MotoGP
G
GP di Spagna
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
38 giorni
14 mag
-
17 mag
Prossimo evento tra
52 giorni
G
GP d'Italia
28 mag
-
31 mag
Prossimo evento tra
66 giorni
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
73 giorni
G
GP di Germania
18 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
87 giorni
G
GP d'Olanda
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
94 giorni
G
GP di Finlandia
09 lug
-
12 lug
Prossimo evento tra
108 giorni
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
136 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
143 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
157 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
171 giorni
G
GP di Aragon
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
186 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
193 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
206 giorni
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
214 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
220 giorni
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
235 giorni
20 nov
-
22 nov
Prossimo evento tra
242 giorni
G
GP di Valencia
27 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
249 giorni

MotoGP, Barcellona: seconda pole di Quartararo in un clamoroso dominio Yamaha

condivisioni
commenti
MotoGP, Barcellona: seconda pole di Quartararo in un clamoroso dominio Yamaha
Di:
15 giu 2019, 13:08

Il francese del Team Petronas piega Marquez per appena 15 millesimi, ma le M1 sono tutte nelle prime cinque posizioni, con a seguire Vinales, Morbidelli e Rossi. Solo sesto Dovizioso, con Petrucci in terza fila.

Le qualifiche del GP di Catalogna di MotoGP sono state caratterizzate da un vero e proprio dominio Yamaha, con le M1 che hanno occupato quattro delle prime cinque posizioni della griglia di partenza ed il solo Marc Marquez capace di vestire i panni "dell'intruso" in prima fila con la sua Honda.

Fabio Quartararo sembra averci proprio preso gusto a regalare prestazioni strepitose in qualifica e lo ha fatto anche oggi a Barcellona. E' vero che oggi i tempi sono rimasti molto distanti dal record del tracciato catalano firmato un anno fa da Jorge Lorenzo, che però aveva potuto anche sfruttare un asfalto nuovo, ma il francese della Yamaha Petronas si è portato a casa la sua seconda pole position nella classe regina.

E con il suo 1'39"484 non l'ha soffiata per 15 millesimi ad uno qualsiasi, ma al pilota in attività che ha conquistato più partenze al palo nella classe regina, ovver Marquez. Il leader del Mondiale aveva fatto un grande T1, ma poi nel resto della pista non è riuscito ad eguagliare la grande percorrenza di "El Diablo".

Come detto, è stata però una grande qualifica per la Yamaha, perché a completare la prima fila c'è la M1 ufficiale di Maverick Vinales, che ha soffiato per appena un millesimo il terzo posto in griglia a Franco Morbidelli, che se non altro ha confermato di aver recuperato alla grande dal brutto highside di stamattina, risultando il più veloce in Q1 e poi brillando anche in Q2.Tra le altre cose, Vinales e Quartararo sono finiti sotto investigazione per un episodio avvenuto quasi a tempo scaduto, con il francese che ha evitato per un soffio lo spagnolo che si era fermato a salutare i suoi tifosi alla curva 9.

Peccato che non ci sia nessuno dei ragazzi di casa nostra sulla prima fila dello schieramento, perché gli italiani sono addirittura quattro nelle prime sette posizioni. Alle spalle di "Morbido" c'è l'altra M1 di Valentino Rossi. Se da una parte per il "Dottore" ci può essere la delusione di essere l'ultimo tra i piloti Yamaha, è altrettanto vero che era un po' che non riusciva ad arrampicarsi fino alla seconda fila.

Non possono essere troppo contenti invece in casa Ducati, perché la migliore delle Desmosedici GP è solamente in sesta posizione con Andrea Dovizioso. E' vero che il forlivese paga solo 293 millesimi, ma su una pista dove la Rossa ha vinto negli ultimi due anni, ci si aspettava forse qualcosina in più.

Discorso che vale anche per il suo compagno Danilo Petrucci, che apre la terza fila ed è stato anche protagonista di una scivolata molto particolare, visto che ha perso l'anteriore alla curva 5 in quello che era il suo giro di rientro alla fine del primo tentativo. Un peccato, perché in quel momento "Petrux" era terzo, ma poi non è riuscito a ripetersi nel secondo tentativo.

Il grande deluso di questa qualifica però deve essere probabilmente Alex Rins: il pilota della Suzuki sembra essere quello accreditato del ritmo migliore ed aveva appena fatto segnare tre caschi rossi quando è scivolato alla curva 10, rovinando così la sua Q2 e dovendo accontentarsi di andare a schierare la sua Suzuki in ottava posizione. Occhio però, perché ormai lo spagnolo ci ha abituati a grandi rimonte in questa stagione.

A completare la terza fila c'è la Honda di Cal Crutchlow, mentre quella di Jorge Lorenzo è solamente in decima posizione, nonostante gli accorgimenti di ergonomia che i giapponesi hanno introdotto sulla sua RC213V in questo weekend. Il quadro dei piloti entrati in Q2 si completa poi con la Suzuki di Joan Mir e con la KTM di Pol Espargaro, che se non altro ha portato per la terza gara di fila la RC16 al segmento conclusivo.

Purtroppo il primo degli eliminati al termine della Q1 è Pecco Bagnaia, che è stato beffato per appena 155 millesimi da Mir. In generale però è stato un sabato deludente per la Ducati Pramac, perché anche Jack Miller figura tra gli esclusi e domani scatterà proprio alle spalle del compagno di box.

L'australiano ha rovinato tutto nel primo run, finendo ruote all'aria alla curva 5. Pur riuscendo a tornare in pista piuttosto rapidamente, "Jackass" però non è riuscito a fare meglio di un 1'40"271 che gli valso solamente il quarto tempo della Q1 e quindi il 14esimo posto in griglia.

Tutta Ducati la quinta fila, perché a seguire c'è un ottimo Karel Abraham, mentre per quello che aveva mostrato nelle ultime uscite ed anche ieri, forse è giusto parlare di delusione per Takaaki Nakagami, solamente 16esimo in griglia con la sua Honda del Team LCR.

Tra i team factory, però, sono dolori soprattutto per l'Aprilia: la migliore delle RS-GP è infatti quella di Aleix Espargaro, che però occupa solo il 17esimo posto in griglia. Se la passa addirittura peggio Andrea Iannone, frenato da un problema tecnico che gli ha impedito di fare un secondo tentativo e che lo ha relegato all'ultimo posto in griglia per la quarta volta in questa stagione.

Le cose non vanno tanto meglio per Johann Zarco, che completa la sesta fila con la sua KTM. A quanto pare, il pilota francese non sembra riuscire a trovare gli stessi benefici del compagno di squadra dal nuovo forcellone in carbonio della RC16.

Classifica Q2

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 France Fabio Quartararo Yamaha 8 1'39.484     171.054
2 Spain Marc Márquez Alenta Honda 7 1'39.499 0.015 0.015 171.028
3 Spain Maverick Viñales Yamaha 8 1'39.710 0.226 0.211 170.666
4 Italy Franco Morbidelli Yamaha 7 1'39.711 0.227 0.001 170.665
5 Italy Valentino Rossi Yamaha 8 1'39.753 0.269 0.042 170.593
6 Italy Andrea Dovizioso Ducati 8 1'39.777 0.293 0.024 170.552
7 Italy Danilo Petrucci Ducati 7 1'39.844 0.360 0.067 170.437
8 Spain Alex Rins Suzuki 6 1'39.870 0.386 0.026 170.393
9 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 7 1'40.151 0.667 0.281 169.915
10 Spain Jorge Lorenzo Honda 7 1'40.199 0.715 0.048 169.834
11 Spain Joan Mir Suzuki 7 1'40.240 0.756 0.041 169.764
12 Spain Pol Espargaro KTM 7 1'40.425 0.941 0.185 169.451

Classifica Q1

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Italy Franco Morbidelli Yamaha 7 1'39.727     170.637
2 Spain Joan Mir Suzuki 8 1'40.012 0.285 0.285 170.151
3 Italy Francesco Bagnaia Ducati 8 1'40.167 0.440 0.155 169.888
4 Australia Jack Miller Ducati 8 1'40.271 0.544 0.104 169.712
5 Czech Republic Karel Abraham Ducati 8 1'40.349 0.622 0.078 169.580
6 Japan Takaaki Nakagami Honda 8 1'40.362 0.635 0.013 169.558
7 Spain Aleix Espargaro Aprilia 8 1'40.400 0.673 0.038 169.494
8 France Johann Zarco KTM 7 1'40.427 0.700 0.027 169.448
9 Spain Tito Rabat Ducati 7 1'40.682 0.955 0.255 169.019
10 Portugal Miguel Oliveira KTM 8 1'40.752 1.025 0.070 168.901
11 Malaysia Hafizh Syahrin KTM 8 1'40.839 1.112 0.087 168.756
12 United Kingdom Bradley Smith Aprilia 7 1'41.232 1.505 0.393 168.100
13 France Sylvain Guintoli Suzuki 8 1'41.270 1.543 0.038 168.037
14 Italy Andrea Iannone Aprilia 5 1'41.748 2.021 0.478 167.248
Prossimo Articolo
MotoGP, Barcellona, Libere 4: svetta Quartararo, ma Rins ha un gran passo

Articolo precedente

MotoGP, Barcellona, Libere 4: svetta Quartararo, ma Rins ha un gran passo

Prossimo Articolo

Rins cade, ma ci crede: "Domani può essere una gran giornata"

Rins cade, ma ci crede: "Domani può essere una gran giornata"
Carica commenti