Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Gara
MotoGP GP d'Olanda

MotoGP | Bagnaia inarrestabile: bis nella Sprint ad Assen e riavvicina Martin

Il pilota della Ducati domina la gara breve in Olanda, comandando dall'inizio alla fine, e si riporta a soli 15 punti dal rivale del Prima Pramac Racing. Sul podio c'è anche Vinales con l'Aprilia, mentre Marc Marquez cade subito e finisce a -44. Bella rimonta di Bastianini, quarto davanti a Di Giannantonio. Brutta caduta nel finale per Espargaro.

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pecco Bagnaia sembra veramente inarrestabile. Dalla gara lunga di Barcellona, il ruolino di marcia del campione del mondo in carica è stato perfetto, con due vittorie nelle gare lunghe, ma soprattutto altrettante nelle Sprint, che fino al Gran Premio di Catalogna erano state il suo tallone d'Achille ed il punto di forza del suo rivale Jorge Martin.

Ma ad Assen ha dimostrato che il successo del sabato al Mugello è stato tutt'altro che un caso, perché il ducatista ha nuovamente dominato, scattando benissimo dalla pole position e poi impostando un ritmo infernale sul passo dell'1'31" alto, che solamente l'alfiere del Prima Pramac Racing ha provato a reggere per qualche giro, arrendendosi alla distanza alla superiorità del piemontese, che si è presentato sotto alla bandiera a scacchi con un margine di oltre due secondi.

Un successo importante anche in ottica Mondiale, perché Pecco così ha ridotto a 15 lunghezze il ritardo nei confronti di "Martinator", con il rammarico di aver buttato via la Sprint di Barcellona proprio all'ultimo giro: senza quell'errore, la rimonta sarebbe praticamente cosa fatta. Entrambi però sono riusciti a scavare un solco nei confronti di tutti gli inseguitori, perché la Sprint di Marc Marquez è durata poco più di un giro: al secondo passaggio, il pilota del Gresini Racing ha tagliato troppo sul cordolo interno alla curva 2 ed è scivolato, precipitando così a -44 nella corsa al titolo.

A completare il podio c'è l'Aprilia di Maverick Vinales, con lo spagnolo che però ha potuto fare solo da spettatore alla fuga dei due ducatisti, ritrovandosi a fare una seconda metà di gara in solitaria, visto che a sua volta lui aveva distanziato tutti gli inseguitori dopo essersi sbarazzato di un Alex Marquez che era stato molto arrembante nelle prime fasi.

Inseguitori che alla fine hanno chiuso capitanati da un Enea Bastianini che deve maledire la pessima qualifica che ha fatto stamattina. Il pilota della Ducati infatti è stato capace di risalire dall'11° posto in griglia fino al quarto finale, regalando anche un paio di sorpassi davvero pregevoli. Partendo più avanti, probabilmente avrebbe anche potuto ambire al podio, lontano solo un paio di secondi, ma chissà che non ci possa fare un pensiero domani con una gara più lunga.

A rovescio, sembrava aver rovinato una bella qualifica con una pessima partenza Fabio Di Giannantonio, che si era ritrovato 11° alla fine del primo giro. Il pilota della Pertamina Enduro VR46 però non si è dato per vinto ed è risalito fino alla quinta posizione, con la chicca di un bellissimo doppio sorpasso alla chicane al penultimo giro ai danni di Brad Binder e di Alex Marquez.

Fino a poche centinaia di metri dal traguardo, nel codone di "Diggia" c'era l'altra Aprilia di Aleix Espargaro, ma il pilota di Granollers è stato vittima di una brutta caduta alla curva 15 nel finale, anche se fortunatamente sembra esserla cavata senza conseguenze troppo pesanti. Ne hanno approfittato quindi il già citato Binder, primo delle KTM, e Fabio Quartararo, alla fine settimo con la sua Yamaha, grazie anche una penalità di 3" inflitta ad Alex Marquez per le troppe violazioni dei track limits (era una long lap penalty, ma non ha fatto in tempo a scontarla). Un peccato per l'alfiere del Gresini Racing, anche terzo nelle prime fasi, ma alla fine solo ottavo.

L'ultimo punticino se lo porta a casa Franco Morbidelli con la seconda Ducati del Prima Pramac Racing, con il rookie Pedro Acosta, mai in difficoltà finora come in questo weekend, che invece si è dovuto accontentare del decimo posto, davanti ad un Marco Bezzecchi decisamente in difficoltà in questo fine settimana. Per quanto riguarda gli italiani, sono stati costretti al ritiro invece Lorenzo Savadori e Luca Marini: una caduta ha fermato il collaudatore dell'Aprilia, un problema tecnico invece il pilota della Honda, che ha piazzato Joan Mir 14° come miglior RC213V.

   
1
 - 
5
   
   
1
 - 
2
   
Cla Pilota # Moto Giri Tempo Distacco km/h Ritirato Punti
1 Italy F. Bagnaia Ducati Team 1 Ducati 13

19'58.090

  177.4   12
2 Spain J. Martin Pramac Racing 89 Ducati 13

+2.355

20'00.445

2.355 177.0   9
3 Spain M. Viñales Aprilia Racing Team 12 Aprilia 13

+4.103

20'02.193

1.748 176.8   7
4 Italy E. Bastianini Ducati Team 23 Ducati 13

+6.377

20'04.467

2.274 176.4   6
5 Italy F. Di Giannantonio Team VR46 49 Ducati 13

+8.869

20'06.959

2.492 176.1   5
6 South Africa B. Binder Red Bull KTM Factory Racing 33 KTM 13

+9.727

20'07.817

0.858 175.9   4
7 France F. Quartararo Yamaha Factory Racing 20 Yamaha 13

+10.828

20'08.918

1.101 175.8   3
8 Spain A. Marquez Gresini Racing 73 Ducati 13

+13.196

20'11.286

2.368 175.9   2
9 Italy F. Morbidelli Pramac Racing 21 Ducati 13

+13.560

20'11.650

0.364 175.4   1
10 Spain P. Acosta Tech 3 31 KTM 13

+15.972

20'14.062

2.412 175.0    
11 Italy M. Bezzecchi Team VR46 72 Ducati 13

+16.036

20'14.126

0.064 175.0    
12 Portugal M. Oliveira Trackhouse Racing Team 88 Aprilia 13

+16.082

20'14.172

0.046 175.0    
13 Australia J. Miller Red Bull KTM Factory Racing 43 KTM 13

+18.739

20'16.829

2.657 174.6    
14 Spain J. Mir Repsol Honda Team 36 Honda 13

+21.791

20'19.881

3.052 174.2    
15 Spain A. Fernandez Tech 3 37 KTM 13

+22.450

20'20.540

0.659 174.1    
16 France J. Zarco Team LCR 5 Honda 13

+23.690

20'21.780

1.240 173.9    
17 Spain R. Fernandez Trackhouse Racing Team 25 Aprilia 13

+24.430

20'22.520

0.740 173.8    
18 Japan T. Nakagami Team LCR 30 Honda 13

+29.568

20'27.658

5.138 173.1    
19 Spain A. Rins Yamaha Factory Racing 42 Yamaha 13

+1'23.553

21'21.643

53.985 165.8    
dnf Spain A. Espargaro Aprilia Racing Team 41 Aprilia 12

+1 Lap

18'34.688

1 Lap 176.0 Incidente  
dnf Italy L. Savadori Aprilia Racing Team 32 Aprilia 4

+9 Laps

6'20.674

8 Laps 171.8 Incidente  
dnf Italy L. Marini Repsol Honda Team 10 Honda 4

+9 Laps

6'26.287

5.613 169.3 Mechanical  
dnf Spain M. Marquez Gresini Racing 93 Ducati 1

+12 Laps

1'36.864

3 Laps 168.8 Incidente  

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente LIVE MotoGP | Gran Premio d'Olanda, Sprint
Prossimo Articolo MotoGP | Bagnaia domina e spaventa i rivali: "C'era ancora del margine"

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia