MotoGP, Assen, Libere 2: Vinales prima della pioggia, che volo Marc!

Il pilota della Yamaha ha confermato il suo stato di forma sul tracciato olandese prima che la pioggia arrivasse a bagnare la pista, precedendo Oliveira e Quartararo. Paura per Marquez, vittima di un brutto highside dal quale si è rialzato fortunatamente senza conseguenze. Zarco è sesto, mentre continuano a faticare le Ducati ufficiali, con Bagnaia 19esimo alle spalle di Rossi.

MotoGP, Assen, Libere 2: Vinales prima della pioggia, che volo Marc!

La pioggia era attesa per domani, invece ha fatto capolino su Assen già nel pomeriggio di oggi, arrivando a bagnare la seconda sessione di prove libere del Gran Premio d'Olanda di MotoGP e concedendo ai piloti solamente pochi minuti per lavorare con le gomme slick, prima di passare a quelle da bagnato in quelli conclusivi.

Sono pochi quindi quelli che sono riusciti a migliorare le performance che avevano fatto segnare questa mattina. E' però arrivata una conferma importante perché, prima che la pioggia arrivasse a bagnare l'asfalto, Maverick Vinales si è confermato il più veloce anche in questa FP2, anche se con il suo 1'33"241 non è riuscito a migliorare il crono che aveva fatto stamani.

Alle sue spalle c'è invece uno di quelli che hanno dato una scalata decisa alla classifica, guadagnandosi uno spazio nella Q2 provvisoria. Stiamo parlando di Miguel Oliveira, che anche sul circuito olandese quindi sembra poter proseguire il filotto d'oro suo e della KTM (una vittoria e due secondi posti). Il portoghese ha girato in 1'33"400, chiudendo a 159 millesimi.

Terzo tempo poi per Fabio Quartararo, che a sua volta con l'1'33"491 di pomeriggio ha ritoccato di poco la prestazione mattutina. Stesso discorso che vale anche per Marc Marquez, quarto, che però questo turno se lo ricorderà soprattutto per il violentissimo highside di cui è stato vittima alla curva 10. La sua Honda lo ha lanciato veramente in alto e la ricaduta è stata rovinosa, ma fortunatamente il pilota di Cervera si è rialzato ed è tornato al box senza passare dal centro medico.

Quinta posizione per Joan Mir, anche lui riuscito a rientrare nella top 10 provvisoria con l'133"701 realizzato nella sessione pomeridiana con la sua Suzuki. Leggero miglioramento anche per Johann Zarco, confermatosi ancora una volta il migliore tra i piloti Ducati con il sesto tempo realizzato in 1'33"708.

Diverso invece per Alex Rins, settimo nella classifica della FP2, ma quinto nella cumulativa con il crono di stamani. Stessa cosa che vale anche per Pol Espargaro, decimo ed incappato in una chiusura di anteriore alla curva 5 nel turno pomeridiano, ma addirittura secondo nella classifica combinata di giornata con la sua Honda.

In ottava e nona posizione troviamo Jack Miller ed Aleix Espargaro, ma al pilota australiano migliorare il crono di stamani non è bastato per guadagnarsi uno slot nella Q2 provvisoria. A tenerlo fuori c'è infatti Danilo Petrucci, che non ha ripetuto la prestazione della mattinata, ma con quella al momento è al nono posto nella cumulativa, proprio davanti allo spagnolo dell'Aprilia.

Attardati invece gli altri italiani, capitanati da Lorenzo Savadori, 14esimo con la sua Aprilia. Soprattutto sono state negative le prestazioni di Valentino Rossi e Pecco Bagnaia, che si ritrovano solamente in 18esima ed in 19esima posizione. Un bel problema soprattutto per il ducatista, che arrivava ad Assen con aspettative importanti, ma al momento sarebbe costretto a passare dalla Q1.

Così come i due rookie della Ducati, Enea Bastianini e Luca Marini, che hanno chiuso con il 16esimo ed il 22esimo tempo. Il portacolori della Sky VR46 Avintia è alle spalle anche dello statunitense Garrett Gerloff, che questo fine settimana sostituisce l'infortunato Franco Morbidelli sulla Yamaha del Team Petronas.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Spain Maverick Viñales Yamaha 14 1'33.241     175.364
2 Portugal Miguel Oliveira KTM 12 1'33.400 0.159 0.159 175.066
3 France Fabio Quartararo Yamaha 13 1'33.491 0.250 0.091 174.895
4 Spain Marc Márquez Alenta Honda 4 1'33.560 0.319 0.069 174.766
5 Spain Joan Mir Suzuki 11 1'33.701 0.460 0.141 174.504
6 France Johann Zarco Ducati 12 1'33.708 0.467 0.007 174.490
7 Spain Alex Rins Suzuki 15 1'33.960 0.719 0.252 174.022
8 Australia Jack Miller Ducati 7 1'34.066 0.825 0.106 173.826
9 Spain Aleix Espargaro Aprilia 8 1'33.925 0.684   174.087
10 Spain Pol Espargaro Honda 9 1'34.096 0.855 0.171 173.771
11 Italy Danilo Petrucci KTM 11 1'34.134 0.893 0.038 173.701
12 Spain Jorge Martin Ducati 13 1'34.339 1.098 0.205 173.323
13 Spain Alex Marquez Honda 13 1'34.358 1.117 0.019 173.288
14 Italy Lorenzo Savadori Aprilia 14 1'34.461 1.220 0.103 173.100
15 Spain Iker Lecuona KTM 12 1'34.539 1.298 0.078 172.957
16 Italy Enea Bastianini Ducati 12 1'34.658 1.417 0.119 172.739
17 South Africa Brad Binder KTM 11 1'34.766 1.525 0.108 172.542
18 Italy Valentino Rossi Yamaha 11 1'34.777 1.536 0.011 172.522
19 Italy Francesco Bagnaia Ducati 7 1'34.832 1.591 0.055 172.422
20 Japan Takaaki Nakagami Honda 9 1'35.726 2.485 0.894 170.812
21 United States Garrett Gerloff Yamaha 12 1'35.744 2.503 0.018 170.780
22 Italy Luca Marini Ducati 12 1'36.216 2.975 0.472 169.942
condivisioni
commenti
MotoGP, Assen, Libere 1: Vinales rialza la testa, Ducati indietro

Articolo precedente

MotoGP, Assen, Libere 1: Vinales rialza la testa, Ducati indietro

Prossimo Articolo

Bagnaia: "Ducati in difesa? Presto per dirlo"

Bagnaia: "Ducati in difesa? Presto per dirlo"
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021