MotoGP, Assen, Warm-Up: Vinales nella doppietta Yamaha

Lo spagnolo si conferma il più veloce anche nel Warm-Up seguito da Quartararo. L'unico che sembra avere il ritmo per provare ad infastidire le Yamaha è Rins, terzo con la Suzuki. Risalgono la china le Honda con Nakagami e Marquez, unici a non montare la dura al posteriore tra i primi. Tornano a fare un po' più di fatica le Ducati.

MotoGP, Assen, Warm-Up: Vinales nella doppietta Yamaha

Se dopo le qualifiche era lecito aspettarsi un duello tutto in famiglia in Yamaha, il Warm-Up del Gran Premio d'Olanda di MotoGP non ha fatto altro che confermare questa sensazione, con Maverick Vinales che si è confermato il più veloce anche stamani, seguito dal compagno di squadra Fabio Quartararo.

La cosa interessante è che sulle due M1 abbiamo visto delle scelte di gomme differenti, almeno per quanto riguarda l'anteriore. Se entrambi hanno montato una dura al posteriore, Vinales ha ottenuto il suo 1'32"569 con la soft davanti, mentre "El Diablo" gli ha risposto in 1'32"898 con la media.

Stessa scelta del francese anche per Alex Rins, che è parso dotato di un ottimo passo con la sua Suzuki ed ha chiuso a 355 millesimi dalla vetta. Sotto al muro dell'1'33" ci sono poi anche le due Honda di Takaaki Nakagami e Marc Marquez e qui bisogna sottolineare che le RC213V per il momento sembrano aver scartato la hard: il giapponese ha girato con una soft davanti ed una media dietro. Scelta inversa invece per Marc, che è anche la stessa di Pol Espargaro, settimo.

Solo sesta quindi la migliore delle Ducati, che è stata quella di Johann Zarco, che ha pagato poco più di mezzo secondo. Il francese del Pramac Racing ha montato una media all'anteriore ed una dura al posteriore ed è allineato come scelta alle altre Desmosedici GP di Pecco Bagnaia e di Jack Miller, che hanno chiuso nono e 13esimo, staccati rispettivamente di sette ed otto decimi.

Interessante la prestazione di Iker Lecuona, che è stato il migliore tra i piloti KTM staccando l'ottavo tempo con una coppia di gomme medie. Le altre RC16 invece sono più indietro, ma Miguel Oliveira probabilmente ha lavorato con gomme particolarmente usate ed è 17esimo. Cosa che è certa nel caso di Aleix Espargaro, che sulla sua Aprilia ha montato due gomme medie praticamente a fine vita e lo precede in 16esima piazza.

Risalendo la classifica, nella top 10 c'è spazio anche per Valentino Rossi, che ha chiuso decimo con un crono di 1'33"355 realizzato proprio all'ultimo giro con una soft all'anteriore ed una dura al posteriore. Stessa combinazione di Danilo Petrucci e di Joan Mir, che lo seguono in 11esima e 12esima piazza. In coda al gruppo invece il terzetto tricolore composto da Lorenzo Savadori, Enea Bastianini e Luca Marini, che precedono solo il ducatista Jorge Martin.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Spain Maverick Viñales Yamaha 12 1'32.569     176.637
2 France Fabio Quartararo Yamaha 12 1'32.898 0.329 0.329 176.012
3 Spain Alex Rins Suzuki 12 1'32.924 0.355 0.026 175.963
4 Japan Takaaki Nakagami Honda 12 1'32.950 0.381 0.026 175.913
5 Spain Marc Márquez Alenta Honda 13 1'32.996 0.427 0.046 175.826
6 France Johann Zarco Ducati 13 1'33.088 0.519 0.092 175.653
7 Spain Pol Espargaro Honda 13 1'33.228 0.659 0.140 175.389
8 Spain Iker Lecuona KTM 13 1'33.270 0.701 0.042 175.310
9 Italy Francesco Bagnaia Ducati 11 1'33.326 0.757 0.056 175.205
10 Italy Valentino Rossi Yamaha 13 1'33.355 0.786 0.029 175.150
11 Italy Danilo Petrucci KTM 13 1'33.356 0.787 0.001 175.148
12 Spain Joan Mir Suzuki 11 1'33.422 0.853 0.066 175.025
13 Australia Jack Miller Ducati 12 1'33.450 0.881 0.028 174.972
14 South Africa Brad Binder KTM 13 1'33.719 1.150 0.269 174.470
15 Spain Alex Marquez Honda 12 1'33.809 1.240 0.090 174.303
16 Spain Aleix Espargaro Aprilia 13 1'33.891 1.322 0.082 174.150
17 Portugal Miguel Oliveira KTM 10 1'33.957 1.388 0.066 174.028
18 United States Garrett Gerloff Yamaha 13 1'34.134 1.565 0.177 173.701
19 Italy Lorenzo Savadori Aprilia 11 1'34.144 1.575 0.010 173.682
20 Italy Enea Bastianini Ducati 13 1'34.186 1.617 0.042 173.605
21 Italy Luca Marini Ducati 12 1'34.308 1.739 0.122 173.380
22 Spain Jorge Martin Ducati 11 1'34.439 1.870 0.131 173.140
condivisioni
commenti
Fotogallery MotoGP: Vinales ritrova la pole ad Assen

Articolo precedente

Fotogallery MotoGP: Vinales ritrova la pole ad Assen

Prossimo Articolo

MotoGP: che pole di Vinales! Quartararo e Bagnaia in prima fila

MotoGP: che pole di Vinales! Quartararo e Bagnaia in prima fila
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021