Edwards è sicuro: "A Silverstone potrò correre"

L'americano vuole bruciare le tappe del suo ritorno in moto dopo la frattura alla clavicola

Edwards è sicuro:
Ieri i dottori hanno dovuto fare di tutto per convincerlo a non prendere il via nel Gp di Catalunya della MotoGp, ma siamo sicuri che a Silverstone non sarà facile fermarlo: Colin Edwards ieri voleva infatti tornare in sella alla sua Yamaha, nonostante fosse stato sottoposto solamente sabato ad un intevento chirurgico per rinsaldare la frattura alla clavicola rimediata nelle prove libere di venerdì. Texas Tornado ieri era presente ai box ed ha già fatto sapere di essere intenzionato a correre nel prossimo weekend: "So convinto di poter correre la settimana prossima. Non riesco a ricordare l'ultima volta che ho saltato una gara e sicuramente non mi piace guardarle in tv, quindi non vedo l'ora di tornare a lavorare con il mio team". Al pilota del team Tech 3 non sembra essere andata giù però la decisione dei medici di fermarlo: "Sono un po' deluso dalla decisione di non lasciarmi correre, perchè ci tenevo particolarmente a non fare "assenze". Posso capire però i motivi per cui è stata presa, anche se il dottor Mir ha fatto un grande lavoro sulla mia clavicola. In ogni caso non volevo fare l'intera gara, la mia intenzione era solo di fare qualche giro per vedere come si comportava la spalla". In ogni caso Colin non porta rancore e pensa solo alla prossima gara: "Essendo qui a Barcellona mi spiaceva interrompere la mia striscia di partecipazioni, ma ormai ho una certa età quindi sicuramente non perderò tempo ad arrabbiarmi per questo. Devo solo dedicarmi a fare tutto il possibile per essere sicuro di poter scendere in pista a Silverstone".
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento Gran Premio di Gran Bretagna
Circuito Silverstone
Piloti Colin Edwards
Articolo di tipo Ultime notizie