MotoGP
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
14 mag
-
17 mag
Evento concluso
28 mag
-
31 mag
Prossimo evento tra
2 giorni
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
9 giorni
18 giu
-
21 giu
Canceled
25 giu
-
28 giu
Canceled
09 lug
-
12 lug
Canceled
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
72 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
79 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
93 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
107 giorni
G
GP di Aragon
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
122 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
129 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
142 giorni
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
150 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
156 giorni
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
171 giorni
20 nov
-
22 nov
Prossimo evento tra
178 giorni
G
GP di Valencia
27 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
185 giorni

MotoGP, Barcellona: Lorenzo fa strike con i big, tutto facile per Marquez

condivisioni
commenti
MotoGP, Barcellona: Lorenzo fa strike con i big, tutto facile per Marquez
Di:
16 giu 2019, 12:50

Al secondo giro, Jorge ha steso in un colpo solo Dovizioso, Vinales e Rossi, favorendo la fuga di Marc, che ora è a+37 sul ducatista. Quartararo centra il primo podio in MotoGP, Petrucci il terzo consecutivo.

Nelle ultime settimane Marc Marquez ha battibeccato parecchio con Jorge Lorenzo, ma oggi forse è uno dei pochi che non avrà niente da dire nei confronti del maiorchino, perché il compagno di squadra gli ha servito su un piatto d'argento la vittoria del GP di Catalogna dopo appena neanche due giri.

Per la prima volta da quando corre per la Honda, il maiorchino era riuscito ad inserirsi nelle posizioni che contano, ma ha rovinato tutto con una manovra senza senso: quando alla curva 10 Marquez ha attaccato Dovizioso, soffiandogli la leadership che si era guadagnato con una grande partenza, Jorge ha provato ad infilarsi anche lui pur essendo quarto e le conseguenze sono state assolutamente disastrose.

Sulla sua RC213V si è chiuso l'anteriore e si è innescata una carambola incredibile: la Honda ha speronato prima la Ducati di Dovizioso, poi è andata a colpire la Yamaha di Maverick Vinales ed infine pure quella di Valentino Rossi, che a loro volta erano in battaglia per le posizioni di vertice.

Lorenzo si è scusato immediatamente ai microfoni delle televisioni di mezzo mondo, ma resta il fatto che in un colpo solo, dunque, ha eliminato praticamente tutti i top rider e tutto questo scompiglio ha permesso anche a Marquez di ritrovarsi solo al comando con un grande margine sugli inseguitori, involandosi verso la quarta vittoria stagionale e verso il +37 nel Mondiale nei confronti di un incolpevole Dovizioso.

Se non altro, alle sue spalle la battaglia è stata molto accesa per le posizioni da podio tra Fabio Quartararo, Danilo Petrucci ed Alex Rins. Fino a pochi giri dal termine, sembravano il ducatista ed il pilota della Suzuki i più accreditati ad andare ad affiancare il numero 93 sul podio, ma alla fine a spuntarla è stato il francesino della Yamaha Petronas, che quindi ha conquistato la sua prima top 3 nella classe regina, nonostante fosse reduce da un'operazione ad un braccio per risolvere un problema di sindrome compartimentale.

Leggi anche:

Il rookie è stato favorito dalla battaglia serrata tra gli altri due, che è sfociata in una prima carenata alla curva 5 e poi, a 7 giri dalla fine, in un incrocio di traiettorie alla curva 1 che ha portato Rins vicinissimo alla caduta e a perdere diverse posizioni. E' stato proprio in quel frangente che Quartararo ha trovato il varco giusto per infilare alla curva 4 "Petrux", che comunque può essere soddisfatto per il terzo podio consecutivo, che consolida il suo ottimo momento di forma in sella alla Ducati ufficiale.

Rins alla fine ha rimontato fino al quarto posto e in questo modo si è portato a soli 2 punti dal secondo posto nel Mondiale occupato da Dovizioso. Ma attenzione anche a Petrucci, perché a sua volta è appena 3 lunghezze più indietro. Il problema semmai è l'enorme margine che si è costruito Marquez, che rischia di pesare come un macigno sul proseguimento della stagione.

A completare la top 5 c'è la Ducati Pramac di un Jack Miller risalito dal 14esimo posto in griglia, che ha preceduto la Suzuki di Joan Mir e la KTM di Pol Espargaro. Ma va detto che oggi parliamo di una gara che è stata conclusa da appena 13 piloti e che tra quelli che sono finiti ruote all'aria purtroppo ci sono anche Pecco Bagnaia e Franco Morbidelli, caduti rispettivamente alla curva 5 ed alla curva 7.

Ha visto la bandiera a scacchi invece Andrea Iannone, 11esimo ed unico tra i piloti dell'Aprilia ad aver raggiunto il traguardo. Le altre due RS-GP purtroppo sono entrate in collisione tra loro nel corso del primo giro e a farne le spese è stato Aleix Espargaro, centrato in pieno nel ginocchio da Bradley Smith. Lo spagnolo è parso subito molto dolorante e infatti è stato portato in ospedale a Barcellona per accertamenti, anche se i primi esami avrebbero escluso fratture.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Punti
1 Spain Marc Márquez Alenta Honda 24 -       25
2 France Fabio Quartararo Yamaha 24 2.660 2.660 2.660   20
3 Italy Danilo Petrucci Ducati 24 4.537 4.537 1.877   16
4 Spain Alex Rins Suzuki 24 6.602 6.602 2.065   13
5 Australia Jack Miller Ducati 24 6.870 6.870 0.268   11
6 Spain Joan Mir Suzuki 24 7.040 7.040 0.170   10
7 Spain Pol Espargaro KTM 24 16.144 16.144 9.104   9
8 Japan Takaaki Nakagami Honda 24 17.969 17.969 1.825   8
9 Spain Tito Rabat Ducati 24 22.661 22.661 4.692   7
10 France Johann Zarco KTM 24 26.228 26.228 3.567   6
11 Italy Andrea Iannone Aprilia 24 32.036 32.036 5.808   5
12 Portugal Miguel Oliveira KTM 24 44.666 44.666 12.630   4
13 France Sylvain Guintoli Suzuki 24 51.363 51.363 6.697   3
  United Kingdom Cal Crutchlow Honda 18 6 Laps        
  Italy Franco Morbidelli Yamaha 16 8 Laps        
  Italy Francesco Bagnaia Ducati 5 19 Laps        
  Malaysia Hafizh Syahrin KTM 3 21 Laps        
  Italy Valentino Rossi Yamaha 2 22 Laps        
  Italy Andrea Dovizioso Ducati 2 22 Laps        
  Spain Maverick Viñales Yamaha 1 23 Laps        
  Spain Jorge Lorenzo Honda 1 23 Laps        
  Spain Aleix Espargaro Aprilia 1 23 Laps        
  Czech Republic Karel Abraham Ducati   24 Laps        
  United Kingdom Bradley Smith Aprilia   24 Laps        
Prossimo Articolo
LIVE MotoGP, GP di Catalogna: Gara

Articolo precedente

LIVE MotoGP, GP di Catalogna: Gara

Prossimo Articolo

Lorenzo: "La colpa è solo mia, avrei preferito cadere da solo"

Lorenzo: "La colpa è solo mia, avrei preferito cadere da solo"
Carica commenti