Stoner: "Togliamo l'erba sintetica dalle piste"

L'australiano attacca la Commissione Sicurezza: "Lo dico da tempo, ma sbatto contro un muro"

Stoner:
Dopo che per un paio di giorni sono stati sotto la lente di ingrandimento i soccorsi a Shoya Tomizawa, i piloti della MotoGp hanno cominciato a spostare l'attenzione sulla sicurezza dei circuiti. In particolare l'attacco più duro è arrivato da parte di Casey Stoner, che non ha mai nascosto di non amare troppo le strisce d'erba sintetica sull'esterno delle curve, che proprio a Misano hanno tradito il povero Tomizawa. "L'asfalto extra oltre i cordoli dà la sensazione di essere invincibili: e questo causa molte uscite. Se dopoil cordolo ci fossero erba o ghiaia, nessuno andrebbe oltre" ha argomentato il pilota della Ducati. Secondo l'australiano le piste dovrebbero essere progettate pensando innanzitutto alla sicurezza dei motociclisti: "Le piste dovrebbero essere costruite con standard di sicurezza pensati per le moto, non per le auto: la ghiaia, anzichè erba sintetica e asfalto, creerebbe campanelli di allarme nella testa di ognuno di noi". E poi chiude con un attacco mirato alla Commissione Sicurezza: "Io sono da tempo contro contro questa soluzione, ma sbatto contro un muro: Rossi e Capirossi in Commisione di sicurezza si sono sempre dichiarati entusiasti dell'erba sintetica".
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Casey Stoner
Articolo di tipo Ultime notizie