Dovizioso: "Brutte vibrazioni della GP15 con la media"

condivisioni
commenti
Dovizioso:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
14 ago 2015, 18:01

Il forlivese è caduto alla Curva 5 a 7 minuti dalla fine e ha chiuso con il sesto tempo le Libere 2 di Brno

Andrea Dovizioso ha iniziato bene il fine settimana di gara di Brno della MotoGP, sede dell'unicesimo appuntamento del Motomondiale 2015. 

Il pilota forlivese, dopo delle buone Libere 1, è stato protagonista di una scivolata a sette minuti dal termine della seconda sessione di prove libere andate in scena questo pomeriggio che ha compromesso il suo giro veloce, che lo avrebbe potuto portare al livello del compagno di squadra Andrea Iannone, il quale ha chiuso poi al terzo posto. 

Nonostante le temperature elevate possano consigliare i piloti a montare le gomme più dure a propria disposizione - nel caso delle Ducati, le medie - Dovizioso ha affermato di trovarsi meglio con le più morbide, perché permettono alla GP15 di avere più grip e scivolare meno nelle tre fasi delle curve: entrata, percorrenza e uscita.

"Oggi il grip in pista era davvero basso e l'asfalto presenta inoltre tante buche che di certo non aiutano. Perdere l'aderenza è molto facile. La mia caduta è stata strana, per questo voglio rivederla più volte in video, per capire cosa sia successo con certezza. Sembra che il problema sia derivato da uno strano movimento del posteriore che poi ha scomposto l'anteriore e sono finito a terra. Fortuna che è tutto ok".

"Con la gomma media la mia moto soffre di fastidiose vibrazioni, mentre con le Soft tutto ciò non accade. Il turno di questo pomeriggio è stato molto strano, con molte cadute e tempi altrettanto alti. Il mio passo non è molto lontano dai primi, sono riuscito a girare in 1'57"7 e 1'57"5", ha dichiarato Dovizioso. 

Prossimo articolo MotoGP
Suzuki: ecco a cosa servono i pulsanti sul manubrio

Articolo precedente

Suzuki: ecco a cosa servono i pulsanti sul manubrio

Prossimo Articolo

Wild card per Nakasuga a Motegi sulla Yamaha

Wild card per Nakasuga a Motegi sulla Yamaha
Carica commenti