MotoGP | Buriram, Libere 3: sette Ducati in Q2, Marc e Aleix in Q1

Le Desmosedici GP lasciano il segno in una FP3 disputata a sorpresa ancora con la pista asciutta. Il più veloce è Martin seguito da Miller, ma le Rosse entrano tutte in Q2 tranne quella di Di Giannantonio. Rischia Bagnaia, che è 17°, ma si qualifica con il tempo di ieri. Bene Quartararo, terzo con la Yamaha, mentre Marquez sbaglia all'ultima curva e resta fuori per 10 millesimi. Proseguono le difficoltà delle Aprilia con la carcassa da alte temperature.

MotoGP | Buriram, Libere 3: sette Ducati in Q2, Marc e Aleix in Q1
Carica lettore audio

In barba alle previsioni meteo che volevano la pioggia praticamente per tutto il weekend, il sole continua a splendere su Buriram ed ha permesso ai piloti della MotoGP di sfruttare la pista asciutta anche nella terza sessione di prove libere del Gran Premio della Thailandia, quella che ha delineato il quadro di quelli che hanno accesso diretto alla Q2.

Ancora una volta, a fare la voce grossa sono state le Ducati, perché saranno addirittura sette le Desmosedici GP che affronteranno direttamente la Q2, praticamente tutte ad eccezione di quella di Fabio Di Giannantonio, che occupa il 16° posto nella FP3.

A comandare è stato Jorge Martin che con la moto del Prima Pramac Racing ha fatto segnare il miglior crono del weekend in 1'30"205. Il tutto dopo essere anche incappato in una scivolata alla curva 12. Discorso inverso invece per Jack Miller, che prima ha firmato l'1'30"217 che gli vale il secondo posto, poi è caduto alla curva 3, innescando anche le bandiere gialle che hanno impedito a diversi piloti di migliorarsi nei secondi conclusivi.

Al terzo posto nella classifica di questa mattina c'è il primo degli "intrusi", che è Fabio Quartararo. Il leader del Mondiale ha girato in 1'30"310, ma la buona notizia per lui è che questa prestazione è arrivata con una gomma media montata sul posteriore della sua Yamaha. Segno che il suo potenziale è molto interessante su questa pista.

Prosegue anche il momento positivo di Brad Binder. Dopo il podio di domenica scorsa in Giappone, il sudafricano stamani ha portato la KTM in quarta posizione, staccata di poco più di due decimi, precedendo anche la Suzuki di un ottimo Alex Rins.

A seguire poi c'è tutta la pattuglia Ducati, con Johann Zarco sesto, davanti ad un Enea Bastianini che è riuscito quindi a mettere una pezza alla giornata difficile di ieri, ma anche ai due alfieri della Mooney VR46, ovvero Marco Bezzecchi e Luca Marini. All'appello nelle prime posizioni manca Pecco Bagnaia, che non è riuscito a trovare il time attack giusto e si ritrova solo 17°. Il piemontese però si è qualificato alla Q2 grazie al crono che aveva fatto registrare ieri.

Dovrà passare dalla Q1, dunque, Marc Marquez, beffato da Marini per appena 10 millesimi. Il pilota della Honda deve mangiarsi le mani, perché la top 10 era nelle sue corde, ma ha commesso un errore all'ultima curva, andando molto lungo e quindi si ritrova tagliato fuori.

Sarà però in ottima compagnia, perché le Aprilia hanno continuato a faticare parecchio ad adattarsi alla carcassa da alte temperature ed Aleix Espargaro ha chiuso solo 12°, pagando ben sei decimi. Out anche il suo compagno di squadra Maverick Vinales, parso visibilmente nervoso, che si ritrova addirittura 18°.

Tra quelli che dovranno affrontare la Q1, oltre al già citato Di Giannantonio, c'è anche Franco Morbidelli, 13° con la seconda Yamaha ufficiale. Nella sua scia poi c'è l'altra M1 di Cal Crutchlow, tornato in sella regolarmente nonostante una caviglia dolorante dopo la caduta della FP2 di ieri.

Piccoli passi avanti anche per Danilo Petrucci, sostituto di Joan Mir sulla Suzuki: il ternano è rimasto in 23° posizione, ma ha migliorato il suo tempo e ridotto a solo 1"6 il gap dalla vetta. Non male se si pensa che ha scoperto la GSX-RR solo ieri, su una pista su cui non guidava da tre anni.

E' rimasto ai box invece Raul Fernandez, che sta soffrendo di problemi di stomaco dalla giornata di giovedì. La speranza sua e della KTM Tech3 è che le sue condizioni possano migliorare per permettergli di scendere in pista nelle qualifiche.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Spain Jorge Martin Ducati 18 1'30.205     181.746
2 Australia Jack Miller Ducati 18 1'30.217 0.012 0.012 181.721
3 France Fabio Quartararo Yamaha 23 1'30.310 0.105 0.093 181.534
4 South Africa Brad Binder KTM 21 1'30.405 0.200 0.095 181.343
5 Spain Alex Rins Suzuki 23 1'30.444 0.239 0.039 181.265
6 France Johann Zarco Ducati 21 1'30.489 0.284 0.045 181.175
7 Italy Enea Bastianini Ducati 19 1'30.492 0.287 0.003 181.169
8 Italy Marco Bezzecchi Ducati 20 1'30.513 0.308 0.021 181.127
9 Italy Luca Marini Ducati 22 1'30.516 0.311 0.003 181.121
10 Spain Marc Marquez Honda 21 1'30.526 0.321 0.010 181.101
11 Portugal Miguel Oliveira KTM 20 1'30.818 0.613 0.292 180.519
12 Spain Aleix Espargaro Aprilia 18 1'30.831 0.626 0.013 180.493
13 Italy Franco Morbidelli Yamaha 18 1'30.892 0.687 0.061 180.372
14 United Kingdom Cal Crutchlow Yamaha 18 1'30.906 0.701 0.014 180.344
15 Australia Remy Gardner KTM 19 1'30.928 0.723 0.022 180.300
16 Italy Fabio Di Giannantonio Ducati 19 1'30.941 0.736 0.013 180.275
17 Italy Francesco Bagnaia Ducati 17 1'31.144 0.939 0.203 179.873
18 Spain Maverick Viñales Aprilia 19 1'31.178 0.973 0.034 179.806
19 Spain Pol Espargaro Honda 20 1'31.180 0.975 0.002 179.802
20 Spain Alex Marquez Honda 21 1'31.431 1.226 0.251 179.308
21 Japan Tetsuta Nagashima Honda 21 1'31.643 1.438 0.212 178.894
22 South Africa Darryn Binder Yamaha 19 1'31.686 1.481 0.043 178.810
23 Italy Danilo Petrucci Suzuki 19 1'31.828 1.623 0.142 178.533
24 Spain Raul Fernandez KTM 0        
condivisioni
commenti
Fotogallery MotoGP | Il ritorno dopo tre anni sul circuito di Buriram
Articolo precedente

Fotogallery MotoGP | Il ritorno dopo tre anni sul circuito di Buriram

Prossimo Articolo

MotoGP | Nakagami: seconda operazione al mignolo destro riuscita

MotoGP | Nakagami: seconda operazione al mignolo destro riuscita