Morbidelli: "Fiducioso per domani, posso puntare al podio"

Il pilota del team Petronas domani scatterà dalla sesta casella e si è detto fiducioso di avere un passo ideale per puntare al podio dopo una qualifica finalmente positiva.

Morbidelli: "Fiducioso per domani, posso puntare al podio"

Franco Morbidelli è stato di parola. Ieri, al termine delle FP2, aveva detto che non doveva commettere errori in qualifica ed oggi è riuscito ad artigliare il sesto tempo nonostante le cose non fossero partite col piede giusto.

Il pilota del team Petronas, infatti, ha dovuto passare la Q1 per ottenere un risultato certamente di rilievo e nel Q2 è stato in grado di centrare la seconda fila con il crono di 1’37’’412 piazzandosi dietro ad un sorprendente Miguel Oliveira, quinto, e ad un ritrovato Valentino Rossi.

Morbidelli ha spiegato le difficoltà incontrate nelle FP3 parlando di alcuni cambiamenti di set-up che non hanno dato i riscontri sperati.

“E’ stato un sabato difficile, non iniziato nel migliore dei modi perché abbiamo provato un grande cambiamento e non siamo riusciti a tornare indietro nel corso delle libere. Ho dovuto fare il massimo con quello che avevo, ma alla fine siamo riusciti a passare la Q1 ed artigliare la seconda fila in Q2”.

“Questo era l’obiettivo minimo per il weekend. Sono contento, ma adesso dobbiamo migliorare qualche piccola cosa e farci trovare pronti per la gara”.

Franco ha poi affermato di essere fiducioso per la gara. La posizione di partenza è certamente buona ed un podio potrebbe essere alla sua portata.

“Ho un buon ritmo. Domani sarà dura al via contro i piloti ufficiali, ma conosciamo il nostro potenziale e cercheremo di ottenere il massimo. Domenica scorsa avevo detto che se fossi riuscito a partire davanti sarei riuscito a giocarmela per il podio”.

La qualifica di oggi ha messo in evidenza il grande balzo in avanti compiuto dalla Yamaha. Fabio Quartararo ha conquistato la seconda pole consecutiva tenendo Vinales a soli 95 millesimi di distanza, mentre Rossi, dopo aver faticato nel primo round stagionale, si è riscattato centrando il quarto crono in 1’37’’342.

Morbidelli ha così voluto sottolineare gli sforzi compiuti dalla Casa giapponese per migliorare nettamente la M1.

“La Yamaha ha fatto un grande lavoro e le moto stanno migliorando. Non ho una moto ufficiale come gli altri tre, ma ho un grande pacchetto. In queste due settimane sono quasi sempre riuscito a stare in top 5 e quindi non posso lamentarmi del mio mezzo. Oggi Quartararo, Vinales e Rossi sono stati più veloci di me, ma io domani cercherò di migliorarmi e di stare con loro. Di sicuro avere 4 Yamaha nei primi sei posti in classifica è un ottimo risultato”.

La domanda che tutti si fanno, però, è se la Yamaha potrà esprimersi sugli stessi livelli anche su piste con un layout differente. Secondo Morbidelli la M1 potrà essere competitiva su ogni circuito.

“Credo che quando ci saranno piste con rettilinei lunghi le Yamaha soffriranno di più. Sicuramente il tracciato di Jerez si sposa alla perfezione con le caratteristiche della M1. Dobbiamo vedere cosa accadrà negli altri circuiti, ma sia in Qatar che a Sepang siamo andati bene”.

Franco, infine, ha voluto sottolineare come il suo approccio alla gara non cambierà a causa degli infortuni rimediati da Marquez, Rins e Crutchclow.

“Facciamo uno sport pericoloso. Gli infortuni fanno parte della MotoGP e sei sempre a rischio. Credo che non mi approccerò in modo differente perché ci sono tre piloti non al 100%. Mi spiace per loro, ma non salgo in moto con il pensiero che potrebbe capitare anche a me. Non cambierò il mio approccio per questo”.

Guarda il Gran Premio Red Bull di Andalusia live su DAZN. Attiva ora

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
1/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
2/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
3/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
4/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
5/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
6/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
7/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
8/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
9/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
10/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
11/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
12/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
13/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
14/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
15/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
16/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
17/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
18/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
19/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
20/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
21/22

Foto di: Motogp.com

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
22/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Marquez: “Ho ascoltato il mio corpo, lo avevo promesso a Honda”

Articolo precedente

Marquez: “Ho ascoltato il mio corpo, lo avevo promesso a Honda”

Prossimo Articolo

Fotogallery MotoGP: Quartararo centra la seconda Pole a Jerez

Fotogallery MotoGP: Quartararo centra la seconda Pole a Jerez
Carica commenti
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021