveva già anticipato la scorsa settimana ed ora è arrivata anche la conferma ufficiale: per il secondo anno consecutivo, la MotoGP non farà tappa a Phillip Island, con il Gran Premio d'Australia che è stato cancellato definitivamente dal calendario 2021.

Le restizioni di viaggio legate alla pandemia del COVID-19 hanno reso impossibile l'organizzazione dell'evento, visto che l'Australia terrà le sue frontiere chiuse almeno fino a giugno del 2022.

Il CEO di Dorna aveva spiegato a Motorsport.com che a Phillip Island poi c'era un'oggettiva difficoltà ad organizzare l'evento in bolla: "In Australia c'erano due problemi: la quarantena e il concetto di bolla, che a Phillip Island è molto complicato, perché ci sono pochi hotel, quindi il personale deve stare nelle case", ha detto Ezpeleta.

Nonostante tutto, non calerà il numero di gare previsto per la seconda parte della stagione, perché la Dorna non si è fatta trovare impreparata. Il Gran Premio della Malesia infatti è stato anticipato di una settimana e portato al 24 ottobre, nello slot in cui si sarebbe dovuto correre a Phillip Island.

Questo vuol dire che sarà in "back to back" con il Gran Premio della Thailandia. Eventi che presumibilmente si disputeranno appunto in bolla, come già accaduto in Qatar, con il personale delle squadre che molto probabilmente sarà autorizzato a muoversi solo dall'hotel al circuito e viceversa, con spostamenti coordinati dall'organizzatore.

Per andare a colmare il vuoto lasciato dall'Australia, inoltre, è stato deciso di tornare a Portimao nel nel weekend del 7 novembre. La seconda gara sul tracciato portoghese sarà titolata come Gran Premio dell'Algarve e si disputerà in "back to back" con il Gran Premio della Comunità Valenciana, che chiuderà la stagione una settimana più tardi al Ricardo Tormo.

MotoGP 2021: il calendario aggiornato

Data Gran Premio Circuito
28 marzo Qatar Qatar Losail
4 aprile Qatar Doha Losail
18 aprile Portugal Portogallo Portimao
2 maggio Spain Spagna Jerez
16 maggio France Francia Le Mans
30 maggio Italy Italia Mugello
6 giugno Spain Catalogna Barcellona
20 giugno Germany Germania Sachsenring
27 giugno Netherlands Olanda Assen
8 agosto Austria Stiria Red Bull Ring
15 agosto Austria Austria Red Bull Ring
29 agosto United Kingdom Gran Bretagna Silverstone
12 settembre Spain Aragón Aragón
19 settembre San Marino San Marino Misano
3 ottobre United States Americhe Austin
17 ottobre Thailand Thailandia Buriram
24 ottobre Malaysia Malesia Sepang
7 novembre Portugal Algarve Portimao
14 novembre Spain Valencia Valencia

 

condivisioni
commenti
Ezpeleta: "Nemmeno i piloti sono d'accordo sulle sanzioni"

Articolo precedente

Ezpeleta: "Nemmeno i piloti sono d'accordo sulle sanzioni"

Prossimo Articolo

Zarco: "L'obiettivo è battere Quartararo, non essere la prima Ducati"

Zarco: "L'obiettivo è battere Quartararo, non essere la prima Ducati"
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021