Jarvis: "Rossi o Lorenzo? Basta vincere il titolo"

condivisioni
commenti
Jarvis:
Redazione
Di: Redazione
19 ago 2015, 15:30

Il managing director della Yamaha ha ammesso che i vertici di Iwata non hanno preferenze tra Rossi e Lorenzo

Jorge Lorenzo ha portato a casa l'ennesimo successo della stagione 2015 di MotoGP sul tracciato ceco di Brno, agguantando inoltre la vetta della classifica piloti. Ora Jorge si trova a pari punti con il compagno di squadra Valentino Rossi e Yamaha si trova ora in una posizione invidiabile: entrambi i piloti sono in lizza per il titolo e il terzo incomodo, Marc Marquez, dista dai due oltre cinquanta punti.

La soddisfazione nel box Yamaha è enorme perché il titolo piloti sembra aver preso la direzione di Iwata. Il direttore del team Massimo Meregalli ha parlato a La Gazzetta dello Sport al termine della gara di domenica, rilasciando alcune considerazioni sulla situazione in classifica di Valentino Rossi e Jorge Lorenzo.

"Jorge e Valentino sono la situazione che tutti i team sognano; me lo avessero detto a inizio stagione, avrei firmato subito”. E aggiunge: “La vittoria di domenica di Jorge ha un doppio valore, perché ha recuperato 9 punti a Valentino e perché ha mandato un segnale forte a Marc e alla Honda”.

Anche Lin Jarvis, managing director Yamaha, ha voluto esprimere il suo giudizio, ma ha voluto sottolineare l'imparzialità di Yamaha nella lotta al titolo piloti che convolge il "Dottore" e "Martillo", che potrebbe protrarsi fino alla gara conclusiva del Mondiale. 

"A me non importa con chi vinceremo il mondiale, importa solo vincerlo. Farlo con una doppietta, sarebbe il massimo. Oggi sono più maturi e hanno rispetto l’uno dell’altro… Quanto a Valencia, non voglio pensare cosa succederà se il titolo dovesse decidersi lì!".

Prossimo articolo MotoGP
Il maltempo rovina i test Michelin di Brno

Articolo precedente

Il maltempo rovina i test Michelin di Brno

Prossimo Articolo

Valentino Rossi primo centauro a entrare nel BRDC

Valentino Rossi primo centauro a entrare nel BRDC
Carica commenti