Morbidelli: "Mi sono infortunato al ginocchio al ranch"

Il pilota del team Petronas ha chiuso le qualifiche firmando il quarto tempo, ma al mattino ha fatto temere dopo essere caduto sulla seconda moto a causa del cedimento del ginocchio sinistro.

Morbidelli: "Mi sono infortunato al ginocchio al ranch"

Dalla paura del mattino alla felicità del pomeriggio. Per Franco Morbidelli il sabato di Le Mans è stata una altalena di emozioni.

Il pilota della Yamaha del team Petronas è stato protagonista di una strana caduta in corsia box durante le FP3. Quando è entrato in pit lane Morbidelli è sceso al volo dalla sella per effettuare un cambio moto, ma non appena ha poggiato a terra la gamba sinistra è improvvisamente crollato sulla seconda M1.

Franco è stato subito soccorso dagli uomini del suo team che l’hanno portato dentro il box, ma fortunatamente è riuscito a prendere parte alle qualifiche firmando un ottimo quarto tempo che gli consentirà di aprire la seconda fila.

Subito dopo la sessione Morbidelli ha spiegato alla stampa cosa sia successo al suo ginocchio in quei frangenti.

 

“La scorsa settimana, quando mi allenavo al ranch, sono caduto e le conseguenze si sono viste oggi. Questa mattina, quando mi sono appoggiato sulla gamba sinistra, il ginocchio mi ha abbandonato e sono caduto sulla moto invece di salire in sella, ma stiamo già lavorando con la Clinica Mobile per intensificare il lavoro. Pomeriggio mi sono sentito molto bene e non ho avvertito dolore”.

Il pilota della Yamaha ha poi concentrato la sua attenzione su quanto fatto oggi dimostrandosi molto soddisfatto del lavoro svolto dal team.

“Sono felice di questo risultato. Oggi sul bagnato mi sono trovato meglio grazie anche alle giuste modifiche che abbiamo apportato. Questa mattina, poi, con molta acqua, mi sono sentito a mio agio. Alla fine del turno non abbiamo cambiato pneumatici ed abbiamo fatto più fatica, ma il set di gomme non era quello giusto per quelle condizioni”.

Vista la conformazione del tracciato di Le Mans, dove le velocità di punta non sono un fattore discriminante, Morbidelli potrà sperare di ottenere un risultato di rilievo?

“Spero di poter lottare per il podio viste le caratteristiche della pista e viste le condizioni mie e della moto”.

Franco ha poi fatto un paragone con quanto visto la passata stagione. Il pilota del team Petronas si è detto consapevole di essere cresciuto ed ha affermato di puntare a colmare alcune lacune viste nel 2020.

Leggi anche:

“Spero di essere migliorato rispetto allo scorso anno. Mi sento un pilota più maturo, cerco di crescere negli aspetti dove sono un po' carente, come la frenata dove nel 2020 non ero molto forte. Quest’anno abbiamo lavorato su questo aspetto per riuscire a dare il massimo di noi stessi e tirare fuori il massimo dalla moto”.

Morbidelli, infine, ha parlato delle sue aspettative per la domenica. Le sensazioni ricevute oggi dalla M1 sono positive, ma ci sono molti dubbi che saranno chiariti soltanto in gara.

“Domani sarà una gara dura a prescindere dalle condizioni. Tutti hanno molti punti interrogativi sulle gomme e sul feeling con la moto. Non c’è nulla di chiaro, ma noi abbiamo avuto un buon passo e spero possa essere un buon giorno”.

 “Non vorrei una gara flag to flag, sia per quello che è accaduto questa mattina sia per il fatto che in condizioni di pista umida non siamo veloci”.

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
1/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
2/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
3/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
4/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
5/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
6/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
7/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
8/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
9/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
10/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Savadori: "Con queste condizioni mi sento a mio agio"

Articolo precedente

Savadori: "Con queste condizioni mi sento a mio agio"

Prossimo Articolo

Rossi: "Troppo conservativo dopo l'errore"

Rossi: "Troppo conservativo dopo l'errore"
Carica commenti
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021