MotoGP benefica: Marini aderisce alla Lega del filo d’oro

Luca Marini ha aderito alla Lega del filo d’oro, fondazione italiana che aiuta le persone sordocieche. Il portacolori Esponsorama è il primo pilota MotoGP a rendersi protagonista di gesti umanitari e afferma che questa iniziativa possa essere uno stimolo per gli altri piloti che vorranno creare progetti simili.

MotoGP benefica: Marini aderisce alla Lega del filo d’oro

In diverse occasioni la MotoGP ha dimostrato molta umanità, non solo pista e non solo agonismo: piloti e squadre hanno dato prova di quanto questo sport sia decisamente meno rigoroso di quel che vediamo nella classifica dei tempi. Questo fine settimana, in occasione del Gran Premio delle Americhe, Luca Marini è uno degli esponenti di questa grande umanità e va ben oltre le due ruote. Il pilota dello Sky Racing Team ha deciso di aderire alla Lega del Filo d’oro, fondazione italiana per le persone sordocieche.

Marini spiega che l’iniziativa è partita insieme a suo padre, con cui lavora da anni a questi progetti per aiutare le persone più bisognose: “Questo è un progetto al quale sono molto legato perché da quando ero piccolo ho sempre cercato di fare qualcosa di attività per beneficienza, perché mio babbo mi ha sempre un po’ educato in questo modo, con lui abbiamo sempre cercato di portare avanti dei progetti per aiutare il prossimo e chi è più svantaggiato. È una cosa bella da fare, è un senso di gratificazione personale che per me è molto importante e ti fa conoscere le realtà difficili. Da un po’ di tempo cercavo di creare un altro progetto per poter fare qualcosa di importante, perché ora sono arrivato ad essere un pilota che corre in MotoGP e ho maggiore potenzialità per fare qualcosa di più grosso”.

“Ho deciso insieme a lui di creare qualcosa di nuovo insieme alla Lega del filo d’oro perché mi sembrava una onlus con la quale mi ci ritrovavo – continua parlando della sua iniziativa – Poi è anche vicino casa mia, quindi è più facile essere all’interno del progetto. Si tratta semplicemente di raccogliere dei fondi per sviluppare delle nuove tecnologie che possano aiutare le persone con disabilità molto importanti e severe che ho avuto modo di conoscere. Sicuramente possono aiutare a migliorare la vita di tante persone, quindi spero di poter fare qualcosa di bello insieme a loro”.

Leggi anche:

Questa iniziativa non ha nulla a che vedere con l’ambiente delle due ruote e Marini ritiene che il suo gesto possa essere d’aiuto anche per stimolare altri piloti a lanciarsi in questi progetti: “Questo è un progetto al di fuori di tutte le moto, che non c’entra niente, perché semplicemente mi piace fare queste cosa qua, cercare di dare una mano a chi ne ha bisogno. È un progetto che parte da me e mio babbo che ringrazio, perché si impegna molto per darmi una mano a cercare di creare queste cose qua. Spero che posso andare bene. Secondo me è molto importante, perché a noi costa poco dedicare un po’ di attenzione e curare queste cose al di fuori, ma il tempo si trova. Poi se è una cosa che ti piace fare e che ti ridà indietro qualcosa, lo fai ancora meglio. Magari altri piloti non ci hanno mai pensato, ma spero che in realtà possa aiutare anche gli altri piloti a pensare a questa iniziativa. Poi alla fine va bene qualsiasi cosa, perché alla fine ce ne sono tante di idee che si possano realizzare”.

L’iniziativa di Marini è decisamente ammirevole, specialmente sapendo che non ha alcun legame con la onlus. Di solito si tende ad aiutare organizzazioni che aiutano la ricerca e il sostegno a persone con malattie o disabilità conosciute in ambito familiare, ma il portacolori Sky Racing Team in MotoGP afferma di aver aderito a questa iniziativa senza conoscere nessuno: “Non conoscevo nessuno, è stato interessante, perché ogni persona è a sé, sono tutti molto diversi uno dall’altro. A volte trovi delle persone molto piacevoli che riescono a comunicare molto bene con te, riescono a capirti e riescono a ridarti qualcosa, a farti capire il loro mondo, in cui è molto dura senza vedere né sentire niente. Poi anche la sede a Osimo è una cosa incredibile, è una struttura maestosa che sta continuando a crescere, è molto bella. Se qualcuno ha l’opportunità di vederla o di documentarsi ve lo consiglio, perché è bellissima”.

condivisioni
commenti
Morbidelli: "Noi grandi dobbiamo dare l'esempio ai giovani"

Articolo precedente

Morbidelli: "Noi grandi dobbiamo dare l'esempio ai giovani"

Prossimo Articolo

MotoGP, Austin, Libere 1: Marquez subito davanti sull'umido

MotoGP, Austin, Libere 1: Marquez subito davanti sull'umido
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021