Valencia, Day 2: Marc Marquez detta il ritmo

Lorenzo e Pedrosa sono vicini al campione del mondo, Valentino invece prende quasi 1"

Valencia, Day 2: Marc Marquez detta il ritmo
L'ultima ora della seconda giornata dei test collettivi di Valencia della MotoGp è stata decisiva per stilare la classifica finale. Sebbene le posizioni siano rimaste pressochè invariate, quasi tutti sono riusciti a migliorare le rispettive prestazioni. Davanti a tutti è rimasto Marc Marquez, che con la sua Honda RC213V 2014 è sceso fino a 1'30"536. Il campione del mondo in carica, che ieri si era concesso una giornata di riposo, sembra aver già trovato un grande feeling con la sua nuova moto ed è stato brillante anche dal punto di vista del passo, anche se nel primo pomeriggio ha rischiato anche di incappare in una scivolata alla curva 6, riuscendo comunque a rimanere in piedi. Nel finale anche Jorge Lorenzo ha limato di un paio di decimi la sua prestazione: pure il vice-campione del mondo ha lavorato sulla M1 2014, abbassando di circa mezzo secondo la prestazione realizzata nella prima giornata e mostrando a sua volta un passo interessante. Sotto al muro dell'1'31" hanno girato anche Dani Pedrosa e Stefan Bradl, con il tedesco che è arrivato a soli 42 millesimi dallo spagnolo, mostrando evidenti miglioramenti rispetto al weekend di gara. Dietro di loro completa la top five l'altra RC213V di Alvaro Bautista, che apre la schiera di coloro che invece sono rimasti al di sopra di questa soglia. Decisamente più indietro rispetto a ieri Valentino Rossi: il pesarese non è riuscito neppure a ripetere il crono che ha realizzato ieri, chiudendo settimo, alle spalle anche della M1 del Team Tech 3 affidata a Bradley Smith. Probabilmente il "Dottore" ha fatto un lavoro differente rispetto alla prima giornata, ma bisognerà attendere le sue dichiarazioni per averne conferma. Ottava la migliore delle Ducati, che è quella di Andrea Dovizioso, che si è migliorato di un paio di decimi rispetto a ieri, inserendosi nel finale davanti a Pol Espargaro, che comunque ha mostrato degli evidenti segnali di crescita in sella alla sua Yamaha, chiudendo a circa mezzo secondo da Rossi. Segue poi un terzetto di Ducati composto da Andrea Iannone, Cal Crutchlow e Michele Pirro: il britannico oggi ha faticato un po' di più e alla fine infatti il suo passivo nei confronti di Andrea Dovizioso è stato di circa mezzo secondo, ma in linea con quello di Iannone. L'esordio di Nicky Hayden sulla Honda RCV1000R si è chiuso in 13esima posizione: l'americano ha pagato un gap di un paio di secondi dalla vetta, ma è riuscito a mettersi dietro anche una delle Ducati, quella del colombiano Yonny Hernandez. Continuando a scorrere la classifica troviamo Aleix Espargaro e Colin Edwards, che hanno portato al debutto la Yamaha "Open" del Forward Racing, traendo una prima impressione positiva. 17esimo tempo per Michael Laverty, che ha provocato anche una bandiera rossa nell'ultima ora, finendo a terra alla curva 4 senza particolari conseguenze. Sull'altra ART-Aprilia della Paul Bird Motorsport è salito Randy De Puniet, che si è piazzato alle sue spalle. La classifica si completa poi con Scott Redding, la cui Honda RCV1000R ha patito qualche problema di natura elettrica, e con Mike Di Meglio, nuovamente in sella alla FTR-Kawasaki dell'Avintia Racing. MOTOGP, Valencia, 12/11/2013 Seconda giornata di test collettivi 1. Marc Marquez - Honda - 1'30"536 - 77 giri 2. Jorge Lorenzo - Yamaha - 1'30"768 - 60 3. Dani Pedrosa - Honda - 1'30"948 - 72 4. Stefan Bradl - Honda - 1'30"990 - 60 5. Alvaro Bautista - Honda - 1'31"208 - 72 6. Bradley Smith - Yamaha - 1'31"397 - 78 7. Valentino Rossi - Yamaha - 1'31"414 - 57 8. Andrea Dovizioso - Ducati - 1'31"661 - 62 9. Pol Espargaro - Yamaha - 1'31"836 - 72 10. Andrea Iannone - Ducati - 1'31"844 - 68 11. Cal Crutchlow - Ducati - 1'32"114 - 53 12. Michele Pirro - Ducati - 1'32"473 - 65 13. Nicky Hayden - Honda "Open" - 1'32"576 - 76 14. Yonny Hernandez Ducati - 1'32"800 - 27 15. Aleix Espargaro - Yamaha "Open" - 1'32"847 - 18 16. Colin Edwards - Yamaha "Open" - 1'33"149 - 34 17. Michael Laverty - ART-Aprilia - 1'33"672 - 43 18. Randy De Puniet - ART-Aprilia - 1'33"833 - 37 19. Scott Redding - Honda "Open" - 1'34"541 - 23 20. Mike Di Meglio - FTR-Kawasaki - 1'34"618 - 42
condivisioni
commenti
Valencia, Day 2, 15:30: Marquez al top, Hayden risale

Articolo precedente

Valencia, Day 2, 15:30: Marquez al top, Hayden risale

Prossimo Articolo

Bautista ha provato alcune novità per Showa e Nissin

Bautista ha provato alcune novità per Showa e Nissin
Carica commenti
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021
Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez" Prime

Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez"

La maturazione del pilota della Yamaha è evidente e con un pizzico di fortuna in più forse staremmo già parlando di un dominio incontrastato. Proprio come Marquez, Fabio sta dimostrando di saper andare anche oltre il valore del mezzo. E ora è davvero un peccato che lui e Marc non si possano battere alle pari...

MotoGP
1 giu 2021