MotoGP, Andalusia, Libere 1: Vinales beffa Rossi

Lo spagnolo soffia la leadership a tempo scaduto al "Dottore", che però sembra aver fatto un passo avanti. Bene le KTM, con un super Binder terzo. Indietro Quartararo.

MotoGP, Andalusia, Libere 1: Vinales beffa Rossi

Dopo aver fatto doppietta domenica scorsa, la Yamaha ha iniziato il secondo weekend sul circuito di Jerez de la Frontera, quello del Gran Premio di Andalusia, piazzando tre moto nelle prime quattro posizioni.

La notizia però è il grande passo avanti mostrato da Valentino Rossi. Il "Dottore" è stato al comando fino a pochi secondi dalla conclusione del turno, venendo infilato solo dal compagno di squadra Maverick Vinales, che sotto alla bandiera a scacchi ha fermato il cronometro su un tempo di 1'37"063.

Il pesarese invece si è fermato a 1'37"205, tempo comunque interessante rispetto a quelli che aveva fatto il weekend scorso, anche se bisognerà vedere se sarà in grado di ripetersi quando la temperatura dell'asfalto si farà rovente nel pomeriggio.

Come detto, sono tre le Yamaha nelle prime posizioni, perché al quarto posto c'è anche quella di Franco Morbidelli, ma la vera sorpresa di questa FP1 sono state le KTM: il rookie Brad Binder si è issato addirittura fino in terza posizione con un ottimo 1'37"370, ma anche Pol Espargaro e Miguel Oliveira non sono stati tanto da meno, occupando la quinta e la sesta posizione.

Settimo tempo per la migliore delle Ducati, che è stata quella di Jack Miller, accreditato di un tempo di 1'37"566. Poco distante Andrea Dovizioso, decimo ed un paio di decimi più lento. Davanti a lui ci sono poi anche la Honda di Takaaki Nakagami e l'Aprilia di Aleix Espargaro.

Il giapponese ha tenuto alto l'onore della Casa nipponica in un turno che ha visto Alex Marquez in 15esima piazza ed il convalescente Cal Crutchlow 20esimo a poco meno di 2". Il britannico, tra le altre cose, ha provato anche un telaio leggermente modificato sulla sua RC213V.

Bisogna ricordare invece che Marc Marquez, tornare subito a Jerez dopo la frattura dell'omero destro di domenica scorsa, oggi non scenderà in pista preservandosi in vista delle qualifiche di domani, visto che dispone già di un buon assetto e di tanti dati.

Positivo il nono tempo di Espargaro, che aveva posto come obiettivo per oggi proprio il provare a guadagnarsi subito un posto nella Q2. Al momento nel quadro della Q2 mancano invece le Suzuki: tutto regolare per Alex Rins, rientrato dall'infortunio, che chiude il gruppo in 21esima posizione a 3". Paga sei decimi invece Joan Mir, che si ritrova 11esimo.

Al momento in Q2 non ci sarebbe neanche il leader del Mondiale Fabio Quartararo, che però con la sua Yamaha Petronas non ha tentato un vero e proprio "time attack" ed è 13esimo in 1'37"832. Attardate poi le altre due Ducati di Danilo Petrucci e Pecco Bagnaia, che sono rispettivamente in 16esima e 17esima posizione, con il portacolori del Pramac Racing che si è visto rovinare il giro buono da una chiusura decisa di Alex Marquez.

Guarda il Gran Premio Red Bull di Andalusia live su DAZN. Attiva ora

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Spain Maverick Viñales Yamaha 21 1'37.063     164.046
2 Italy Valentino Rossi Yamaha 20 1'37.205 0.142 0.142 163.806
3 South Africa Brad Binder KTM 19 1'37.370 0.307 0.165 163.528
4 Italy Franco Morbidelli Yamaha 20 1'37.416 0.353 0.046 163.451
5 Spain Pol Espargaro KTM 18 1'37.442 0.379 0.026 163.407
6 Portugal Miguel Oliveira KTM 17 1'37.492 0.429 0.050 163.324
7 Australia Jack Miller Ducati 18 1'37.566 0.503 0.074 163.200
8 Japan Takaaki Nakagami Honda 19 1'37.592 0.529 0.026 163.156
9 Spain Aleix Espargaro Aprilia 16 1'37.735 0.672 0.143 162.918
10 Italy Andrea Dovizioso Ducati 20 1'37.739 0.676 0.004 162.911
11 Spain Joan Mir Suzuki 18 1'37.749 0.686 0.010 162.894
12 Spain Iker Lecuona KTM 17 1'37.832 0.769 0.083 162.756
13 France Fabio Quartararo Yamaha 20 1'37.892 0.829 0.060 162.656
14 France Johann Zarco Ducati 17 1'37.955 0.892 0.063 162.552
15 Spain Alex Marquez Honda 20 1'37.957 0.894 0.002 162.548
16 Italy Danilo Petrucci Ducati 19 1'37.997 0.934 0.040 162.482
17 Italy Francesco Bagnaia Ducati 19 1'38.309 1.246 0.312 161.966
18 Spain Tito Rabat Ducati 19 1'38.393 1.330 0.084 161.828
19 United Kingdom Bradley Smith Aprilia 20 1'38.692 1.629 0.299 161.338
20 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 18 1'39.050 1.987 0.358 160.755
21 Spain Alex Rins Suzuki 8 1'40.222 3.159 1.172 158.875
22 Spain Marc Márquez Alenta Honda 0        
condivisioni
commenti
Miller: "Mondiale illegittimo? Tutti possiamo farci male!"

Articolo precedente

Miller: "Mondiale illegittimo? Tutti possiamo farci male!"

Prossimo Articolo

MotoGP, Andalusia, Libere 2: Nakagami sorprende tutti

MotoGP, Andalusia, Libere 2: Nakagami sorprende tutti
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021