MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
20 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
26 giorni
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
16 apr
Prossimo evento tra
40 giorni
G
GP di Spagna
29 apr
Prossimo evento tra
53 giorni
G
GP di Francia
13 mag
Prossimo evento tra
67 giorni
G
GP d'Italia
27 mag
Prossimo evento tra
81 giorni
G
GP della Catalogna
03 giu
Prossimo evento tra
88 giorni
G
GP di Germania
17 giu
Prossimo evento tra
102 giorni
G
GP d'Olanda
24 giu
Prossimo evento tra
109 giorni
G
GP di Finlandia
08 lug
Prossimo evento tra
123 giorni
G
GP d'Austria
12 ago
Prossimo evento tra
158 giorni
G
GP di Gran Bretagna
26 ago
Prossimo evento tra
172 giorni
G
GP di Aragon
09 set
Prossimo evento tra
186 giorni
G
GP di San Marino
16 set
Prossimo evento tra
193 giorni
G
GP del Giappone
30 set
Prossimo evento tra
207 giorni
G
GP della Tailandia
07 ott
Prossimo evento tra
214 giorni
G
GP d'Australia
21 ott
Prossimo evento tra
228 giorni
G
GP di Malesia
28 ott
Prossimo evento tra
235 giorni
G
GP di Valencia
11 nov
Prossimo evento tra
249 giorni

MotoGP: 16 anni fa la strepitosa vittoria di Rossi a Welkom

Il 18 aprile 2004 Valentino esordì con la Yamaha vincendo in Sudafrica, battendo dopo un epico duello il suo rivale di sempre: Max Biaggi.

MotoGP: 16 anni fa la strepitosa vittoria di Rossi a Welkom

Il coraggio, la sfida, la scommessa del campione. 16 anni fa oggi Valentino Rossi dimostrava di essere uno dei piloti più forti della storia, certamente il migliore della sua generazione, firmando un'impresa epica che diede il via alla sua parte di carriera in Yamaha. 16 anni fa, 18 aprile 2004, Valentino centrò una delle sue vittorie più belle e importanti della carriera, portando al trionfo la Yamaha M1 al Gran Premio del Sudafrica, a Welkom, in quella che fu la prima uscita nel Mondiale da pilota di Iwata.

Dopo gli anni ricchi di successi e soddisfazioni con Honda, Rossi decise di mostrare quanto il suo talento fosse il reale motore delle vittorie ottenute con il team giapponese. Per farlo scelse Yamaha, ossia l'acerrima nemica di Honda e team che cercava ormai da anni di porre fine al dominio della Casa concorrente, senza però trovare l'acuto decisivo se non in qualche sporadica occasione.

Era ora di togliersi di dosso l'etichetta che lo vedeva forte solo grazie al binomio con Honda. E lo fece in maniera perentoria. La Yamaha M1 si presentò a Welkom vestita di una splendida livrea blu dovuta allo sponsor tabaccaio, ma sotto la pelle era diventata principessa. Solo che per mostrarlo aveva bisogno non di un cavaliere, ma "del" cavaliere.

Insomma, una rivincita per due. Nell'inverno tra il 2003 e il 2004 Rossi passò dalla Honda alla Yamaha, con uno dei suoi acerrimi rivali - Max Biaggi - che invece fece il percorso inverso, lasciando Iwata per approdare alla corte della Honda. Sulla carta, Honda si presentava con la moto campione del mondo e due piloti a condurla molto forti e navigati come per l'appunto Biaggi e Sete Gibernau, senza contare i due ufficiali HRC, il compianto Nicky Hayden e Alexandre "Alex" Barros.

Lo spagnolo, negli ultimi giri, non riuscì a tenere il passo dei due italiani, con Rossi che passò Biaggi a 2 giri dal termine per poi mantenere con le unghie la prima posizione. Decisivi i pochi decimi accumulati fino alle ultime curve, con Biaggi che firmò (inutilmente) il miglior giro della gara proprio all'ultima tornata, nell'estremo tentativo di ricucire il divario da Valentino e sorprenderlo nelle ultime 2 curve.

Sebbene Valentino commise un piccolo errore in entrata alla penultima curva, riuscì comunque a chiudere ogni varco a Biaggi, il quale fu costretto a rimanere alle spalle di Rossi. Il pilota di Tavullia arrivò sotto la bandiera a scacchi con un accenno di impennata: l'impresa era compiuta, una parte di rivincita su Honda era già stata incassata.

Dei momenti successivi all'arrivo si ricorda la stretta di mano con un Biaggi sconsolato in sella alla Honda RC211V gialla e blu (colori di un altro sponsor tabaccaio), l'arrivo staccato di Gibernau e delle due Honda HRC fuori dal podio, ma soprattutto uno dei gesti meno studiati e quindi più apprezzati di Rossi, il quale si fermò a bordo pista, appoggiando la sua M1 alle barriere e sedendosi davanti a lei, incredulo, con la testa tra le braccia. Sfinito, come le gomme della sua M1, ma felice per l'impresa compiuta.

Restano negli occhi anche i momenti successivi, con Valentino intento a "parlare" alla sua M1 prendendo il cupolino tra le mani e appoggiando la visiera allo stesso prima di tornare ai box nel tripudio del suo nuovo team, della sua nuova avventura, che lo avrebbe legittimamente fatto diventare ancora più grande alla fine di quel 2004 incredibile, ma anche negli anni successivi.

Sembra ieri, eppure, proprio oggi, sono passati 16 anni...

Valentino Rossi

Valentino Rossi
1/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi

Valentino Rossi
2/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi

Valentino Rossi
3/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Max Biaggi

Valentino Rossi, Max Biaggi
4/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Valentino Rossi

Il vincitore della gara Valentino Rossi
5/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Valentino Rossi

Il vincitore della gara Valentino Rossi
6/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Valentino Rossi

Il vincitore della gara Valentino Rossi
7/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Valentino Rossi, il secondo classificato Max Biaggi, il terzo classificato Sete Gibernau

Il vincitore della gara Valentino Rossi, il secondo classificato Max Biaggi, il terzo classificato Sete Gibernau
8/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Valentino Rossi

Il vincitore della gara Valentino Rossi
9/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Report MotoGP: il blocco dello sviluppo a chi giova?

Articolo precedente

Report MotoGP: il blocco dello sviluppo a chi giova?

Prossimo Articolo

Melandri: "Davies poco adatto alla V4"

Melandri: "Davies poco adatto alla V4"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Valentino Rossi
Team Yamaha Factory Racing
Autore Giacomo Rauli
Savadori: quel treno da non perdere che arriva a 28 anni Prime

Savadori: quel treno da non perdere che arriva a 28 anni

Rookie a 28 anni, arrivato quasi dal nulla. Lorenzo Savadori è un po' l'oggetto misterioso della griglia di partenza della MotoGP 2021. Ha fatto tanta gavetta per guadagnarsi questa chance con l'Aprilia e c'è da scommettere che darà tutto se stesso per onorarla al meglio. Se ci sarà un futuro oltre quest'anno, dipende solo da lui.

Valentino Rossi, quella voglia di stupire ancora a 42 anni Prime

Valentino Rossi, quella voglia di stupire ancora a 42 anni

Nonostante i suoi 42 anni, Valentino Rossi non ne vuole sapere di appendere il casco al chiodo: per continuare a correre in MotoGP ha accettato di passare al Team Petronas, ma con supporto ufficiale Yamaha. Crede ancora in sé stesso ed ha voglia di dimostrare a tutti di poter continuare a lottare con i migliori. Ce la farà a rinascere ancora una volta?

MotoGP
2 mar 2021
Pramac e la vittoria con Ducati solo sfiorata Prime

Pramac e la vittoria con Ducati solo sfiorata

Il Pramac Racing entra nella sua 20esima stagione in MotoGP, la 17esima con Ducati ed insegue ancora la sua prima vittoria con la Casa di Borgo Panigale, pur avendola sfiorata in diverse occasioni. Ripercorriamo insieme tutte le volte che è mancato veramente un soffio.

MotoGP
28 feb 2021
Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati Prime

Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati

Il ritorno di un pilota australiano in sella ad una Ducati ufficiale fa tornare alla memoria un periodo glorioso per la Casa di Borgo Panigale. Miller, però, è un personaggio che potrà aiutare il team a tornare ai vertici.

MotoGP
25 feb 2021
Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test? Prime

Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test?

Dopo un 2020 senza vittorie in MotoGP, la Honda è chiamata assolutamente al riscatto nel 2021, anche se la sua stagione inizierà in salita: Marc Marquez non è ancora pronto, quindi dovrà saltare i test e non si sa ancora quando potrà tornare a correre. Che impatto avrà questo sullo sviluppo della RC213V?

MotoGP
24 feb 2021
Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici Prime

Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici

La crescita di Alex Marquez è stata una delle sorprese della MotoGP 2020 e, uscendo finalmente dall'ombra del fratello Marc, ha dimostrato che alcune persone si sbagliavano. Non che gli importi di questo, come ha spiegato a Lewis Duncan.

MotoGP
21 feb 2021
La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales Prime

La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales

Dopo l'elettrizzante inizio della sua carriera in Yamaha nel 2017, Maverick Vinales ha faticato a trovare la costanza. Molti temono che l'arrivo di Fabio Quartararo possa significare un disastro per lui, ma la partenza di Valentino Rossi potrebbe essere proprio l'impulso di cui ha bisogno.

MotoGP
19 feb 2021
Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte" Prime

Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte"

Intervista esclusiva a Luca Marini, esordiente nel campionato 2021 di MotoGP. Il marchigiano si racconta ai nostri microfoni in vista del primo anno da rookie in sella ad una Ducati del team Esponsorama.

MotoGP
19 feb 2021