MotoGP, Aragon: festa Suzuki con Rins, ma che Alex Marquez!

Grande giornata per la Casa di Hamamatsu, che vince con Rins e diventa leader con Mir, terzo. Tra di loro c'è un super Alex Marquez. Quartararo precipita 18esimo, Dovizioso limita i danni con il settimo posto.

MotoGP, Aragon: festa Suzuki con Rins, ma che Alex Marquez!

E' festa grande nel box Suzuki: la domenica di Motorland Aragon ha regalato alla Suzuki il ritorno alla vittoria con Alex Rins, ma contemporaneamente il terzo posto ha permesso a Joan Mir di portarsi in vetta alla classifica iridata, approfittando di una giornata nera di Fabio Quartararo, finito addirittura fuori dalla zona punti.

In un weekend che fino a ieri era stato letteralmente dominato dalle Yamaha, infatti, sul podio non c'è neanche una M1 mentre ci sono grandi sorrisi anche nel box della Honda, con Alex Marquez che è riuscito a bissare sull'asciutto il podio di domenica scorsa a Le Mans, dimostrando che quel risultato non era un bluff.

Ma è stata una gara veramente ricca di colpi di scena, perché all'inizio sono state proprio le tre Yamaha a mettersi davanti a tutti al via, capitanate da quella di Maverick Vinales, che aveva addirittura azzardato una coppia di gomme soft, nonostante un repentino innalzamento delle temperature.

Lo spagnolo ha dato subito la sensazione di poter scappare, ma solo perché il ritmo delle altre due M1 era poca roba oggi ed in particolare quello di Quartararo, che però ha accusato sicuramente qualche difficoltà, visto che non riusciva proprio a chiudere le curve e piano piano è precipitato in classifica, fino a chiudere 18esimo.

I problemi per Maverick sono cominciati quando alle sue spalle sono arrivate le due Suzuki, che non hanno avuto particolari problemi a sopravanzarlo, mostrando una maneggevolezza da parte della GSX-RR, con un Rins parso oggi decisamente più in palla rispetto a Mir.

Sembrava potersi profilare una facile doppietta per la Suzuki, ma gli uomini in blu non avevano fatto i conti con la grinta di Marquez. Scattato dalla 12esima casella dello schieramento, sembra aver fatto veramente un click da quando la Ohlins ha portato la nuova sospensione posteriore per la sua RC213V e nella seconda parte della della corsa è diventato il più veloce in pista.

Una volta raggiunte le Suzuki, ha sfoderato un grande sorpasso a Mir all'ultima curva e si è messo alla caccia di Rins, arrivando anche a riprenderlo quando mancavano tre giri alla bandiera a scacchi. Una sbacchettata sempre all'ultima curva però gli ha fatto perdere terreno, permettendo a Rins di respirare negli ultimi passaggi e di involarsi verso la sua terza vittoria nella top class.

Guarda anche:

Un successo che sembrava alla sua portata anche a Le Mans prima di una caduta, ma che sorpattutto gli consente di mettere alle spalle una prima stagione molto difficile, pregiudicata in parte dall'infortunio alla spalla di Jerez.

Anche per Alex Marquez però questa è una consacrazione importante, perché oggi il fratello dell'otto volte campione del mondo ha dimostrato di aver trovato una strada per essere competitivo sulla difficilissima RC213V e, confermandosi così, potrebbe essere un arbitro del Mondiale.

Un Mondiale che ora vede al comando proprio un Mir che finora è salito per cinque volte sul podio, ma non è ancora riuscito a cogliere una vittoria. Ora però si ritrova al comando con 6 lunghezze su Quartararo e 12 su Vinales, che alla fine ha chiuso ai piedi del podio.

La cosa curiosa poi è che anche Andrea Dovizioso è riuscito ad accorciare la classifica, perché il ducatista ha ridotto a 15 punti il suo gap dalla vetta con il settimo posto, ma è altrettanto vero che al momento il binomio formato dal forlivese e dalla Ducati non sembra avere grandi chance.

Davanti a lui si sono piazzati poi Takaaki Nakagami e Morbidelli, con il giapponese che è riuscito a trovare il sorpasso ai danni dell'italiano proprio all'ultimo passaggio, regalando un altro piazzamento prezioso alla Honda.

Domenica difficile invece per la KTM e per l'Aprilia: la migliore delle RC16 è stata quella di Brad Binder in 11esima piazza, davanti alla moto gemella di Pol Espargaro ed alla RS-GP di Aleix Espargaro.

Deludente poi anche la gara di Danilo Petrucci, che dopo tutte le polemiche di ieri per la scia presa a Dovizioso in Q1 non è riuscito ad andare oltre al 15esimo posto, anche se va detto che è stato rallentato da un contatto con Pol Espargaro nella seconda parte della gara. E' andata anche peggio a Pecco Bagnaia, caduto nelle primissime fasi della gara.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Punti
1 Spain Alex Rins Suzuki 23 41'54.391     167.1 25
2 Spain Alex Marquez Honda 23 41'54.654 0.263 0.263 167.1 20
3 Spain Joan Mir Suzuki 23 41'57.035 2.644 2.381 167.0 16
4 Spain Maverick Viñales Yamaha 23 41'57.271 2.880 0.236 166.9 13
5 Japan Takaaki Nakagami Honda 23 41'58.961 4.570 1.690 166.8 11
6 Italy Franco Morbidelli Yamaha 23 41'59.147 4.756 0.186 166.8 10
7 Italy Andrea Dovizioso Ducati 23 42'03.030 8.639 3.883 166.6 9
8 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 23 42'03.304 8.913 0.274 166.5 8
9 Australia Jack Miller Ducati 23 42'03.781 9.390 0.477 166.5 7
10 France Johann Zarco Ducati 23 42'04.008 9.617 0.227 166.5 6
11 South Africa Brad Binder KTM 23 42'07.591 13.200 3.583 166.3 5
12 Spain Pol Espargaro KTM 23 42'08.080 13.689 0.489 166.2 4
13 Spain Aleix Espargaro Aprilia 23 42'08.989 14.598 0.909 166.2 3
14 Spain Iker Lecuona KTM 23 42'09.682 15.291 0.693 166.1 2
15 Italy Danilo Petrucci Ducati 23 42'10.332 15.941 0.650 166.1 1
16 Portugal Miguel Oliveira KTM 23 42'12.675 18.284 2.343 165.9  
17 Germany Stefan Bradl Honda 23 42'14.527 20.136 1.852 165.8  
18 France Fabio Quartararo Yamaha 23 42'15.889 21.498 1.362 165.7  
19 United Kingdom Bradley Smith Aprilia 23 42'19.691 25.300 3.802 165.5  
20 Spain Tito Rabat Ducati 23 42'19.949 25.558 0.258 165.5  
  Italy Francesco Bagnaia Ducati 2 3'45.629 21 Laps 21 Laps 162.0  
condivisioni
commenti
LIVE MotoGP, Gran Premio di Aragon: Gara
Articolo precedente

LIVE MotoGP, Gran Premio di Aragon: Gara

Prossimo Articolo

Rins: "Non pensavo di poter vincere. Mir? Un grande stimolo"

Rins: "Non pensavo di poter vincere. Mir? Un grande stimolo"
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021