MotoGP, Austin, Libere 1: Marquez subito davanti sull'umido

Con la pista che andava asciugando, il pilota della Honda è stato il più veloce, precedendo le due Ducati di Miller e Zarco. Bagnaia è ottavo, mentre le Yamaha faticano tutte con le condizioni miste: Quartararo è solo 15esimo, mentre Rossi e Dovizioso chiudono addirittura il gruppo.

MotoGP, Austin, Libere 1: Marquez subito davanti sull'umido

La MotoGP non scendeva in pista al Circuit of the Americas da oltre due anni. Per non farsi mancare niente, Austin l'ha accolta con l'asfalto bagnato dalla pioggia caduta in mattinata. Con una sessione che però si è conclusa con qualche pallido raggio di sole, che però non è bastato per arrivare al passaggio alle gomme slick.

Che sia bagnato, asciutto o che non sia ancora al 100% fisicamente non sembra fare troppo la differenza per Marc Márquez quando si parla di correre in Texas. Il pilota della Honda è stato infatti il più veloce in questa prima sessione di prove libere, risultando l'unico capace di infrangere il muro del 2'16" con il suo 2'15"872.

Un crono che gli ha permesso di distanziare di 167 millesimi un altro specialista delle condizioni miste come il ducatista Jack Miller. In terza posizione, sembra essersi ripreso molto bene dall'operazione di sindrome compartimentale Johann Zarco, anche se il distacco del pilota del Pramac Racing è di poco inferiore ai sei decimi.

Quarto tempo per la migliore delle KTM, che finalmente si è riaffacciata nelle posizioni che contano con Miguel Oliveira. A seguire poi ci sono due Honda, con Pol Espargaro ed Alex Marquez, che confermano ancora una volta lo storico feeling delle RC213V con il COTA. All'appello manca solo Takaaki Nakagami, 16esimo ma incappato in una caduta alla curva 15 quasi a tempo scaduto, quando stava migliorando.

In settima posizione troviamo la migliore delle Suzuki, che è quella del vincitore dell'ultima edizione del Gran Premio delle Americhe, ovvero Alex Rins. Lo spagnolo però paga oltre un secondo su Marquez. Per trovare il suo compagno Joan Mir bisogna invece scendere fino al 12esimo posto, con il campione del mondo che ha dedicato il suo casco ed il suo numero all'idolo locale Kevin Schwantz, grande leggenda della Casa di Hamamatsu.

Dopo le due vittorie di fila di Aragon e Misano, Pecco Bagnaia ha iniziato il weekend di Austin con l'ottavo tempo, staccato di 1"4 dalla vetta. Poco male però per il pilota della Ducati, perché in queste condizioni come sempre hanno fatto veramente una gran fatica le Yamaha, compresa quella del suo rivale nella corsa al titolo Fabio Quartararo, solo 15esimo pur essendo il riferimento tra le M1.

Più attardate le altre, con Franco Morbidelli 17esimo e i due veterani Valentino Rossi ed Andrea Dovizioso nelle ultime due posizioni, con ritardi pesanti di addirittura oltre 3" e 4" rispettivamente.

Il quadro delle prime dieci posizioni si completa poi con le due KTM di Brad Binder ed Iker Lecuona. E attenzione, perché le previsioni meteo sono molto incerte per i prossimi due giorni, quindi questa FP1 potrebbe anche rivelarsi molto preziosa nell'ottica di entrare direttamente nella Q2.

E' un peccato quindi che Luca Marini si sia ritrovato 11esimo per appena 159 millesimi e che anche Danilo Petrucci sia in 13esima piazza. Per ora ha un po' deluso anche Aleix Espargaro, solo 14esimo ad oltre due secondi con l'unica Aprilia in pista. Il suo compagno Maverick Vinales infatti ha deciso di non correre questo fine settimana dopo la tragica scomparsa del cugino Dean Berta.

In coda al gruppo c'è anche Enea Bastianini, per il quale si prospetta forse un weekend un po' in salita: dopo il grande terzo posto di Misano, è caduto due volte nei test di martedì e mercoledì ed è arrivato in Texas con una spalla un po' dolorante.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Spain Marc Márquez Honda 15 2'15.872     146.069
2 Australia Jack Miller Ducati 15 2'16.039 0.167 0.167 145.890
3 France Johann Zarco Ducati 16 2'16.471 0.599 0.432 145.428
4 Portugal Miguel Oliveira KTM 15 2'16.655 0.783 0.184 145.232
5 Spain Pol Espargaro Honda 15 2'16.822 0.950 0.167 145.055
6 Spain Alex Marquez Honda 16 2'16.964 1.092 0.142 144.905
7 Spain Alex Rins Suzuki 15 2'17.027 1.155 0.063 144.838
8 Italy Francesco Bagnaia Ducati 16 2'17.328 1.456 0.301 144.521
9 South Africa Brad Binder KTM 14 2'17.596 1.724 0.268 144.239
10 Spain Iker Lecuona KTM 16 2'17.596 1.724 0.000 144.239
11 Italy Luca Marini Ducati 13 2'17.755 1.883 0.159 144.073
12 Spain Joan Mir Suzuki 14 2'17.903 2.031 0.148 143.918
13 Italy Danilo Petrucci KTM 14 2'18.083 2.211 0.180 143.730
14 Spain Aleix Espargaro Aprilia 14 2'18.087 2.215 0.004 143.726
15 France Fabio Quartararo Yamaha 16 2'18.165 2.293 0.078 143.645
16 Japan Takaaki Nakagami Honda 15 2'18.292 2.420 0.127 143.513
17 Italy Franco Morbidelli Yamaha 14 2'18.530 2.658 0.238 143.267
18 Italy Enea Bastianini Ducati 14 2'18.648 2.776 0.118 143.145
19 Spain Jorge Martin Ducati 14 2'18.832 2.960 0.184 142.955
20 Italy Valentino Rossi Yamaha 14 2'19.668 3.796 0.836 142.099
21 Italy Andrea Dovizioso Yamaha 12 2'20.556 4.684 0.888 141.202
condivisioni
commenti
MotoGP benefica: Marini aderisce alla Lega del filo d’oro

Articolo precedente

MotoGP benefica: Marini aderisce alla Lega del filo d’oro

Prossimo Articolo

MotoGP, Austin, Libere 2: Marquez di un soffio su Miller

MotoGP, Austin, Libere 2: Marquez di un soffio su Miller
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021