I piloti preferirebbero non andare in Giappone

I piloti preferirebbero non andare in Giappone

Lo ha rivelato Valentino Rossi. La Dorna però spinge per recuperare la gara di Motegi

Nell'incontro della Grand Prix Commission andato in scena ieri a Le Mans non si è parlato solo della questione sorpassi, con il famoso scontro tra Jorge Lorenzo e Marco Simoncelli. Un altro argomento su cui si è dibattuto parecchio è il recupero del Gp del Giappone fissato per il 2 ottobre a Motegi. La cosa che è parsa evidente è che c'è una differenza di vedute tra la Dorna ed il fronte composto dalle squadre e i piloti. Da una parte il promoter sembra intenzionato ad andare avanti con l'organizzazione dell'evento, saltato qualche settimana fa a causa del terremoto e dello tsunami. Gli addetti ai lavori invece preferirebbero evitare, spaventati dalla questione radiazioni (la centrale di Fukushima dista meno di 200 km). A fare il punto della situazione è stato Valentino Rossi: "Ezpeleta ci ha comunicato che al 90% il Gp del Giappone si fara' il 2 ottobre'' riporta l'Ansa. ''Lorenzo ha detto che lui non vuole andare. In effetti nemmeno io ci andrei e non ho ancora sentito uno che voglia andare. Bisognerebbe anche chiedere alla gente del paddock: sono tutti spaventati dalle radiazioni. Se ci provassero che rischi non ce ne sono...". Intanto oggi durante la diretta tv delle qualifiche, gli inviati di Italia 1 hanno anche rivelato che nel paddock di Le Mans circolava una voce interessante: in caso di eventuali sostituzioni, gli organizzatori del Gp del Qatar avrebbero dato la loro disponibilità ad ospitare una seconda gara, questa volta magari sotto la luce del sole.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag petrolio