De Puniet: operazione rimandata a fine 2011

De Puniet: operazione rimandata a fine 2011

Il francese deve farsi rimuovere viti e placche dalla gamba sinistra, ma è ancora presto

Randy De Puniet ci ha ripensato: qualche tempo fa aveva annunciato l'intenzione di operarsi per far rimuovere le viti e le placche che gli erano state inserite tra tibia e perone in seguito alle brutte fratture rimediate in un incidente al Sachsenring, ma ha deciso di rimandare tutto alla fine del campionato 2011. Il perno che gli è stato inserito è leggermente troppo lungo e gli provocava dolore e gonfiore al ginocchio, inoltre la frattura della tibia non si era ancora rimarginata completamente. Il grande lavoro di riabilitazione portato avanti dopo la conclusione del mondiale gli ha però permesso di migliorare la situazione, ma non di risolverla definitivamente. Inoltre i tempi di recupero non combacierebbero assolutamente con le sue esigenze. Dunque, il neo-pilota del Team Ducati Pramac ha deciso di stringere i denti e far passare un'altra stagione prima di sottoporsi ad un nuovo intervento. "E' una situazione un pò complicata: volevo rimuovere tutte le componenti metalliche dalla gamba, ma è ancora troppo presto" ha spiegato il francese a MotorCycleNews. "L'unica opzione era quella di rimuovere il perno troppo lungo per sostituirlo con un altro della dimensione giusta, ma questo tipo di intervento avrebbe richiesto uno stop di circa due mesi". "Un'altra soluzione potrebbe essere quella di rimuovere tutto dopo il primo test del 2011 a Sepang, ma non riuscirei mai a recuperare in tempo per il secondo test, visto che anche in questo caso si parla di sei settimane di riposo. Inoltre sarebbe pericoloso perchè in caso di incidente l'osso si potrebbe frantumare come un pezzo di ghiaccio. Per questo ho deciso di aspettare la fine del 2011 e di operarmi dopo l'ultima gara" ha concluso.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Randy de Puniet
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag codice della strada, dall'estero, inghilterra, sicurezza stradale