MotoGP
20 set
-
22 set
Evento concluso
04 ott
-
06 ott
Evento concluso
18 ott
-
20 ott
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Gara in
01 Ore
:
03 Minuti
:
38 Secondi

MotoGP, Brivio: "Rins ha fatto crescere la Suzuki 2019"

condivisioni
commenti
MotoGP, Brivio: "Rins ha fatto crescere la Suzuki 2019"
Di:
21 feb 2019, 14:05

Davide Brivio, Team Manager Suzuki MotoGP, tesse le lodi del suo pilota di punta, Alex Rins, a cui riconosce il merito di aver ben svilupato la moto 2019, risultato messo in evidentza dopo i buoni test di Sepang

Rins, che in questo 2019 affronterà la sua terza stagione in MotoGP sempre nelle mani del marchio Hamamatsu, è stato uno dei piloti che più hanno impressionato nei test collettivi che si sono svolti a Sepang poco meno di tre settimane fa, in cui ha fatto vedere giro dopo giro, insieme a Maverick Viñales e Marc Márquez, ciò di cui è capace.

Suzuki, nel 2018, ha raccolto buoni risultati - nove podi complessivi, tra Rins (cinque) e Andrea Iannone (quattro) – ed il Mondiale che prenderà il via da Losail tra tre settimana dovrà essere quello della consacrazione per la casa giapponese.

L'abbandono di Iannone e l'arrivo della matricola Joan Mir mettono Rins nelle condizioni di essere la prima guida, sia per quanto riguarda i risultati attesi sia per lo sviluppo della moto.

Leggi anche:

Il Team Manager di Suzuki, Davide Brivio, non si dice per nulla preoccupato dall'aumento di responsabilità conferite a Rins, dal momento che già nel 2018 ha già mostrato ciò di cui è capace.

“Alex sta sviluppando in prima persona la moto, ma è qualcosa che ha già iniziato a fare la passata stagione”, commenta Brivio a Motorsport.com.

“Nel 2018 avevamo con noi Alex e Iannone: entrambi hanno scelto i propri percorsi di sviluppo diversi per tutta la stagione. Siamo molto felici del lavoro di Rins e di come lo abbia realizzato: la moto è cresciuta molto grazie a lui”.

"Sepang, il test più difficile per Mir"

La facilità con cui Rins ha fatto registrare ottimi tempi a Sepang contrasta con le difficoltà incontrate dal suo compagno di squadra, che ha concluso 15° a 1,2 secondi dal più veloce, Danilo Petrucci. Mir, che ai test di Cheste e Jerez alla fine di novembre era piuttosto a suo agio con la Suzuki, ha svolto il suo lavoro in Malesia, dove ha iniziato a sperimentare il carico di lavoro necessario per far parte di una struttura ufficiale.

"Il test di Sepang è stato il più difficile per Joan, perché in quei tre giorni hanno dovuto provare molte cose, sia allo sviluppo che al set-up, e lui è appena arrivato in MotoGP", dice Brivio.

"Nei tre giorni in Qatar (inizieranno questo venerdì) continueremo con i test, ma una volta arrivati penseremo alla prima gara", conclude l'italiano.

Prossimo Articolo
Suzuki: il team satellite in MotoGP arriverà in tempi brevi, si spera nel 2020

Articolo precedente

Suzuki: il team satellite in MotoGP arriverà in tempi brevi, si spera nel 2020

Prossimo Articolo

L'Indonesia ha firmato un triennale per ospitare la MotoGP su un semicittadino

L'Indonesia ha firmato un triennale per ospitare la MotoGP su un semicittadino
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Alex Rins , Joan Mir
Team Team Suzuki MotoGP
Autore Oriol Puigdemont