MotoGP
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
14 mag
-
17 mag
Evento concluso
28 mag
-
31 mag
Evento in corso . . .
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
4 giorni
18 giu
-
21 giu
Canceled
25 giu
-
28 giu
Canceled
09 lug
-
12 lug
Canceled
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
67 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
74 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Canceled
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
102 giorni
G
GP di Aragon
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
117 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
124 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
137 giorni
23 ott
-
25 ott
Canceled
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
151 giorni
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
166 giorni
20 nov
-
22 nov
Prossimo evento tra
173 giorni
G
GP di Valencia
27 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
180 giorni

MotoGP, Assen, Libere 1: Quartararo nell'1-2 Yamaha, brutto volo per Lorenzo

condivisioni
commenti
MotoGP, Assen, Libere 1: Quartararo nell'1-2 Yamaha, brutto volo per Lorenzo
Di:
28 giu 2019, 08:58

Il francese del Team Petronas continua a stupire e precede Vinales. Terzo Petrucci con la Ducati dopo un highside, mentre sono indietro Rossi e Dovizioso. Lorenzo cade ad alta velocità alla curva 7 e finisce al centro medico.

Le Yamaha hanno monopolizzato le prime due posizioni nella sessione inaugurale del weekend del GP d'Olanda di MotoGP. Dopo aver conquistato il suo primo podio a Barcellona, Fabio Quartararo ha iniziato alla grande anche il weekend di Assen, perché ha messo tutti in fila in 1'33"909, anche se va detto che il francese ha sfruttato una gomma nuova nel finale.

Alle sue spalle c'è Maverick Vinales, che probabilmente invece è quello che ha dato la sensazione di avere il passo migliore, perché è stato davanti praticamente per tutti i 45 minuti a disposizione, vedendosi scavalcara solo a pochi secondi dal termine. Lo spagnolo è il solo ad essere sceso sotto all'1'34" oltre a Quartararo con il suo 1'33"986.

Non è stata una sessione altrettanto positiva per le altre due M1, perché Valentino Rossi e Franco Morbidelli si sono dovuti accontentare invece della 12esima e della 17esima posizione, con il "Dottore" che però ha perso diversi minuti all'inizio del turno, a causa di un problema con il sensore della velocità della ruota anteriore.

Questa FP1 è stata segnata anche dalla bruttissima caduta di cui è stato vittima Jorge Lorenzo alla curva 7: il maiorchino è scivolato ad altissima velocità ed è stato portato al Centro Medico perchè ha manifestato dolore alla schiena, oltre ad essere parso piuttosto rintronato. Come se non bastasse, ha letteralmente demolito la Honda con il telaio rinforzato in carbonio che oggi portava per la prima volta in un weekend di gara. In queste condizioni, il 18esimo tempo è una cosa che passa quasi in secondo piano.

Lo spagnolo però non è stato il solo a finire ruote all'aria, perché anche Danilo Petrucci è incappato in un brutto highside ad alta velocità alla curva 14 nei primi minuti. Il pilota della Ducati però ha reagito alla grande, perché proprio sotto alla bandiera a scacchi si è portato in terza posizione, staccato di 260 millesimi dal miglior tempo di Quartararo.

 

Decisamente più attardato il suo compagno Andrea Dovizioso, che non è andato oltre al 13esimo tempo. Con un weekend che non promette pioggia, il forlivese però ha sfruttato questa sessione per portare avanti il lavoro di comparazione con il nuovo telaio con rinforzo in carbonio della Ducati, quindi non deve preoccupare troppo il suo distacco di otto decimi.

Continuando a scorrere la classifica, in quarta posizione c'è la Suzuki di Alex Rins, che paga però mezzo secondo dalla vetta, tallonata da Takaaki Nakagami. Il giapponese si è preso a sorpresa la palma di miglior pilota Honda, nonostante nei primissimi minuti del turno si sia reso protagonista di una scivolata alla curva 8. Va detto poi che Marc Marquez e Cal Crutchlow sono subito nella sua scia, nell'arco di circa un decimo, con il leader del Mondiale che ha portato fino alla fine del turno una coppia di gomme morbide, per di più con un ottimo passo.

Una delle sorprese della mattinata è l'ottavo tempo di Karel Abraham con la Ducati Avintia, mentre Pol Espargaro si è proposto ancora una volta come una presenza ormai quasi fissa nella top 10, staccando il nono tempo con la sua KTM, davanti ad un'altra Ducati, ma con i colori del Pramac Racing, quella di Jack Miller.

Positivo l'inizio del weekend di Andrea Iannone: il pilota di Vasto è stato costantemente nelle prime posizioni con la sua Aprilia e alla fine è rimasto fuori dalla top 10 per appena 24 millesimi, chiudendo 11esimo, davanti a due big come Rossi e Dovizioso.

C'è stato qualche attimo di apprensione invece per il suo compagno di squadra Aleix Espargaro, caduto alla curva 5. La sua è stata una scivolata banale, ma bisogna ricordare che era al rientro dopo le due piccole fratture alla gamba sinistra rimediate a Barcellona. In ogni caso, il pilota di Granollers è poi tornato in sella alla sua RS-GP, quindi non sembrano esserci state complicazioni.

Inizio in salita invece per Pecco Bagnaia e la cosa stupisce, visto che Assen è una delle sue piste preferite: il campione del mondo della Moto2 non ha trovato il feeling con l'anteriore della sua Ducati Pramac e quindi si ritrova in coda al gruppo.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 France Fabio Quartararo Yamaha 22 1'33.909     174.117
2 Spain Maverick Viñales Yamaha 23 1'33.986 0.077 0.077 173.974
3 Italy Danilo Petrucci Ducati 16 1'34.169 0.260 0.183 173.636
4 Spain Alex Rins Suzuki 20 1'34.423 0.514 0.254 173.169
5 Japan Takaaki Nakagami Honda 17 1'34.441 0.532 0.018 173.136
6 Spain Marc Márquez Alenta Honda 21 1'34.522 0.613 0.081 172.988
7 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 20 1'34.589 0.680 0.067 172.865
8 Czech Republic Karel Abraham Ducati 17 1'34.596 0.687 0.007 172.852
9 Spain Pol Espargaro KTM 18 1'34.659 0.750 0.063 172.737
10 Australia Jack Miller Ducati 19 1'34.674 0.765 0.015 172.710
11 Italy Andrea Iannone Aprilia 22 1'34.698 0.789 0.024 172.666
12 Italy Valentino Rossi Yamaha 19 1'34.746 0.837 0.048 172.579
13 Italy Andrea Dovizioso Ducati 20 1'34.756 0.847 0.010 172.561
14 Spain Aleix Espargaro Aprilia 17 1'34.921 1.012 0.165 172.261
15 Spain Tito Rabat Ducati 21 1'34.988 1.079 0.067 172.139
16 Spain Joan Mir Suzuki 21 1'35.134 1.225 0.146 171.875
17 Italy Franco Morbidelli Yamaha 22 1'35.500 1.591 0.366 171.216
18 Spain Jorge Lorenzo Honda 16 1'35.661 1.752 0.161 170.928
19 France Johann Zarco KTM 17 1'35.759 1.850 0.098 170.753
20 Portugal Miguel Oliveira KTM 20 1'35.769 1.860 0.010 170.735
21 Italy Francesco Bagnaia Ducati 19 1'36.168 2.259 0.399 170.027
22 Malaysia Hafizh Syahrin KTM 19 1'36.321 2.412 0.153 169.757
Prossimo Articolo
Marquez tiene alta la guardia: "Bautista è l'esempio perfetto di ciò che può accadere"

Articolo precedente

Marquez tiene alta la guardia: "Bautista è l'esempio perfetto di ciò che può accadere"

Prossimo Articolo

Jorge Lorenzo sarà portato in ospedale ad Assen per accertamenti

Jorge Lorenzo sarà portato in ospedale ad Assen per accertamenti
Carica commenti