MotoGP, Buriram, Libere 1: Vinales e Rossi firmano la doppietta Yamaha

condivisioni
commenti
MotoGP, Buriram, Libere 1: Vinales e Rossi firmano la doppietta Yamaha
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
05 ott 2018, 03:58

A sorpresa le Yamaha monopolizzano le prime due posizioni nel turno inaugurale del GP di Thailandia di MotoGP. Vinales e Rossi precedono la Ducati di Dovizioso, mentre Marquez è quinto. Attardato Lorenzo.

Una rondine non farà di certo primavera, ma una doppietta Yamaha è senza ombra di dubbio una notizia di questi tempi. Dopo le grandi difficoltà incontrate dopo la pausa estiva, le M1 hanno iniziato alla grande il weekend del GP di Thailandia, monopolizzando le prime due posizioni nella sessione inaugurale di prove libere.

E' vero che fino a quando tutti hanno lavorato alla ricerca della messa a punto e del passo le Yamaha non hanno brillato ma, quando nel finale in diversi hanno calzato le gomme nuove per provare il "time attack", Maverick Vinales è riuscito a portarsi davanti a tutti in 1'31"220. Va detto però che lo spagnolo è stato tra i pochi che hanno addirittura montato la gomma soft al posteriore.

Con la media comunque Valentino Rossi non è troppo distante, perché è secondo a 270 millesimi dalla moto gemella. Inoltre tra quelli che hanno montato una media nuova al posteriore nel finale ci sono anche Andrea Dovizioso e Jack Miller, che però con le loro Ducati si sono dovuti accontentare del terzo e quarto tempo a poco più di quattro decimi, separati tra loro da appena un millesimo.

In quinta posizione c'è il primo tra quelli che non hanno montato la gomma nuova nel finale e, neanche a dirlo, si tratta del leader del Mondiale Marc Marquez: il pilota della Honda è stato in testa praticamente per tutto il turno e alla fine ha chiuso con un ritardo di 448 millesimi dal miglior crono di Vinales.

Nelle prime posizioni si rivede anche Johann Zarco, sesto con la Yamaha Tech3 dotata di una gomma soft nuova al posteriore. Tra quelli che invece si sono trovati particolarmente a proprio agio da subito c'è anche Andrea Iannone: il pilota della Suzuki è settimo, pur essendo tra quelli che non hanno montato la gomma nuova.

Il quadro di quelli che al momento avrebbero accesso diretto alla Q2 si completa poi con un sorprendente Takaaki Nakagami, ottavo con la Honda del Team LCR, Danilo Petrucci ed un'altra sorpresa come Scott Redding con l'Aprilia. Tra quelli che al momento sarebbero in Q1, dunque, ci sono anche dei nomi di "lusso", come ad esempio le Honda di Cal Crutchlow e Dani Pedrosa, che occupano rispettivamente l'11esima e la 13esima piazza.

Tra di loro c'è la seconda RS-GP di Noale affidata ad Aleix Espargaro. Attardato pure Alex Rins, che sulla sua Suzuki ha accusato un problema tecnico che lo ha lasciato fermo lungo il tracciato nelle prime fasi del turno: lo spagnolo è 14esimo, giusto davanti alla Honda della Marc VDS affidata a Franco Morbidelli.

Il weekend è iniziato in salita per Jorge Lorenzo, ma era abbastanza prevedibile: il pilota della Ducati è arrivato a Buriram con il piede destro non ancora al 100% dopo l'infortunio di Aragon e zoppicava vistosamente mentre andava verso la sua Desmosedici GP. Alla fine quindi si è dovuto accontentare del 17esimo tempo ad oltre 1"3.

Dietro di lui c'è Pol Espargaro, pure lui in condizioni precarie dopo una recidiva della frattura della clavicola rimediata ad Aragon. In ogni caso, il pilota di Granollers è riuscito ad essere la KTM di riferimento in questa FP1.

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Speed Trap
1 25 Spain Maverick Viñales Yamaha 21 1'31.220     179.723 324
2 46 Italy Valentino Rossi Yamaha 22 1'31.490 0.270 0.270 179.193 322
3 4 Italy Andrea Dovizioso Ducati 19 1'31.636 0.416 0.146 178.907 326
4 43 Australia Jack Miller Ducati 22 1'31.637 0.417 0.001 178.905 320
5 93 Spain Marc Márquez Alenta Honda 21 1'31.668 0.448 0.031 178.845 326
6 5 France Johann Zarco Yamaha 22 1'31.786 0.566 0.118 178.615 324
7 29 Italy Andrea Iannone Suzuki 20 1'31.860 0.640 0.074 178.471 320
8 30 Japan Takaaki Nakagami Honda 22 1'32.040 0.820 0.180 178.122 320
9 9 Italy Danilo Petrucci Ducati 20 1'32.108 0.888 0.068 177.991 327
10 45 United Kingdom Scott Redding Aprilia 18 1'32.191 0.971 0.083 177.830 322
11 35 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 20 1'32.280 1.060 0.089 177.659 326
12 41 Spain Aleix Espargaro Aprilia 20 1'32.313 1.093 0.033 177.595 319
13 26 Spain Daniel Pedrosa Honda 21 1'32.414 1.194 0.101 177.401 322
14 42 Spain Alex Rins Suzuki 17 1'32.422 1.202 0.008 177.386 321
15 21 Italy Franco Morbidelli Honda 21 1'32.479 1.259 0.057 177.277 318
16 19 Spain Alvaro Bautista Ducati 21 1'32.520 1.300 0.041 177.198 322
17 99 Spain Jorge Lorenzo Ducati 19 1'32.521 1.301 0.001 177.196 325
18 44 Spain Pol Espargaro KTM 20 1'32.648 1.428 0.127 176.953 320
19 55 Malaysia Hafizh Syahrin Yamaha 20 1'32.770 1.550 0.122 176.720 319
20 17 Czech Republic Karel Abraham Ducati 17 1'32.947 1.727 0.177 176.384 323
21 38 United Kingdom Bradley Smith KTM 21 1'33.092 1.872 0.145 176.109 319
22 12 Switzerland Thomas Lüthi Honda 20 1'33.133 1.913 0.041 176.032 317
23 10 Belgium Xavier Simeon Ducati 17 1'33.272 2.052 0.139 175.769 319
24 81 Spain Jordi Torres Ducati 21 1'33.406 2.186 0.134 175.517 321
Prossimo articolo MotoGP
Torres e MV Agusta si separano: l'obiettivo è permettere a Jordi di concentrarsi sulla MotoGP

Articolo precedente

Torres e MV Agusta si separano: l'obiettivo è permettere a Jordi di concentrarsi sulla MotoGP

Prossimo Articolo

MotoGP, Buriram, Libere 2: Dovizioso al top, brutto botto per Lorenzo

MotoGP, Buriram, Libere 2: Dovizioso al top, brutto botto per Lorenzo
Carica commenti