MotoGP: Bagnaia regala la 50esima pole alla Ducati ad Aragon

Le Rosse dominano le qualifiche al Motorland con Pecco il pole con il record della pista davanti a Miller. Quartararo completa la prima fila, mentre Marquez apre una seconda che lo vedrà affiancato da Martin e dall'Aprilia di Aleix Espargaro. Mir è settimo, mentre Vinales e Rossi sono in coda allo schieramento.

MotoGP: Bagnaia regala la 50esima pole alla Ducati ad Aragon

La Ducati suona la carica nelle qualifiche del Gran Premio d'Aragon di MotoGP con Pecco Bagnaia e Jack Miller che hanno regalato una splendida doppietta alla Casa di Borgo Panigale, provando a mettere un po' di pressione a Fabio Quartararo, che con la sua Yamaha completerà la prima fila.

Il grande protagonista della Q2 è stato Bagnaia, fin qui autore di un weekend praticamente perfetto su una pista che lo scorso anno gli aveva creato delle difficoltà enormi. Nel secondo run, il piemontese ha alzato l'asticella ad un livello che è stato irraggiungibile per tutti gli altri: il suo 1'43"322 lo ha reso infatti il primo italiano capace di firmare una pole su questa pista in MotoGP, con tanto di record (quello precedente di Marquez resisteva dal 2015!), ma soprattutto ha regalato la 50esima partenza al palo alla Ducati.

Nei minuti finali la sensazione era che la battaglia per la pole fosse riservata a lui e a Quartararo, ma il francese ha commesso un errore, andando lungo alla curva 12 al penultimo giro. E Miller si è fatto trovare pronto ad approfittarne, infilando l'altra Desmosedici GP ufficiale in seconda posizione con un ritardo di 366 millesimi sulla moto gemella. Occhio però a non sottovalutare "El Diablo", perché sulla carta Aragon non era la pista preferita sia per lui che per la Yamaha, ma ancora una volta è in prima fila.

Alle loro spalle, ad aprire la seconda fila, troviamo Marc Marquez. Il pilota della Honda aveva vissuto un sabato mattina complicato, con anche una caduta alla curva 14, ma poi in FP4 si è mostrato in possesso di un ottimo passo gara e anche in qualifica ha mancato la prima fila per appena 14 millesimi. Su un tracciato sinistrorso come questo, che mette meno sotto sforzo il suo braccio destro, sarà sicuramente uno di quelli da tenere sotto controllo domani.

Continua il buon momento di Jorge Martin, che anche questa volta è riuscito ad andare ad infilarsi in seconda fila con la sua Ducati Pramac, dimostrando ancora una volta che ormai deve essere considerato un top rider a tutti gli effetti. Discorso che si può allargare anche ad Aleix Espargaro, ormai una presenza costante nelle prime posizioni con la sua Aprilia, anche se probabilmente sulla sua pista preferita si sarebbe aspettato anche qualcosina in più dopo il podio di Silverstone.

Aprirà la terza fila il campione del mondo in carica Joan Mir, che con la sua Suzuki ha sbagliato la staccata alla curva 1 all'ultimo tentativo. Nella media dei risultati in qualifica della GSX-RR non è neanche un brutto risultato comunque e quindi anche il maiorchino potrebbe essere uno dei protagonisti della gara di domani. Accanto a lui ci saranno Pol Espargaro, ma soprattutto Enea Bastianini, che con il nono tempo ha concretizzato la sua miglior qualifica in MotoGP, dopo essere riuscito a centrare l'accesso diretto alla Q2 con la Ducati di Avintia Esponsorama.

 

Il quadro dei piloti che hanno disputato la Q2 si completa poi con Johann Zarco, nota stonata della grande giornata Ducati, Takaaki Nakagami e Brad Binder, unico tra i piloti della KTM a riuscire a ritagliarsi uno spazio nelle prime quattro file dello schieramento.

Il primo degli esclusi al termine della Q1 è stato Iker Lecuona, che nel suo piccolo comunque continua a mostrare segnali di crescita in questa parte conclusiva della sua avventura con la KTM: lo spagnolo infatti è riuscito a mettersi dietro le altre RC16 eliminate di Danilo Petrucci e di Miguel Oliveira, che scatteranno rispettivamente dalla 16esima e dalla 18esima posizione.

Dopo il podio dell'anno scorso, ci si aspettava sicuramente qualcosina in più anche da Alex Marquez, che invece è stato l'unico tra i piloti Honda a non centrare la Q2 e domani si schiererà 14esimo. E' andata anche peggio però al vincitore del Gran Premio d'Aragon dello scorso anno, ovvero Alex Rins. La qualifica del pilota della Suzuki è stata a dir poco disastrosa, visto che si ritrova addirittura 20esimo in griglia.

Lo spagnolo ha chiuso alle spalle anche di Maverick Vinales, che inizierà l'esperienza in Aprilia dal 19esimo posto in griglia. Il pilota di Roses fa ancora parecchia fatica nel quarto settore con la RS-GP, ma è normale che possa avere bisogno di tempo per prendere le misure ad una V4 dopo aver corso sempre solo con delle quattro cilindri in linea.

Non è andata troppo bene neanche a chi ha preso il suo posto provvisoriamente nel Factory Team Yamaha, perché Cal Crutchlow è 15esimo. Un peccato per il collaudatore britannico, che nell'arco di questo weekend aveva dato qualche segnale interessante.

In ogni caso, è riuscito a fare meglio di Valentino Rossi: il "Dottore" non ama Aragon e si vede, perché non è riuscito a fare meglio del 21esimo tempo con la sua M1 griffata Petronas, con alle spalle solo il compagno di squadra Jake Dixon. Il fratello Luca Marini invece scatterà 17esimo con la Ducati di Sky VR46 Avintia.

Classifica Q2

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Italy Francesco Bagnaia Ducati 7 1'46.322     171.938
2 Australia Jack Miller Ducati 7 1'46.688 0.366 0.366 171.348
3 France Fabio Quartararo Yamaha 7 1'46.719 0.397 0.031 171.298
4 Spain Marc Márquez Alenta Honda 7 1'46.736 0.414 0.017 171.271
5 Spain Jorge Martin Ducati 7 1'46.878 0.556 0.142 171.043
6 Spain Aleix Espargaro Aprilia 7 1'46.883 0.561 0.005 171.035
7 Spain Joan Mir Suzuki 8 1'47.162 0.840 0.279 170.590
8 Spain Pol Espargaro Honda 8 1'47.194 0.872 0.032 170.539
9 Italy Enea Bastianini Ducati 6 1'47.278 0.956 0.084 170.405
10 France Johann Zarco Ducati 5 1'47.288 0.966 0.010 170.389
11 Japan Takaaki Nakagami Honda 7 1'47.366 1.044 0.078 170.266
12 South Africa Brad Binder KTM 7 1'47.932 1.610 0.566 169.373

Classifica Q1

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 France Johann Zarco Ducati 6 1'47.293     170.382
2 South Africa Brad Binder KTM 7 1'47.344 0.051 0.051 170.301
3 Spain Iker Lecuona KTM 6 1'47.508 0.215 0.164 170.041
4 Spain Alex Marquez Honda 7 1'47.542 0.249 0.034 169.987
5 United Kingdom Cal Crutchlow Yamaha 7 1'47.613 0.320 0.071 169.875
6 Italy Danilo Petrucci KTM 7 1'47.708 0.415 0.095 169.725
7 Italy Luca Marini Ducati 7 1'47.741 0.448 0.033 169.673
8 Portugal Miguel Oliveira KTM 7 1'47.750 0.457 0.009 169.659
9 Spain Maverick Viñales Aprilia 7 1'47.764 0.471 0.014 169.637
10 Spain Alex Rins Suzuki 8 1'47.790 0.497 0.026 169.596
11 Italy Valentino Rossi Yamaha 7 1'47.863 0.570 0.073 169.481
12 United Kingdom Jake Dixon Yamaha 7 1'48.146 0.853 0.283 169.038
condivisioni
commenti
MotoGP: salta l'Argentina, il calendario resta con 18 eventi

Articolo precedente

MotoGP: salta l'Argentina, il calendario resta con 18 eventi

Prossimo Articolo

Bagnaia: "Ultima curva perfetta grazie ai dati di Martin"

Bagnaia: "Ultima curva perfetta grazie ai dati di Martin"
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021