MotoGP, Aragon, Libere 1: Marquez rifila 1" a tutti, Rossi cade

Grande inizio per il pilota della Honda, velocissimo tutto il turno e poi capace di fare un grande step con la gomma soft nel finale. Secondo c'è Mir, anche lui con la gomma soft, mentre Bagnaia è terzo con la media e mostra un gran passo. L'avventura di Vinales con l'Aprilia inizia con il 19esimo tempo, a meno di 1" da Aleix Espargaro. Rossi scivola alla curva 5 ed è 20esimo.

MotoGP, Aragon, Libere 1: Marquez rifila 1" a tutti, Rossi cade

Il weekend di Motorland Aragon probabilmente era cerchiato in rosso da tempo per Marc Marquez. La sua predilezione per le curve a sinistra non è un segreto e quest'anno lo aiutano andando a forzare meno sul braccio destro, quindi tutti lo attendevano al varco sul saliscendi alle porte di Alcaniz, anche perché lo scorso anno la Honda aveva conquistato una pole ed un podio su questo tracciato.

L'otto volte campione del mondo non ha tradito le aspettive, perché è stato il più veloce nella prima sessione di prove libere del Gran Premio di Aragon di MotoGP e lo ha fatto rifilando dei distacchi pesanti a tutta la concorrenza. Ad onore del vero, va detto che solamente lui e Joan Mir hanno montato una gomma soft nel finale del turno, ma il #93 aveva capitanato il gruppo fin dalle prime fasi della sessione.

Il pilota della Honda è sceso fino a 1'48"048, staccando di ben 971 millesimi la Suzuki del campione del mondo in carica, che con la gomma soft non è riuscito a trovare un passo avanti all'altezza di quello di Marc. In terza posizione c'è la Ducati di Pecco Bagnaia, primo tra quelli che invece hanno continuato a lavorare con la gomma media. Il pilota piemontese paga 1"1, ma la sua sessione è stata molto positiva, perché a livello di passo è quello che è parso più vicino a Marquez.

Come detto, Aragon era attesa per essere una pista positiva per la Honda ed effettivamente le RC213V non se la sono cavata affatto male, visto che al momento sarebbero tutte in Q2. Alex Marquez ha confermato il suo feeling con questo tracciato, dove lo scorso anno chiuse secondo, con il quarto tempo. Per trovare Takaaki Nakagami e Pol Espargaro invece bisogna scorrere la classifica fino alla nona e decima posizione, anche se sono appena tre decimi più indietro rispetto al #73.

La top 5 si completa con l'altra Ducati di Jack Miller, che non ha nascosto di aver avuto qualche piccola difficoltà a livello di setting, che però non gli sono pesate troppo a giudicare dalla classifica. Dopo il weekend complicato di Silverstone, si rivede nelle prime posizioni anche Johann Zarco, settimo con la Ducati del Pramac Racing, mentre questa volta ha fatto più fatica il suo compagno di squadra Jorge Martin, solo 17esimo.

Questa mattina indubbiamente c'erano tanti occhi puntati sul box dell'Aprilia, reduce dal podio di Silverstone, ma soprattutto per il debutto di Maverick Vinales. A tenere alto l'onore della Casa di Noale ci ha pensato Aleix Espargaro, sesto con gomme usate e quindi autore di una buona prestazione. L'avventura di Vinales, che ha lavorato con il setting del compagno di box per continuare a prendere confidenza con la RS-GP, si è conclusa con il 19esimo tempo ed un ritardo di poco meno di un secondo sulla moto gemella.

Nella top 10 c'è spazio anche per il leader iridato Fabio Quartararo, che però ha confermato le sensazioni secondo cui questo non sarebbe stato un weekend semplice per le Yamaha. Il francese è ottavo, ma le altre M1 sono tutte più indietro: Cal Crutchlow è 12esimo e bisogna scendere addirittura fino alla 20esima posizione per trovare Valentino Rossi, incappato anche in una scivolata alla curva 5 con la sua M1 griffata Petronas.

Non è stata una sessione particolarmente positiva neppure per le KTM: la migliore delle RC16 è quella di Danilo Petrucci in 13esima posizione, mentre Iker Lecuona è stato protagonista di una scivolata ad alta velocità alla curva 16, dalla quale fortunatamente si è rialzato senza conseguenze. Per quanto riguarda gli altri italiani, brilla Enea Bastianini, rimasto fuori dalla top 10 per una manciata di millesimi con la sua Ducati, mentre il compagno di box Luca Marini occupa la 15esima piazza.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Spain Marc Márquez Alenta Honda 20 1'48.048     169.191
2 Spain Joan Mir Suzuki 18 1'49.019 0.971 0.971 167.684
3 Italy Francesco Bagnaia Ducati 19 1'49.193 1.145 0.174 167.417
4 Spain Alex Marquez Honda 18 1'49.206 1.158 0.013 167.397
5 Australia Jack Miller Ducati 21 1'49.262 1.214 0.056 167.311
6 Spain Aleix Espargaro Aprilia 18 1'49.313 1.265 0.051 167.233
7 France Johann Zarco Ducati 17 1'49.372 1.324 0.059 167.143
8 France Fabio Quartararo Yamaha 19 1'49.451 1.403 0.079 167.022
9 Japan Takaaki Nakagami Honda 21 1'49.459 1.411 0.008 167.010
10 Spain Pol Espargaro Honda 18 1'49.589 1.541 0.130 166.812
11 Italy Enea Bastianini Ducati 17 1'49.652 1.604 0.063 166.716
12 United Kingdom Cal Crutchlow Yamaha 17 1'49.670 1.622 0.018 166.689
13 Italy Danilo Petrucci KTM 18 1'49.741 1.693 0.071 166.581
14 Spain Alex Rins Suzuki 18 1'49.784 1.736 0.043 166.516
15 Italy Luca Marini Ducati 18 1'49.936 1.888 0.152 166.285
16 Spain Iker Lecuona KTM 13 1'49.942 1.894 0.006 166.276
17 Spain Jorge Martin Ducati 17 1'49.947 1.899 0.005 166.269
18 Portugal Miguel Oliveira KTM 19 1'49.964 1.916 0.017 166.243
19 Spain Maverick Viñales Aprilia 21 1'50.187 2.139 0.223 165.907
20 Italy Valentino Rossi Yamaha 12 1'50.299 2.251 0.112 165.738
21 South Africa Brad Binder KTM 17 1'50.353 2.305 0.054 165.657
22 United Kingdom Jake Dixon Yamaha 20 1'51.188 3.140 0.835 164.413
condivisioni
commenti
Vierge: “MotoGP? Avevo più da perdere che da guadagnare”

Articolo precedente

Vierge: “MotoGP? Avevo più da perdere che da guadagnare”

Prossimo Articolo

Honda convince Lecuona ad unirsi al progetto Superbike

Honda convince Lecuona ad unirsi al progetto Superbike
Carica commenti
MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati Prime

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati

Bagnaia precede Miller nella doppietta Ducati in quel di Misano. Alle spalle delle rosse di Borgo Panigale, abbiamo la Yamaha di Fabio Quartararo.

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.