I piloti vogliono anticipare la gara di Phillip Island

I piloti vogliono anticipare la gara di Phillip Island

Rossi guida il coro di protesta: in questo periodo dell'anno fa troppo freddo

Cambia la location, ma a distanza di una settimana si riaccende la disputa tra Valentino Rossi e la Dorna, ancora una volta accusata di inchinarsi troppo arrendevolmente al benestare della Formula 1 per le decisioni riguardanti la MotoGp. Se a Sepang il problema era l'orario scelto per il via della gara, a Phillip Island il campione di Tavullia si è lamentato del periodo dell'anno scelto per mandare in scena il round australiano: in questo frangente infatti è difficile avere le temperature adatte allo svolgimento di una gara di questo livello. "Sono tre o quattro anni che diciamo che vogliamo Phillip Island all'inizio della stagione. Ci dicono sempre che il problema è la Formula 1 (I due Gp sono organizzati dallo stesso promoter locale, ndr). Da parte nostra abbiamo spinto al massimo ogni anno. Ma forse hanno bisogno di una situazione ancora peggiore rispetto a quella di oggi per recepire il messaggio" ha detto Valentino. Anche l'idolo locale Casey Stoner sembra essere d'accordo con Rossi: "Abbiamo tutti discusso in seno alla Commissione per la sicurezza: l'obiettivo è anticipare questa gara nel calendario. Il tempo generalmente è piuttosto buono quando viene qui il Mondiale Superbike (febbraio, ndr). Quando arriviamo noi invece piove quasi sempre". E per una volta è toccato anche al campione del mondo Jorge Lorenzo dare ragione al suo compagno di squadra: "Non c'è dubbio che bisogna monitorare questa situazione. A nessuno piace il freddo, quindi forse è il caso di cambiare la data".
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Piloti Valentino Rossi , Jorge Lorenzo , Casey Stoner
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag immatricolazioni, produzione