MotoGP, Assen: pole record per Vinales, Bagnaia in prima fila

Il pilota spagnolo ha vinto il derby interno alla Yamaha con Quartararo, facendo segnare anche il nuovo record della pista olandese. Un super Bagnaia si piazza terzo dopo essere passato dalla Q1, mentre Rossi non sfrutta la Q2 diretta e non va oltre il 12esimo posto. Nuovo crollo per Marc Marquez: cade in Q1 ed è solo 20esimo in griglia.

MotoGP, Assen: pole record per Vinales, Bagnaia in prima fila

Le sorti di Maverick Vinales e Marc Marquez sembrano davvero incrociarsi per uno strano scherzo del destino. Lo scorso fine settimana, al Sachsenring, il pilota della Honda era tornato alla vittoria, mentre quello della Yamaha si era ritrovato costantemente in coda al gruppo, chiudendo 19esimo ed ultimo.

A distanza di sei giorni, il mondo si è completamente ribaltato ad Assen, con Maverick che è andato a prendersi la prima pole stagionale, la 13esima in carriera in MotoGP, con tanto di record del tracciato olandese in 1'31"814.

Il tutto mentre il #93 non è riuscito neppure a passare la tagliola della Q1 e domani si ritroverà a schierare la sua RC213V in 20esima posizione. Tra le altre cose, c'è un'altra similitudine curiosa, perché Marc ha chiuso la qualifica con una scivolata alla curva 9, stesso punto in cui invece Maverick ha fatto un salvataggio miracoloso prima di andare a confezionare la pole del GP d'Olanda.

Un risultato importante, perché è riuscito ad avere la meglio sul compagno di squadra Fabio Quartararo, che sulla carta pareva imbattibile. Il leader iridato era stato il primo pilota della storia ad infrangere il muro dell'1'32" ad Assen, ma poi quando Vinales ha alzato l'asticella non è riuscito a rispondergli ed ha chiuso con un ritardo di 71 millesimi.

Una bella pezza invece l'ha messa Pecco Bagnaia, che stamattina si era ritrovato costretto a passare dalla Q1, ma è andato a prendere una prima fila forse insperata, su una pista che fino a prima della qualifica sembrava piuttosto ostica per la sua Ducati. Il piemontese però ha sfoderato un gran giro ed è stato l'unico capace di avvicinare le M1, pur chiudendo a tre decimi di distacco. Una bella impresa comunque, perché l'ultima prima fila della Rossa ad Assen sull'asciutto risaliva addirittura al 2010 (sul bagnato al 2017 con Petrucci).

Se Marquez ha avuto delle grandi difficoltà, il discorso non si può generalizzare a tutte le Honda, con Takaaki Nakagami che è stato bravissimo a portare in quarta posizione la sua RC213V del Team LCR, precedendo Johann Zarco, che come Bagnaia si è qualificato dalla Q1, nonostante un inconveniente tecnico che gli aveva imposto di abortire il primo tentativo e di saltare sulla sua seconda Desmosedici GP del Pramac Racing.

A completare la seconda fila ci sarà la KTM di Miguel Oliveira, che ancora una volta si conferma uno dei piloti da tenere d'occhio in questo scampolo di campionato, anche se oggi ha chiuso ad oltre sei decimi. Aver centrato direttamente la Q2 con entrambe le moto, non è stato particolarmente d'aiuto alle Suzuki, che hanno continuato a faticare in qualifica, con Alex Rins che scatterà settimo nonostante una scivolata nel finale ed il campione del mondo Joan Mir che aprirà la quarta fila in decima piazza.

Dopo essere stato l'unico ducatista a centrare l'accesso diretto alla Q2, Jack Miller è stato il più lento nel segmento decisivo della qualifica e quindi scatterà solo ottavo, davanti all'Aprilia di Aleix Espargaro, dalla quale forse ci si poteva attendere qualcosina in più del nono tempo, perché anche in FP4 aveva mostrato un passo interessante.

Il quadro dei piloti che hanno preso parte alla Q2 si completa poi con Pol Espargaro e Valentino Rossi. Il pilota della Honda oggi ha iniziato a lavorare con il telaio evoluto e, se stamattina aveva fatto segnare un terzo tempo incoraggiante, in Q2 non si è ripetuto e quindi è solo 11esimo davanti al "Dottore", che ancora una volta non è riuscito a sfruttare la chance per guadagnarsi una posizione migliore pur essendo entrato direttamente nella fase decisiva delle qualifiche.

Il primo degli eliminati al termine del Q1 è stato Iker Lecuona, che alla bandiera a scacchi sembrava aver fatto l'impresa, ma poi ha visto la sua KTM Tech 3 scavalcata da Zarco. Out anche Jorge Martin, che per buona parte del turno era stato nelle prime due posizioni, salvo poi arretrare proprio nel finale e ritrovandosi così 14esimo in griglia con la sua Ducati Pramac.

Interessante la zampata di Lorenzo Savadori, che su una pista che conosceva bene come Assen è riuscito a sfruttare meglio il potenziale dell'Aprilia, guadagnandosi uno slot in quinta fila. Peccato invece per Danilo Petrucci, che si è visto cancellare il suo miglior giro per essere andato oltre i limiti della pista: il ternano della KTM Tech 3 scatterà quindi 18esimo, alle spalle anche di Alex Marquez e di Luca Marini e davanti a Luca Marini.

Decisamente deludente la qualifica di Brad Binder. Su questa pista il sudafricano non sembra aver trovato per niente il feeling con la sua KTM e non è riuscito a fare meglio del 21esimo e penultimo tempo, mettendosi dietro solo lo statunitense Garrett Gerloff, chiamato dalla Yamaha Petronas per sostituire l'infortunato Franco Morbidelli.

Classifica Q2

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Spain Maverick Viñales Yamaha 8 1'31.814     178.090
2 France Fabio Quartararo Yamaha 7 1'31.885 0.071 0.071 177.952
3 Italy Francesco Bagnaia Ducati 7 1'32.116 0.302 0.231 177.506
4 Japan Takaaki Nakagami Honda 9 1'32.314 0.500 0.198 177.125
5 France Johann Zarco Ducati 7 1'32.394 0.580 0.080 176.972
6 Portugal Miguel Oliveira KTM 8 1'32.450 0.636 0.056 176.865
7 Spain Alex Rins Suzuki 8 1'32.597 0.783 0.147 176.584
8 Australia Jack Miller Ducati 8 1'32.609 0.795 0.012 176.561
9 Spain Aleix Espargaro Aprilia 8 1'32.666 0.852 0.057 176.453
10 Spain Joan Mir Suzuki 9 1'32.748 0.934 0.082 176.297
11 Spain Pol Espargaro Honda 8 1'32.830 1.016 0.082 176.141
12 Italy Valentino Rossi Yamaha 9 1'32.919 1.105 0.089 175.972

Classifica Q1

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 France Johann Zarco Ducati 6 1'32.541     176.691
2 Italy Francesco Bagnaia Ducati 7 1'32.657 0.116 0.116 176.470
3 Spain Iker Lecuona KTM 9 1'32.724 0.183 0.067 176.342
4 Spain Jorge Martin Ducati 8 1'32.850 0.309 0.126 176.103
5 Italy Lorenzo Savadori Aprilia 7 1'33.258 0.717 0.408 175.332
6 Spain Alex Marquez Honda 8 1'33.288 0.747 0.030 175.276
7 Italy Luca Marini Ducati 7 1'33.321 0.780 0.033 175.214
8 Italy Danilo Petrucci KTM 8 1'33.378 0.837 0.057 175.107
9 Italy Enea Bastianini Ducati 8 1'33.404 0.863 0.026 175.058
10 Spain Marc Márquez Alenta Honda 6 1'33.477 0.936 0.073 174.922
11 South Africa Brad Binder KTM 8 1'33.597 1.056 0.120 174.697
12 United States Garrett Gerloff Yamaha 8 1'33.739 1.198 0.142 174.433
condivisioni
commenti
LIVE MotoGP, Gran Premio d'Olanda: Libere 4 e Qualifiche

Articolo precedente

LIVE MotoGP, Gran Premio d'Olanda: Libere 4 e Qualifiche

Prossimo Articolo

Vinales stratosferico poleman: "Con questo grip gran feeling!"

Vinales stratosferico poleman: "Con questo grip gran feeling!"
Carica commenti
Ecco come KTM ha portato una ricchezza di talenti in MotoGP Prime

Ecco come KTM ha portato una ricchezza di talenti in MotoGP

Formando una scala che va dalla Red Bull Rookies Cup alla MotoGP, KTM ha creato un flusso costante di grandi talenti nelle gare di gran premio che ha portato il marchio austriaco al successo che ci si aspetta dal marchio. Ecco come è andata.

MotoGP
1 ago 2021
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021