Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Ultime notizie
MotoGP GP di Germania

MotoGP | Binder preoccupato: "Le Ducati sembrano di un'altra categoria"

Le prestazioni della KTM in Germania non sono state brillanti e la lotta per la vittoria è stata fuori dalla portata di Brad Binder. Per il sudafricano è urgente un cambiamento prima della seconda metà del campionato.

Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing

Dopo il Gran Premio d'apertura del campionato in Qatar, dove si è piazzato tra i primi tre in entrambe le gare, Brad Binder non è più riuscito a vincere alcun trofeo o medaglia. Il sudafricano ha appena concluso tre Gran Premi in cui è arrivato costantemente a punti, ma è scivolato in fondo alla classifica. In Germania si è piazzato solo ottavo e nono sotto la bandiera a scacchi (domenica era settimo prima di perdere due posizioni all'ultimo giro), senza alcuna possibilità di competere per il primo posto.

Descrivendo il weekend come "inaspettato", il team manager Francesco Guidotti non ha nascosto la sua delusione per il risultato complessivo del team ufficiale KTM. "Pensavamo di essere nel gruppo di testa, ma non è stato così", si è lamentato, mentre Jack Miller, in sella alla seconda moto, ha ottenuto solo tre punti.

Mentre l'australiano ha lamentato grossi problemi con il lato destro del suo pneumatico posteriore, che lo ha ostacolato dall'inizio alla fine della gara principale, Binder ha giudicato il suo feeling ok. Il problema è stato che non è stato sufficiente per competere con le Ducati, che ancora una volta hanno affermato la loro superiorità in questo Gran Premio, chiudendo la domenica monopolizzando la top 5 e venendo impensierite solo dall'Aprilia di Miguel Oliveira il sabato.

"È chiaro che dobbiamo trovare qualcosa perché quelli davanti a noi hanno dato l'impressione di essere di un'altra categoria", ha ammesso Binder dopo la gara, parlando al sito ufficiale della MotoGP. "È stata la storia delle ultime gare. Dobbiamo cercare di trovare un po' di ritmo per provare a stare con loro".

Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing

Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Cambiamenti radicali

La determinazione della KTM a recuperare il terreno perso nel corso delle settimane si è tradotta in un grande sforzo di messa a punto della moto. "Abbiamo ottenuto alcuni dati utili", osserva Binder, che ha visto i tecnici fare un interessante azzardo nel warm-up.

"La moto andava molto meglio, tutto era molto più facile da gestire. Poi abbiamo fatto un altro grande passo per la gara, che ci ha aiutato, con una moto che si fermava un po' meglio", ha descritto, pur sottilineando ancora il gap dalla concorrenza: "Ci manca ancora la capacità di prendere molta velocità per sorpassare rispetto agli altri. Non abbiamo una grande trazione in uscita di curva perché ci fermiamo molto forte in entrata".

"Abbiamo apportato alcuni cambiamenti radicali e abbiamo capito la direzione da seguire per cercare di mantenere le prestazioni, soprattutto in gara", ricorda. Questo può compensare la mancanza di sviluppi che sembra essere stata rivelata? "Non abbiamo avuto aggiornamenti per molto tempo, questo è certo", conferma il sudafricano, che tuttavia è più concentrato sull'obiettivo che su come raggiungerlo.

"Più di ogni altra cosa, credo che ciò di cui abbiamo bisogno sia soprattutto una chiara comprensione di dove stiamo andando. Questo fine settimana abbiamo giocato molto con l'equilibrio e abbiamo finito per fare cose che non avevamo mai fatto prima, che non hanno molto senso ma che hanno migliorato un po' la moto. Quindi è chiaro che dobbiamo capire un po' meglio le cose".

Per Francesco Guidotti, gli sforzi fatti non sono chiaramente sufficienti. "Almeno oggi abbiamo dato ai piloti la migliore versione della moto che abbiamo avuto questo fine settimana", ha sottolineato l'italiano al momento di lasciare la Germania. "Forse venerdì siamo stati troppo conservativi. Oggi è andata abbastanza bene, ma non è stato sufficiente. Abbiamo perso troppo tempo, ma per il futuro abbiamo dei compiti da svolgere".

Tra questi compiti c'è anche la pista, visto che questa settimana sta effettuando dei test Pol Espargaró, lo spagnolo a cui Binder ha affidato il compito di preparare "un razzo" in vista della ripresa all'inizio di agosto. Pedro Acosta, frustrato quanto il suo futuro compagno di squadra, ha deciso invece di trascorrere alcuni giorni in fabbrica per risolvere i problemi che lo affliggono.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente MotoGP | Pol Espargaro wild card con KTM al Red Bull Ring
Prossimo Articolo MotoGP | Taramasso: "Non tutti sanno interpretare bene i dati della Sprint"

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia